laRegione
28.08.22 - 12:42
Aggiornamento: 16:22

A Giubiasco ‘Ti presento i nomadi’

Una settimana di porte aperte per avvicinare la popolazione alla conoscenza di jenisch, sinti e manouches

a-giubiasco-ti-presento-i-nomadi

Jenisch, sinti e manouches. Sono questi i principali gruppi nomadi svizzeri e che, da marzo fino a ottobre, sono soliti sostare anche in Ticino. Infatti da diversi anni a Giubiasco alcuni concittadini nomadi svizzeri sostano in camper e roulotte in un’apposita area ubicata in zona Seghezzone. Si tratta di persone con modalità di vita semi-nomade da diversi secoli e che spesso suscitano curiosità proprio perché poco conosciute. Per avvicinare la popolazione alla conoscenza dei nomadi svizzeri, il Dipartimento delle istituzioni propone una settimana di porte aperte prevista a inizio settembre. Numerose le manifestazioni in programma con entrata libera. Poiché l’area di sosta è provvisoria, e perché il Consiglio di Stato ha recentemente scelto il Seghezzone per realizzarvi due nuove scuole cantonali, il Dipartimento delle istituzioni, si legge in un comunicato, "mira a trovare una soluzione condivisa col Comune di Bellinzona per crearne una permanente" che è stata individuata nelle vicinanze, e meglio sul terreno dell’Ufficio federale delle strade situato lungo l’autostrada. Da qui "l’importanza di sensibilizzare la popolazione alla conoscenza dei nomadi svizzeri spesso confusi con altre popolazioni nomadi con nazionalità straniera e appartenenti al gruppo culturale dei rom". A differenza di questi ultimi, gli jenisch, sinti e manouches svizzeri sono riconosciuti quale minoranza nazionale, così come il loro idioma (lo jenisch), anche perché abitano nel territorio svizzero da ancora prima che esistesse lo Stato elvetico.

Il programma

Il progetto è sostenuto e promosso dalla Città di Bellinzona, dalla Fondazione Assicurare un futuro ai nomadi svizzeri, dall’Ufficio federale della cultura e dall’associazione J.M.S. (Jenisch, Sinti e Manouches svizzeri). Il programma prevede mercoledì 7 settembre l’apertura alle 13 con la mostra fotografica di Eric Roset e alle 15.30 lo spettacolo teatrale della compagnia Sugo di Inchiostro: "Ma ke razza di treno", per bimbi e adulti. Giovedì 8 settembre alle 10 invece ci sarà l’apertura ufficiale con le autorità di riferimento: il consigliere di Stato Norman Gobbi; il sindaco di Bellinzona Mario Branda e Rosalita Giorgetti-Marzorati per l’Ufficio federale della cultura (Ufc). Venerdì 9 alle 17 è prevista una presentazione sul tema ‘Nomadismo’ da parte della professoressa Stefania Pontrandolfo (Università di Verona), seguita da una discussione aperta con la presenza del professore André Petitat (Università di Losanna) e di Nadia Bizzini, collaboratrice esterna del Dipartimento delle istituzioni, sul tema nomadi. Alle 18.30 fino alle 22 è previsto un concerto del gruppo Ajeles Tracks. Sabato 10 settembre apertura alle 9; alle 16 ci sarà la presentazione della comunità jenisch svizzera con la presenza di Eva Moser e Uschi Waser; in seguito serata musicale con gli Jeniche Mulhauser Trio seguiti dal gruppo Jazz Manouche, fino alle 22. Domenica 11 dalle 10 tavola di discussione pubblica e presentazione dei nomadi svizzeri (professioni e cultura); alle 15.30 è previsto lo spettacolo teatrale della compagnia Sugo d’Inchiostro: "Note in viaggio". Sul posto si potranno consumare pietanze e bevande in un’atmosfera spontanea e conviviale. Entrata libera e possibilità di parcheggio in loco. L’invito a partecipare è rivolto a tutta la cittadinanza.

Leggi anche:

Tre nuove scuole a Giubiasco e uffici cantonali in via Tatti

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Grigioni
3 ore
Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’
Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
6 ore
Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda
Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
1 gior
Riazzino, inaugurata la nuova sede logistica del Soccorso alpino
La struttura, che fungerà da magazzino e autorimessa, completa la capillare rete di strutture di copertura del territorio. L’anno prossimo il 50esimo
Gallery
Ticino
1 gior
I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’
Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
Mendrisiotto
1 gior
Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore
Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
1 gior
Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’
Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
1 gior
Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”
Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Mendrisiotto
1 gior
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
1 gior
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
© Regiopress, All rights reserved