laRegione
laR
 
23.09.22 - 05:30
Aggiornamento: 15:20

Ragazzi morti in montagna, Cantone invitato a ridurre i pericoli

In una lettera la Sat Lucomagno sensibilizza la Sezione della mobilità sulla ‘direttissima’. Migliorano le condizioni del 14enne ticinese

ragazzi-morti-in-montagna-cantone-invitato-a-ridurre-i-pericoli
Ti-Press

La tragedia consumatasi il 4 settembre sopra Ghirone, dove tre 14enni sono caduti lungo il sentiero non ufficiale che scende dalla capanna Scaletta fino a Pian Geirett, non ha lasciato indifferente la Società alpinistica ticinese, sezione Lucomagno, proprietaria del rifugio alpino. Due coetanei della polisportiva Virtus di Bisuschio, che stavano tornando in basso da un’escursione mattutina, sono deceduti e un terzo ragazzo di Mendrisio è rimasto gravemente ferito. Quest’ultimo non faceva parte del gruppo varesino, né conosceva i coetanei, e si è avvicinato al punto della caduta per verificare la situazione ed eventualmente portare soccorso. Ricoverato d’urgenza all’ospedale, grazie alle cure prestate il suo stato di salute sta migliorando. Riguardo alla pericolosità di quel tratto di montagna, il comitato della Sat Lucomagno ha voluto prendersi il tempo necessario a riflettere sul futuro del collegamento definito nell’ambiente ‘direttissima’ richiedendo mezz’ora in meno rispetto a quello ufficiale, più lungo, demarcato in bianco e rosso. Una ‘direttissima’ molto ripida scelta da una parte del gruppo sportivo, una volta lasciata la capanna, per poter pranzare in orario a Campo Blenio.

‘Misure utili per il tratto non demarcato’

Fatte le valutazioni del caso, il comitato ha deciso di non volersi ingaggiare nell’implementazione d’interventi migliorativi tramite per esempio la posa di corde ferrate o la sistemazione dei passaggi più impervi e rischiosi. Perciò settimana scorsa ha inviato una lettera alla Sezione della mobilità che al Dipartimento del territorio è responsabile per il Cantone della definizione della rete sentieristica. "Chiediamo ai vostri Uffici – scrive la Sat Lucomagno – se vi siano, o se possano essere identificati, altri sbocchi/visioni attuabili per modificare lo statuto della ‘direttissima’ rispetto a quello di considerarla liberamente accessibile a tutti gli utenti non essendoci divieti di transito". Nel concreto, l’intento del comitato presieduto da Enea Solari "è quello di sensibilizzare e invitare ulteriormente gli Uffici competenti a chinarsi sul tema affinché vengano adottate quelle misure utili a ridurre i pericoli esistenti sul tratto non demarcato".

‘Non è un valore aggiunto per la capanna’

La Sat Lucomagno non è proprietaria del terreno lungo il quale si snoda la ‘direttissima’ e non considera la sua esistenza come un valore aggiunto per la capanna Scaletta, finita suo malgrado al centro dell’attenzione nei giorni successivi alla tragedia. Riguardo poi al fatto che la lettera rappresenti un "invito ulteriore" rivolto al Cantone, è da ricondurre al precedente tentativo, fatto un anno fa coinvolgendo i medesimi Uffici, di ufficializzare il tragitto come traccia alpina caratterizzata dalla segnaletica blu e bianca. In quel frangente la richiesta era stata respinta dalle autorità. Basandosi sul preavviso negativo espresso dalla Commissione cantonale dei sentieri (Ccs), la Sezione della mobilità aveva infatti ritenuto inopportuno promuovere ufficialmente la traccia biancoblù per non correre il rischio che attirasse un elevato numero di escursionisti pronti a cimentarvisi. Interpellata dalla redazione, la Sezione della mobilità per ora preferisce non esprimersi: il caposezione Mirco Moser conferma la ricezione della lettera ma non intende anticipare le possibili misure attualmente discusse all’interno della Ccs, commissione consultiva degli organi cantonali ai quali compete alla fine la decisione.

Leggi anche:

Blenio, morto anche il secondo 14enne varesino caduto

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
6 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
8 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
9 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
9 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
10 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
10 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Luganese
15 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
16 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
video
Locarnese
16 ore
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti
Luganese
17 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
© Regiopress, All rights reserved