laRegione
05.10.22 - 13:07
Aggiornamento: 19:32

I dipendenti di Bellinzona: ‘Meritiamo un carovita del 4-5%’

La Commissione del personale chiede al Municipio di compensare integralmente i mancati adeguamenti dal 2010 a oggi: sarebbero 5 milioni annui in più

i-dipendenti-di-bellinzona-meritiamo-un-carovita-del-4-5

Ottenere il 4-5% di carovita per far fronte ai rincari più recenti e anche per recuperare il mancato adeguamento dal 2010 a oggi. Questo il succo della richiesta inoltrata nei giorni scorsi al Municipio di Bellinzona dal comitato della Commissione del personale della Città, di cui fanno parte anche i sindacati Vpod e Ocst, in rappresentanza di quasi 1’500 dipendenti che corrispondono a circa 870 unità a tempo pieno (dato aggiornato a fine 2021). "Come tutti noi appuriamo quotidianamente e come dimostrano i fatti – attacca la lettera di due pagine – è realtà l’impennata dei prezzi al consumo in tutti i settori dell’economia". L’Ufficio federale di statistica "indica in quali ambiti vi sono gli aumenti maggiori considerando i prezzi rispetto allo scorso anno; ambiti per i quali si prospettano ulteriori rialzi nei prossimi mesi". Segue un elenco con energia a +42,3% (ndr: l’incremento a Bellinzona sarà però molto più ridotto), salute +4,2% (ndr: ma in Ticino l’aumento medio dei premi di cassa malati è del 9,2%), affitti +4%, vestiario +3,4%, costi amministrativi +4,1% e trasporti +10,4%. Incrementi "che causano una notevole pressione sui salari e soprattutto sul potere di acquisto delle persone". A questo riguardo la commissione fa anche notare che le cifre "non integrano la perdita sulla remunerazione del capitale di previdenza, che ammonta mediamente all’1% negli ultimi cinque anni".

‘Evitare l’impoverimento delle persone’

Per rispondere "adeguatamente" a questa situazione, la Commissione del personale ritiene "doveroso rivendicare un’adeguata compensazione dell’inflazione", considerando "le difficoltà cui devono e dovranno far fronte i salariati". Pure "doveroso" considerare che negli ultimi dodici anni "la scala salariale non è mai stata adeguata". Da qui la rivendicazione di un "aumento integrale, da calcolare sullo stipendio lordo, pari al 4-5% tenuto conto della progressione dei costi della vita che si prospettano da qui alla fine dell’anno e che non sono ancora indicizzati". La proposta rivolta al Municipio "prevede pertanto di includere la compensazione dell’inflazione con il recupero del ritardo, maturato negli ultimi anni, nella progressione degli stipendi". La proposta "permetterebbe di mitigare, almeno in parte, l’incombente crisi del potere d’acquisto e quindi di evitare l’impoverimento delle persone, come peraltro mai successo fino a ora". Impoverimento "che si ripercuoterebbe negativamente sulle condizioni di vita e sociali".

‘Città sia da esempio’

La commissione si dice inoltre ben motivata a sostenere le rivendicazioni sottolineando il "costante impegno dei collaboratori dimostrato anche in momenti particolarmente difficili", come in occasione dei picchi pandemici. Pure segnalato il fatto che "numerosi contratti collettivi di lavoro prevedono un adeguamento automatico dei salari al carovita". In definitiva la commissione sprona la Città di Bellinzona a essere "da esempio per l’intera comunità" laddove viene indicato come un "Comune responsabile che tiene in considerazione il benessere del proprio personale".

Massa salariale cresciuta di 5 milioni in 5 anni

Rispondendo alcuni mesi fa a un’interpellanza, il Municipio indicava l’evoluzione dei costi diretti del personale riguardanti stipendi e oneri sociali: rispetto al 2018 (94,46 milioni) la cifra indicata nel Preventivo 2022 ammontava a 99,5 milioni. "Nel complesso il volume di spesa è cresciuto di circa 5 milioni (+ 5,32%) a seguito di aumenti ordinari previsti da Rod e Lord per i collaboratori e i docenti e di promozioni del personale; tale operazione non vi era tuttavia stata nel 2021 al fine di contenere la spesa". La richiesta formulata ora dalla Commissione del personale, se accolta integralmente, farebbe crescere la massa salariale di altri 5 milioni portandola a 105 annui. Dieci in più rispetto al primo anno completo di aggregazione comunale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
6 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
8 ore
Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline
Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
11 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
11 ore
Salario minimo non adeguato all’inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
16 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
18 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
20 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
20 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
21 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
22 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
© Regiopress, All rights reserved