laRegione
30.08.22 - 18:12
Aggiornamento: 18:38

‘Ti ho raccolto’ un mondo a chilometro zero

Dopo la sfortunata ultima edizione, domenica 18 settembre torna la pedalata popolare alla scoperta dei prodotti del Piano di Magadino

ti-ho-raccolto-un-mondo-a-chilometro-zero

Una pedalata popolare di poco meno di trenta chilometri, assaporando le prelibatezze del Piano di Magadino. Lasciata alle spalle l’ultima sfortunata edizione rovinata dalle forti precipitazioni, domenica 18 settembre torna ‘Ti ho raccolto’ la rassegna enogastronomica alla scoperta delle bellezze e dei prodotti a chilometro zero della zona organizzata dall’omonima fondazione in collaborazione con Tior e l’Unione contadini ticinesi (Uct). Dalla coltivazione di frutta, verdura ed erbe aromatiche, all’allevamento di bestiame e lumache (quasi un unicum a livello cantonale): dieci fermate a forte impatto naturalistico che permetteranno di deliziare i palati grazie alle succulenti proposte culinarie preparate da otto rinomati chef attivi sul territorio. Fra i volti noti della manifestazione Paolo Loraschi e Davide Asietti. «La popolazione non conosce l’origine dei prodotti acquistati nei punti vendita della grande distribuzione e che poi troviamo quotidianamente sulle nostre tavole – ha affermato durante l’odierna conferenza stampa alla centrale di distribuzione di Tior a Cadenazzo il direttore Marco Bassi –. L’iniziativa permetterà ai partecipanti di scoprire le meraviglie naturali e alimentari che il parco è in grado di offrire».

Gli ha fatto eco la presidente del Consiglio d’amministrazione Alice Croce-Mattei, sottolineando l’importanza di conoscere le realtà locali ed entrare in contatto con chi lavora quotidianamente nel settore. Nei 25 chilometri della quinta edizione (interessate sette località) verranno inoltre valorizzate la filiera agroalimentare e la mobilità lenta all’interno dell’ultimo polmone verde del Ticino, come spiegato dal direttore della Fondazione del Parco del Piano di Magadino Giovanni Antognini: «Il centro di ricerca Agroscope, per la prima volta fra le aziende della rassegna, e il savoir-faire degli chef stellati permetteranno di promuovere la zona». Ne è consapevole anche il vicepresidente della fondazione Ulrico Feitknecht: «La manifestazione è uno strumento a supporto delle molteplici attività presenti nel parco, che rafforzano il binomio fra natura e agricoltura. Intendiamo infatti sensibilizzare sulla produzione primaria. Da notare inoltre che durante la pandemia la vendita di frutta e verdura è lievitata. E ciò dimostra il crescente interesse della popolazione urbana per questa categoria di prodotti».

‘Fra siccità e crisi i costi sono aumentati’

Il Piano di Magadino offre circa 2’400 ettari di natura e il cuore pulsante rimane l’agricoltura. «È un’ottima promozione di due realtà apparentemente differenti, ma che necessitano l’una dell’altra: imparando a conoscere il lavoro dietro al prodotto finito, forse il consumatore riuscirà a capire le motivazioni all’origine dei prezzi di determinati alimenti, da molti considerati elevati... D’altronde mangiare è di vitale importanza», ha dal canto suo evidenziato Anita Tomaszewska (Uct). Un’importante promozione delle attività agricole locali in modo da mostrare ai partecipanti che anche da prodotti nostrani è possibile ricavare pietanze di ottima qualità. A detta del presidente dell’Unione contadini ticinesi Omar Pedrini questa filiera rimane infatti l’attrice principale del Piano affinché rimanga come tale, un polmone verde dove natura e divertimento possono convivere. Quest’anno l’agricoltura è però messa a dura prova anche dalla siccità e dall’inflazione. «Il problema cambia a dipendenza del settore di produzione: la foraggicoltura e la campicoltura sono in grande difficoltà. Nell’orticoltura, invece, laddove sono in funzione impianti d’irrigazione è possibile coltivare ortaggi più sani grazie alla minore presenza di umidità che favorisce il prolificare di funghi e altro», ha infine spiegato a margine della conferenza Pedrini, chiedendo alle autorità di garantire l’energia necessaria in modo da non compromettere determinate realtà e di diminuire le tasse sul carburante.

La manifestazione avrà luogo con qualsiasi condizione meteo dalle 8 del mattino, quando ogni venti minuti i gruppi di massimo 50 persone inizieranno la loro pedalata popolare fra le aziende. Per ulteriori informazioni, iscriversi (è già possibile da oggi, massimo 500 persone) o prenotare una bicicletta: www.tihoraccolto.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
14 min
Il Nebiopoli 2023 svela i suoi contenuti
Il Carnevale di Chiasso sarà in programma dal 2 al 5 febbraio. Ampliato il Villaggio, oltre ai consueti appuntamenti anche ospiti internazionali
Locarnese
24 min
PCi, la guerra in Ucraina ‘rispolvera’ i rifugi atomici
Il Consorzio ha avviato su tutto il territorio controlli dei bunker in caso di catastrofe nucleare. Attese nuove ondate di rifugiati e novità per la sede
Bellinzonese
33 min
Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto
La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale
Bellinzonese
1 ora
La 19enne era al rave: con la conferma si cercano testimoni
La polizia grigionese invita quanti sono a conoscenza dello stato di salute della ragazza all’evento della diga della Roggiasca a contattare il comando
Mendrisiotto
8 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
10 ore
Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline
Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
13 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
13 ore
Salario minimo non adeguato all’inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
18 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
20 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
© Regiopress, All rights reserved