laRegione
la-posta-riorganizza-spariscono-14-filiali-nei-grigioni
Ats
Grigioni
03.07.19 - 14:380
Aggiornamento : 14:54

La Posta riorganizza, spariscono 14 filiali nei Grigioni

Da novembre l'ufficio postale di Brusio verrà sostituito dal servizio a domicilio. Altre trattative sono in corso

Da novembre l'ufficio postale di Brusio, nella Valposchiavo, verrà chiuso e sostituito dal servizio a domicilio. Si tratta del quattordicesimo caso nel cantone dei Grigioni.

"In realtà la Posta non procede alla chiusura delle proprie filiali – precisa il responsabile Comunicazione Sud della Posta, Marco Scossa –. Si tratta di implementare soluzioni alternative, quali ad esempio il modello della filiale con partner che presenta il vantaggio per la clientela di offrire un ampio ventaglio di prestazioni postali abbinato a estese fasce orarie di apertura, contribuendo a rafforzare l'economia locale attraverso il partenariato con commerci locali". Molte regioni anche discoste, conclude Scossa, possono contare sui benefici di questo modello.

Alla base della riorganizzazione della rete postale sul territorio, il calo dei clienti che sempre più raramente si rivolgono allo sportello degli uffici postali: "la digitalizzazione si fa sempre più strada nella vita quotidiana delle persone, che oggi sono più mobili e utilizzano i servizi della Posta, sia in viaggio che a casa, avvalendosi di diversi canali e questo 24 ore su 24. I volumi delle lettere sono in continua diminuzione e i versamenti vengono effettuati sempre più spesso online".

Dall'estate 2017 la Posta ha quindi avviato il dialogo con le autorità comunali per decidere quali uffici mantenere e quali sostituire: "non esistono criteri rigidi alla base della riflessione – spiega Scossa – ogni caso viene valutato singolarmente e in un'ottica che tiene in considerazione il contesto regionale".

La situazione nei Grigioni

Per quanto riguarda i Grigioni, La Posta aveva comunicato a maggio 2017 che le filiali garantite fino al 2020 sul territorio cantonale erano 32. Per altre 3 era già stata decisa la chiusura e sostituzione con altro tipo di punti di accesso ai servizi postali (Trimmis, San Bernardino e Churwalden).

Per altre 20 filiali il proseguimento dell'attività era "da valutare". Di queste a oggi quattordici, compreso l'ufficio di Brusio, sono già state sostituite con modelli alternativi (servizio a domicilio o filiali in partenariato), mentre tre (Tiefencastel, Cazis e Trun) sono passate tra le filiali garantite fino alla fine del 2020. Al momento è in corso il dialogo con le autorità locali per le filiali di Davos, Laax e anche per una delle quattro filiali del capoluogo, quella di Lacuna.

Quanto al destino del personale coinvolto "per principio si ricerca una soluzione alternativa al licenziamento, che può essere il prepensionamento, pensionamento, trasferimento o partenze spontanee. Una pianificazione rigorosa e che offre sufficiente margine temporale, permette di sfruttare al meglio la fluttuazione naturale del personale e di conseguenza di limitare quanto possibile licenziamenti".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Molestie sessuali, audit o Cpi? Il dilemma resta
La sottocommissione finanze della Gestione ieri è tornata a discuterne. La soluzione è ancora lontana, ma i partiti cominciano a prendere posizione
Luganese
2 ore
Lugano, la nuova piscina a otto corsie entro il 2028
La struttura sorgerà a Trevano, al posto di quelle (più piccole) attualmente in usa al Liceo 1 e proprio al Centro professionale.
Bellinzonese
9 ore
Tornata la luce nelle strade e nei castelli di Bellinzona
Il direttore Amb, Mauro Suà, parla di un guasto nel frattempo risolto al comando dell’illuminazione pubblica di vecchia generazione
Mendrisiotto
10 ore
Cure a domicilio, sempre più vicini al territorio
L’Associazione del servizio regionale sta pensando a un centro di prevenzione a Morbio Inferiore. Trattative in corso per Casa Cereghetti
Luganese
10 ore
Lugano, Comitato commercianti scettico sul Polo sportivo
I vertici sottoscrivono l‘Appello per il no, a causa dei ‘comunali’ spostati a Cornaredo, ma il presidente precisa: ’Ci sono anche i favorevoli’
Mendrisiotto
11 ore
Tutti i treni del mondo fermano alla Galleria Baumgartner
Il centro espositivo taglia il traguardo dei 20 anni. Apertura speciale dall’1 al 7 novembre. La storia del convoglio racchiusa nel collezionismo
Bellinzonese
11 ore
Disastro del Palasio, ‘non è arrivata alcuna allerta meteo’
Bellinzona: il municipale Bang ha anche spiegato che la camera di ritenuta crollata il 7 agosto non aveva in precedenza mai dato segni di cedimento
Bellinzonese
12 ore
Chiesto più impegno al Teatro Sociale di Bellinzona
Dal Consiglio comunale diverse sollecitazioni per una migliore promozione e raccolta sponsorizzazioni. Citato l’esempio della Humabs Biomed
Mendrisiotto
13 ore
L’aula nel bosco a Stabio ora è realtà
Conclusi i lavori per la realizzazione dello spazio didattico immerso nella natura. Prenotazioni possibili annunciandosi al Dicastero ambiente
Bellinzonese
13 ore
Energia elettrica, Bodio autosufficiente nella misura del 50%
Con l’apporto di due nuovi impianti fotovoltaici approvati ieri dal legislativo, il Comune riuscirà in futuro a soddisfare 210 economie domestiche su 400
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile