laRegione
07.09.22 - 16:35
Aggiornamento: 18:49

Giubiasco: il carillon della discordia diventa un caso politico

Consigliere socialista sollecita il Municipio cittadino ritenendo la nuova modalità sonora ‘fastidiosa e una forzatura’. No comment dalla Parrocchia

giubiasco-il-carillon-della-discordia-diventa-un-caso-politico
Ti-Press
Una delle opere d’arte che abbelliscono i giardini di Piazza Grande. Sullo sfondo, il campanile

Suscitano interrogativi anche politici le suonatine di carillon che da alcuni mesi a questa parte scandiscono a Giubiasco i tre momenti salienti della giornata dei fedeli in quello che dovrebbe essere il loro saluto alla Madonna. Con un’interpellanza al Municipio il consigliere comunale dell’Unità di sinistra Claudio Buletti chiede lumi sul cambiamento intervenuto rispetto a prima, quando dal campanile della chiesa parrocchiale la mattina alle 7, a mezzogiorno e alle 19 partiva un breve scampanio, poi sostituito come detto da melodie mariane "ripetute a breve distanza risultando una lunga lagna". Buletti non sembra digerire la novella campanaria ricordando peraltro che "il modo carillon è riservato, tradizionalmente, alla chiamata dei fedeli in occasione della Novena di Natale, delle funzioni del mese mariano e dei battesimi". A suo dire "utilizzarlo per altre occasioni è una non necessaria forzatura fonte di confusione".

‘Suono più volte messo in discussione’

Il rappresentante socialista amplia poi il discorso evidenziando che "negli ultimi anni l’uso e il suono delle campane è stato messo più volte in discussione, vuoi per il disturbo notturno (ndr: arrecato dal rintocco delle ore), vuoi per le diverse sensibilità religiose sviluppatesi". Ebbene, sottolinea Buletti, "le campane hanno accompagnato in parte questa tendenza diventando meno ‘religiose’ e assumendo un carattere più laico, quale segno di appartenenza non solo a una parrocchia ma a una più vasta comunità sociale, umana e politica". Perciò sostituire il semplice scampanio con delle preghiere musicali "può risultare fastidioso e una forzatura".

‘Qualcuno si diverte?’

L’interpellante aggiunge poi che recentemente si sarebbe udito il ritornello natalizio di ‘Jingle Bells’ e che in taluni giorni feriali le campane suonerebbero richiamando i fedeli alla messa senza che nessuna celebrazione sia in realtà prevista. "Qualcuno si diverte con le campane?", chiede dunque Buletti prima di sollecitare il Municipio a esprimersi sulla proprietà del campanile (Parrocchia o Comune?), se per la modalità carillon sia stata chiesta un’autorizzazione, se non ritenga opportuno invitare la Parrocchia a tornare a quella precedente e, in definitiva, a chi sia da attribuire la decisione. Sentito dalla redazione il parroco don Pablo spiega che la questione è di competenza del Consiglio parrocchiale il cui presidente, sollecitato dal Municipio, starebbe redigendo una spiegazione da inviare a Palazzo Civico. Il presidente Carlo Zanolari, raggiunto al telefono in un momento inopportuno trovandosi in montagna, taglia corto limitandosi a esprimere un sonoro menavia all’incauto cronista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
24 sec
La strada della Calanca riapre già oggi alle 17
Lo ha deciso l’Ufficio tecnico cantonale: ultimati prima del previsto i lavori di sgombero e di parziale ripristino
Luganese
28 min
Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità
L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi
Locarnese
5 ore
Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno
Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
10 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
10 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
17 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
18 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
19 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
20 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
20 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
© Regiopress, All rights reserved