laRegione
laR
 
30.11.22 - 05:20
Aggiornamento: 18:59

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca

nuova-sede-ior-a-bellinzona-approvato-lo-studio-di-fattibilita
Ti-Press
Nella parte sterrata l’area riservata al nuovo Ior

Via libera del Consiglio di fondazione dell’Istituto oncologico di ricerca (Ior) allo studio di fattibilità architettonica per la nuova sede da 45 milioni di franchi prevista ai margini del Parco urbano di Bellinzona, accanto a quella dell’Istituto di ricerca in biomedicina (Irb) inaugurata un anno fa. Giovedì scorso il Cdf ha ratificato il dossier elaborato dall’architetto vodese di fama internazionale Dimitri Papadaniel. «Entro un mese l’incarto, completo di programma scientifico per i prossimi anni, sarà quindi trasmesso all’Università della Svizzera italiana cui lo Ior è affiliato», spiega alla ‘Regione’ il presidente del Cdf Franco Cavalli. La procedura in questi casi prevede infatti la competenza dell’Usi per i rapporti con Berna e più precisamente la richiesta di aiuti finanziari, senza i quali l’importante struttura scientifica risulterebbe difficilmente realizzabile. Seguirà quindi a breve l’inoltro della richiesta di sussidio alla Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (Sefri) attiva in seno al Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca. Solitamente l’avallo federale prevede a cascata il coinvolgimento anche delle autorità cantonali per il contributo pubblico di loro competenza. In questo caso un primo incontro con una delegazione del Consiglio di Stato potrebbe tenersi ancora prima delle elezioni cantonali 2023. Dopodiché, qualora Berna dichiarasse la propria disponibilità, partirebbe la fase successiva, a cominciare dal lancio del bando di concorso per la progettazione.

Città interessata all’auditorium

Avviato a marzo, finanziato con mezzi privati e consegnato a fine settembre al Consiglio direttivo dello Ior rispettando la tabella di marcia, lo studio di fattibilità si era reso necessario per verificare nel dettaglio, insieme ai preposti servizi comunali e cantonali, lo stato pianificatorio del comparto e la sua reale possibilità edificatoria in base agli indici già utilizzati per il nuovo Irb e a quelli ancora a disposizione nel mappale, oggi sterrato, pure di proprietà del Comune di Bellinzona. Città che lo metterà a disposizione gratuitamente, come già fatto con l’Irb, tramite un diritto di superficie di lunga durata. Se sia prevedibile, e in quale misura, un ulteriore aiuto finanziario comunale, il sindaco Mario Branda al momento non sa dirlo: «Il tema dovrà essere discusso a tempo debito». L’impegno dimostrato a favore dell’Irb è stato importante: oltre ai canoni d’affitto assicurati dal Comune durante l’ultimo ventennio per le sedi precedenti dell’Irb in via Vela e via Murate – un aiuto che ha contribuito a consolidare la ricerca biomedica nella capitale ticinese – la Città ha successivamente stanziato, nel 2017, altri 12,8 milioni: ossia 10 a fondo perso (che hanno sostituito i precedenti canoni d’affitto) e 2,8 trasformati da prestito già in essere a contributo a fondo perso. Pari a ulteriori 6 milioni il valore del diritto di superficie.

L’eventuale contributo comunale

A parte il nuovo e ulteriore diritto di superficie, «se ci sarà un finanziamento comunale anche per lo Ior, non potrà essere della medesima entità di quello voluto per l’Irb», preannuncia il sindaco ricordando che lo studio di fattibilità per lo Ior prevede anche l’inserimento di un auditorium con una capienza di 250 posti a sedere. In questo ambito il Municipio ha segnalato il proprio interesse – rileva il sindaco – affinché possa essere utilizzata anche per eventi pubblici extra Ior: «In questo senso dunque potrebbe eventualmente inserirsi una partecipazione finanziaria comunale. Valutazioni sono in corso». A livello pianificatorio il mappale è peraltro già iscritto a Piano regolatore quale riserva per poter accogliere il secondo stabile e gli indici di sfruttamento forniscono a loro volta chiare informazioni su superficie e volumetria massime ammesse. Oltre al contributo che verrà richiesto alla Confederazione e al Cantone, la Fondazione dello Ior conta di poter far capo a un generoso aiuto già preannunciato da una conoscente del dottor Cavalli: residente in Ticino, ha già sostenuto diverse attività dello Ior e finanziato lo studio di fattibilità.

Lo sviluppo

Nel nuovo edificio, ricordiamo, sono previsti spazi e laboratori in grado di soddisfare le esigenze operative di dodici gruppi di studio, quattro in più degli attuali otto sparsi fra il nuovo Irb e la vecchia sede di via Pometta. Il tutto completato da aule per le lezioni nell’ambito del master di medicina, nonché da una mensa che verrebbe usata dai ricercatori attivi nel comparto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
6 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
10 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
15 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
1 gior
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
1 gior
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
1 gior
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
© Regiopress, All rights reserved