laRegione
30.08.22 - 15:43

Bellinzona, ‘spegnere le luci per risparmiare energia’

In un’interpellanza Ronald David e Giulia Petralli (Verdi) chiedono al Municipio di ridurre l’illuminazione pubblica e privata esterna

bellinzona-spegnere-le-luci-per-risparmiare-energia
Ti-Press
‘Rischio di temporanei blackout in inverno’

"Senza misure di risparmio, nel prossimo inverno anche la Svizzera è a rischio di temporanei blackout e razionamenti energetici". I consiglieri comunali dei Verdi Ronald David e Giulia Petralli in un’interpellanza chiedono quindi al Municipio di Bellinzona come intende muoversi "di fronte agli scenari paventati di carenza energetica". Stando ai due ecologisti, una possibile soluzione sarebbe quella di "adottare un nuovo regolamento comunale concernente l’illuminazione esterna, la riduzione dello spreco e la prevenzione dell’inquinamento luminoso affinché l’illuminazione pubblica e privata esterna sia ridotta allo stretto necessario".

Come a Lumino e in alcune grandi città

David e Petralli ritengono infatti che "uno degli ambiti in cui pare relativamente facile attuare misure di risparmio, è quello dell’illuminazione pubblica nelle ore notturne", si legge nel testo. Ciò avviene, per rimanere nelle vicinanze, già a Lumino, ma anche in grandi città come Neuchâtel, Nyon, Friborgo, Losanna e Berna.

Anche i privati dovrebbero fare la loro parte

Ma anche la popolazione e i commerci dovrebbero fare la loro parte: i due consiglieri comunali citano l’esempio proprio di Berna, dove sono state introdotte e implementate misure "a seguito di un processo partecipativo con la popolazione e i diversi partner privati". Un processo che favorisce proposte di risparmio, "come lo spegnimento la notte dopo una certa ora di insegne, vetrine, centri commerciali e giardini, solo per citare alcuni esempi".

‘Innumerevoli vantaggi’

Insomma, "la riduzione dell’inquinamento luminoso porterebbe innumerevoli vantaggi": ovvero la riduzione dello spreco di energia, delle spese per l’elettricità, di effetti nefasti per fauna e flora, di immissioni luminose pubbliche indesiderate in spazi privati (come nella camera da letto) e degli effetti nefasti per la salute (come lo "sfasamento dei bioritmi a causa dell’eccessiva illuminazione notturna").

Le domande

Concretamente, oltre a chiedere al Municipio se ha istituito "una task force comunale", David e Petralli domandano anche se "è ipotizzabile lo spegnimento dell’illuminazione pubblica e privata esterna nelle ore notturne ovunque questo sia possibile" e se "è prevista una ordinanza in tal senso". Chiedono pure se a lungo termine "è prevista una installazione generalizzata di sensori di movimento e accendimento automatico delle luci, rispettivamente dei temporizzatori, dove per motivi di sicurezza non fosse possibile lo spegnimento totale dell’illuminazione stradale". Domandano poi se l’esecutivo intende "promuovere campagne di sensibilizzazione della popolazione e dei commerci a un uso parsimonioso delle risorse e in particolare dell’energia, laddove un’imposizione non è possibile". Infine, "quali misure intende mettere in atto il Municipio nell’ambito dell’amministrazione comunale per ridurre i consumi?".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Energia, il governo ai comuni: ‘La situazione è ancora tesa’
Il quadro attuale è ‘rassicurante’, ma il Consiglio di Stato invita sindaci e municipali a mantenere i provvedimenti che permettono di abbassare i consumi
Gallery
Bellinzonese
1 ora
Da cent’anni punto d’aggregazione di Faido: l’Osteria Marisa
Inizialmente screditata poiché ragazza madre, l’attività di Luigina Bellecini ha continuato a prosperare grazie alle future generazioni tutte al femminile
Locarno
9 ore
Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’
La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
11 ore
‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’
A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
12 ore
Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni
Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
gallery
Mendrisiotto
12 ore
Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso
L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
12 ore
Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave
L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Ticino
13 ore
Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’
Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Luganese
14 ore
Bioggio, in mostra la rivoluzione di ArtByFrask
Nella casa comunale verrà allestita l’esposizione di Andrea Fraschina, pittore ispirato dalle culture underground e dall’energia della filosofia punk
Lavizzara
15 ore
Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’
Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
© Regiopress, All rights reserved