laRegione
29.11.22 - 18:02
Aggiornamento: 30.11.22 - 14:50

Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto

La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale

squadra-esterna-di-biasca-a-processo-per-vie-di-fatto
Ti-Press
Il Municipio ha avviato un’inchiesta amministrativa che è ancora in corso

Vie di fatto. È questa l’accusa promossa a suo tempo dal Ministero pubblico nei confronti di un collaboratore della squadra esterna di Biasca gestita dall’Ufficio tecnico comunale. Non proprio, quindi, una scazzottata fra due persone – come avevamo riferito a inizio maggio –, ma un atto di violenza subito lo scorso 30 marzo dal caposquadra Ivar Albertoni. Terminata l’inchiesta, la Procura ha firmato il 12 settembre un Decreto d’accusa proponendo che l’operaio manesco venga condannato al pagamento di una multa. Questi, patrocinato dall’avvocato Patrick Gianola, ritenendosi innocente ha nel frattempo inoltrato opposizione, accettando così di sottoporsi a un processo che la Pretura penale dovrà ora agendare. I fatti così come ricostruiti dal procuratore indicano che l’operaio durante una discussione col proprio superiore – seduto alla sua scrivania nei magazzini comunali – lo avrebbe afferrato per le spalle, colpendogli la nuca e graffiandogli il braccio sinistro. E questo perché non era d’accordo con un compito assegnatogli: si è dapprima lamentato verbalmente e in seguito sarebbe passato alle vie di fatto dopo che il caposquadra ha confermato la propria decisione dicendogli che se non era d’accordo avrebbe potuto uscire e andare a casa.

Nessuna prova per il reato di minaccia

Non ha invece trovato fondamento, per mancanza di prove, l’ipotesi di reato di minaccia: stando ad Albertoni, che aveva sporto querela lo stesso giorno nel quale sono avvenuti i fatti, l’operaio gli avrebbe anche detto "ti sbriso il musone" (ovvero "ti spacco la faccia"). Una versione dei fatti che, tuttavia, un testimone intervenuto a separare i due dopo l’alterco, non ha confermato, pur non escludendo che tali parole fossero effettivamente state dette. Secondo l’operaio indagato, invece, non sarebbero mai state proferite minacce e i due non sarebbero mai venuti alle mani.

Comportamenti discriminatori, mobbing ed emarginazione

Ricordiamo che a seguito di questo episodio il Municipio ha ordinato l’avvio di un’inchiesta amministrativa – condotta da una delegazione dell’esecutivo con la collaborazione dell’avvocato Marco Bertoli, già procuratore pubblico e attuale sindaco di Cadenazzo – per approfondire cosa stia succedendo all’interno dell’Ufficio tecnico, squadra esterna inclusa. Stando a nostre informazioni, si parla di comportamenti discriminatori, di mobbing e di emarginazione sistematica. Fatti che l’inchiesta, ormai in corso da diversi mesi, sta ancora accertando. Di conseguenza il clima all’interno del settore resta, evidentemente, molto teso. La speranza è quindi che la situazione si possa risolvere il più presto possibile.

Leggi anche:

Scazzottata fra operai comunali a Biasca: scatta l’inchiesta

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito
Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
2 ore
Plr e Verdi di Gordola: ‘Manteniamo il moltiplicatore all’84%’
Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
4 ore
Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla
Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Locarnese
9 ore
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
21 ore
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
23 ore
Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista
L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
1 gior
Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico
La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
1 gior
Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista
L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
1 gior
A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa
Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
1 gior
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
© Regiopress, All rights reserved