laRegione
laR
 
08.10.22 - 05:20
Aggiornamento: 17.10.22 - 18:29

Cultura in tutte le sue forme sotto il tetto dell’ex Cima Norma

Presentata la domanda di costruzione per un vasto progetto di ristrutturazione dell’ex fabbrica. L’idea è un Centro polifunzionale con alloggio

cultura-in-tutte-le-sue-forme-sotto-il-tetto-dell-ex-cima-norma
Rendering del progetto

Con la domanda di costruzione inoltrata a fine agosto alla cancelleria comunale di Blenio, fa un primo passo significativo il progetto per la riqualifica e il riuso dell’ex fabbrica di cioccolato Cima Norma situata a Dangio. L’intenzione – di cui ha dato notizia ‘La Voce di Blenio’ sulla sua ultima edizione – è quella di ristrutturare l’ex complesso industriale al fine di renderlo un Centro polifunzionale con alloggio, dove potranno trovare spazio contenuti legati alla cultura in tutte le sue espressioni, dall’arte alle attività di artigianato, dalla gastronomia alla storia e alle tradizioni della regione. La strada è ancora lunga, mettono in chiaro i promotori. «Speriamo che possa essere capita e sostenuta dall’opinione pubblica: è un’idea innovativa e variegata, e ritengo che sia proprio questo l’aspetto interessante», rileva Giovanni Casella Piazza, presidente della Fondazione La fabbrica di cioccolato (attualmente già presente nel grande stabile di Dangio dove da anni propone attività artistiche e culturali) e tra i promotori del progetto riuniti nella neocostituita società Vb-Heritage Sa. «Come lo è stato in passato, l’obiettivo è che questo stabile torni a essere un polo d’attrazione e di servizio per tutta la comunità». L’operazione è di natura privata e richiederà un investimento importante (l’ipotesi di cifra non viene per ora svelata). Ottenuta la licenza edilizia, i passi successivi di un iter che indica settembre 2025 quale possibile data della fine della costruzione vera e propria riguarderanno gli accordi con investitori e finanziatori, e con le realtà interessate a utilizzare gli spazi.

60 posti letto, laboratori per artigiani e ampi spazi per seminari ed esposizioni

Iniziando dalla parte ricettiva, è prevista la realizzazione di 10-15 camere ‘Bed and Breakfast’ ad alto standard e di un’altra dozzina di camere pensate principalmente per ospitare seminari di gruppi di studenti. In totale circa 60 posti letto, esclusa la decina di appartamenti attualmente già presenti ai quali se ne aggiungeranno altri quattro. Si prevedono poi spazi di lavoro per artigiani e laboratori di varia natura a disposizione di creativi di vario genere, dallo scultore al musicista passando per lo specialista agroalimentare. I committenti hanno chiesto ai progettisti di prevedere una sala conferenze per 100-150 persone. Pensando al turismo e alle visite scolastiche, ci si immagina uno spazio museale interattivo che possa fungere da luogo di informazione sul patrimonio storico-paesaggistico della regione, con particolare riferimento alla tradizione culinaria e cioccolatiera. Troveranno posto anche la musica e il teatro con una sala prove e una piazza pianeggiante per ospitare eventi all’aperto. Previsto pure un ristorante che oltre al luogo di aggregazione del centro sia anche la sede di corsi post-formazione. Tanto spazio rimarrà per le attività culturali e artistiche, comprese quella della Fondazione, così come per esposizioni, fiere e convegni. I progettati spazi modulabili si riveleranno particolarmente idonei per ospitare attività di formazione. Casella fa notare che già oggi scuole, università, accademie sono regolari frequentatrici dell’ex fabbrica, e da loro sono arrivate conferme circa l’interesse per quanto si vuole realizzare a Dangio. «L’inoltro della domanda di costruzione è il frutto di un attento lavoro di qualche anno, nei quali abbiamo raccolto esperienza e conosciuto bene la realtà della Valle e di questa fabbrica», afferma Giovanni Casella Piazza, ricordando che il progetto di valorizzazione dello stabile in ambito culturale trova valenza nel masterplan Valle di Blenio. E a tal proposito nel 2016 erano stati consegnati due studi di approfondimento promossi dall’Ente regionale per lo sviluppo. «L’idea è di avere dei contenuti differenziati in modo da poter accogliere un pubblico eterogeneo – spiega Davide Macullo, architetto di uno tre studi ai quali è stata affidata la progettazione –. Si vorrebbe influenzare il destino economico di una regione attraverso l’apporto di un contenuto legato alla cultura. Se in Valle di Blenio è difficile inserire un certo tipo di industria, grazie alla qualità di vita si ha però il potenziale per attrarre piccole attività legate sia all’artigianato che all’arte». Per i promotori è importante che in futuro si possa lavorare in rete «con le infrastrutture già presenti o che nasceranno», pensando ad esempio alla riqualifica del Polisport di Olivone e alla realizzazione del Centro turistico alberghiero ad Acquarossa.

Nel progetto inclusa anche l’idea di realizzare un’ottantina di parcheggi, la volontà di attuare una soluzione energetica ecosostenibile, secondo gli standard e le normative più recenti. I promotori, i quali hanno in programma di organizzare una serata pubblica per spiegare il progetto alla popolazione, spiegano infine che le scelte architettoniche saranno ponderate al fine di mantenere il più possibile il carattere ‘industriale’ del complesso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
18 min
Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio
Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare.
Bellinzonese
1 ora
Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’
Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
1 ora
Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti
In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
2 ore
Sei itinerari tematici per i parchi insubrici
Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
6 ore
Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado
Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
Locarnese
6 ore
Negozio alimentari e Posta: ‘Gordola può star tranquilla’
Il vicesindaco René Grossi, da proprietario dell’immobile interessato, risponde alle critiche preventive di Plr e Verdi Liberali
Ticino
12 ore
Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro
Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
13 ore
Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio
Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Mendrisiotto
15 ore
Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone
Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
15 ore
La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti
Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
© Regiopress, All rights reserved