laRegione
laR
 
21.09.22 - 05:30

Coppa svizzera: ‘Se possibile si giocherà ad Arbedo-Castione’

Il sindaco Luigi Decarli spera che il campo attualmente impraticabile possa essere pronto per la partita contro il San Gallo in programma a novembre

coppa-svizzera-se-possibile-si-giochera-ad-arbedo-castione
Ti-Press
La squadra biancoverde già affrontata nel 2004, con qualche disagio legato ai tifosi ospiti

«Il Municipio farà il possibile per far sì che il campo sarà pronto». Il sindaco di Arbedo-Castione Luigi Decarli è «fiducioso» che gli ottavi di finale di Coppa Svizzera di calcio – in programma l’8, il 9 e il 10 novembre contro il San Gallo – potranno essere effettivamente disputati ‘in casa’. E questo dopo che il turno precedente è stato giocato, generando alcuni malumori, a Giubiasco: non per volontà della società o delle autorità, ma perché il campo era impraticabile a causa dei festeggiamenti per i 600 anni della battaglia di Arbedo e i 200 anni dell’aggregazione con Castione che si sono svolti dal 2 al 4 settembre. Un «evento epocale programmato da un anno» che si è svolto proprio al campo sportivo, rovinando il manto erboso.

In alternativa ancora Giubiasco o Bellinzona

Campo che ora resterà chiuso a tutte le attività (allenamenti e partite di allievi e prima squadra) almeno fino al 30 settembre. A dipendenza delle condizioni del terreno da gioco, nelle prossime settimane l’Ac Arbedo-Castione deciderà dunque se giocare ‘in casa’ o altrove. L’obiettivo, e la speranza, è sicuramente quella di disputare la partita nella propria struttura, ma se ciò non sarà possibile, le opzioni più accreditate sembrano essere quelle di giocare ancora a Giubiasco o allo Stadio Comunale di Bellinzona. E questo – rileva il sindaco – «grazie agli ottimi rapporti con la Città che hanno permesso di organizzare una festa eccezionale» lo scorso 17 settembre, quando l’Arbedo-Castione (che milita in Seconda Lega) ha battuto per 6-0 il Sarmenstorf (pure di Seconda Lega) nei sedicesimi di finale di Coppa.

La sfida della sicurezza

Una festa alla quale hanno partecipato anche numerosi tifosi della squadra argoviese: «Sono stati molto corretti, malgrado la pesante sconfitta», sottolinea Decarli. Una festa riuscita, anche a livello logistico e organizzativo, «grazie all’ottima collaborazione con la Città di Bellinzona e con l’Us Giubiasco». Dal punto di vista della sicurezza, la partita in programma a novembre contro una squadra della massima categoria come il San Gallo sarà sicuramente più impegnativa. In particolare sarà necessario raggruppare i numerosi tifosi ospiti in un settore chiuso riservato a loro e gestire in modo ottimale l’afflusso allo stadio. In ogni caso l’Ac Arbedo-Castione, responsabile della sicurezza, «sarà sicuramente pronto, indipendentemente da dove si giocherà», afferma il sindaco, precisando che «il Municipio sosterrà la società nell’organizzazione dell’evento».

‘Spero che possa essere una festa, senza episodi spiacevoli’

Decarli ha inoltre già esperienza in quest’ambito, visto che per oltre 20 anni è stato presidente della squadra locale quando si chiamava ancora Us Arbedo. E nel 2004 aveva affrontato nei trentaduesimi di finale di Coppa Svizzera proprio il San Gallo, perdendo 3-1. Allora la partita era stata disputata effettivamente ‘in casa’ e «qualche disagio legato ai tifosi ospiti vi era stato». A far propendere la società per giocare su un altro terreno da gioco, oltre alle condizioni del manto erboso, potrebbero quindi anche essere gli aspetti legati alla sicurezza. Ma, ovviamente, se sarà possibile giocare ad Arbedo-Castione, molto probabilmente gli ottavi di finale si disputeranno nella struttura locale. «Settimana prossima vi sarà un sopralluogo per verificare le condizioni del manto erboso. In seguito si deciderà se si potrà tornare a giocare, Coppa compresa». La speranza è quindi che la partita si possa svolgere ad Arbedo-Castione. «Sperando inoltre che possa essere una festa, senza episodi spiacevoli che potrebbero rovinarla», conclude il sindaco.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
6 min
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
28 min
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
Bellinzonese
1 ora
Oltre al carovita, a Bellinzona c’è il ‘caro’- estinto
Secondo un rapporto di Mister Prezzi, il capoluogo ticinese ha le tariffe più alte per cremazione e camera mortuaria fra tutte le capitali cantonali
Bellinzonese
1 ora
Dopo due anni torna il Carnevale Rabadan
La 160ª edizione si terrà a Bellinzona dal 16 al 21. Protagoniste la musica, le maschere, la tradizione e la voglia di sano divertimento
Mendrisiotto
6 ore
È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito
Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
Locarnese
7 ore
La Stranociada, gli altri e lo ‘scherzo’ che (non) vale
Lo spostamento e il raddoppio delle serate del carnevale di Locarno non fa felici i vicini di Maggia e Gordola, chiamati a far buon viso a cattivo gioco
Luganese
10 ore
La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa
La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
10 ore
‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’
Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Ticino
17 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
18 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
© Regiopress, All rights reserved