laRegione
19.10.22 - 14:16
Aggiornamento: 17:21

Anziana precipita e muore, inchiesta alla Residenza Pedemonte

Bellinzona: la Procura per ora esclude l’intervento di terze persone. Il cordoglio del municipale Soldini. Gli auspici del sindacalista Testa

anziana-precipita-e-muore-inchiesta-alla-residenza-pedemonte
Ti-Press
La casa anziani Residenza Pedemonte di Bellinzona

Un’inchiesta è stata aperta sul decesso di un’ospite della Casa anziani Pedemonte di Bellinzona. La donna è deceduta lunedì precipitando al suolo da una finestra della struttura gestita dal Servizio anziani della Città. Interpellato dalla redazione, il Ministero pubblico conferma l’avvio, come da prassi in questi casi, di verifiche penali volte a comprendere la dinamica della disgrazia e il contesto in cui essa è successa; per il momento gli accertamenti eseguiti e le testimonianze raccolte permettono di escludere l’intervento di terze persone. A sua volta il municipale Giorgio Soldini specifica di essere in contatto con i familiari della signora deceduta: «Tuttavia senza il loro consenso» il capodicastero Anziani e Ambiente non rilascia informazioni: «Attendiamo di poterli incontrare per valutare se fornire un’informazione pubblica e, in caso positivo, di che tipo». Famiglia «cui esprimo la vicinanza e il sentimento di cordoglio a nome delle autorità cittadine».

Che si tratti di gesti estremi compiuti volontariamente, o di incidenti originati o favoriti da fattori di vario tipo, in linea generale a livello di Servizio anziani comunale e di Municipio rimane d’attualità la riflessione su cosa possa e debba fare un istituto come la Residenza Pedemonte, e le altre analoghe strutture cittadine, per evitare dal profilo logistico, gestionale e operativo, nel rispetto delle direttive cantonali e federali in materia, che si verifichino episodi tragici come quello capitato lunedì. Nel caso specifico andrà peraltro considerato, tra le varie cose, anche lo stato di salute generale della persona deceduta e, in particolare, se fosse affetta da demenza senile (come sembrerebbe, stando a nostre informazioni).

Spazi adeguati e forza lavoro sufficiente

Indipendentemente da quanto accaduto lunedì, un’altra questione aperta da lungo tempo interroga tutti i gestori delle strutture di accoglienza per la terza e quarta età non più autosufficiente, come pure le autorità politiche preposte a finanziarne la corretta operatività rispondendo alle esigenze crescenti e in costante evoluzione. Parliamo della disponibilità logistica e di forza lavoro: da una parte appositi spazi e reparti nei quali accudire con la dovuta qualità gli ospiti, specialmente quelli affetti da demenza senile, dall’altra personale debitamente formato e impiegato in numero sufficiente, soprattutto nei periodi caratterizzati da molte assenze per malattia come successo un po’ ovunque negli ultimi due anni caratterizzati dalla pandemia. Sollecitato dalla redazione anche su questo punto, Soldini per il momento non entra nel merito rinviando, come detto, ogni eventuale dichiarazione e spiegazione a tempo debito.

‘Devastante per il morale dei curanti’

«Indipendentemente dal fatto che si sia trattato di un gesto estremo o di un incidente, vicinanza particolare va dimostrata in questi tristi frangenti anche nei confronti dell’équipe della casa anziani che accudiva l’ospite deceduta», sottolinea il sindacalista Vpod Stefano Testa: «Pur non conoscendo i dettagli di quanto accaduto lunedì, per esperienza so che fatti di questo tipo sono devastanti per il morale e la motivazione del personale curante direttamente toccato».

‘Calcolo antiquato’, arriva l’iniziativa popolare

In soldoni – evidenzia Testa ampliando il discorso sulle scelte politiche – uno dei «grandi problemi generali che riguarda la stragrande maggioranza delle case per anziani ticinesi, è il metodo di calcolo ormai antiquato col quale Comuni, enti e fondazioni fissano il numero di collaboratori necessario ad assicurare in ogni momento, pandemia compresa, la corretta disponibilità di personale curante e di assistenti». Un calcolo «che matematicamente genera un numero insufficiente, il quale a sua volta produce una qualità della prestazione ben distante da quella realisticamente necessaria, finendo per mettere sotto pressione il personale in formazione come allievi e stagisti». Da qui l’imminente lancio di un’iniziativa popolare legislativa denominata ‘Per cure sociosanitarie e prestazioni socioeducative di qualità’, i cui dettagli saranno presentati domani alla stampa dal sindacato Vpod: «La politica cantonale sta facendo ben poco ed è giunto il momento di apportare gli indispensabili correttivi a sostegno di queste professioni».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
6 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
7 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
8 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
9 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
9 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
10 ore
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
11 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
12 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
15 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
15 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
© Regiopress, All rights reserved