laRegione
06.08.22 - 14:54
Aggiornamento: 07.08.22 - 16:39

Cassis incontra a Bellinzona la prima ministra estone

Durante i colloqui si è parlato di relazioni bilaterali e guerra in Ucraina, come pure dell’utilizzo delle nuove tecnologie nella politica estera.

a cura di Red.Web
cassis-incontra-a-bellinzona-la-prima-ministra-estone
Ti-Press
La prima ministra estone Kaja Kallas e il presidente della Confederazione Ignazio Cassis si sono incontrati oggi a Palazzo Civico

È stata Bellinzona la cornice dell’incontro tra il presidente della Confederazione Ignazio Cassis e la prima ministra estone Kaja Kallas. I colloqui di oggi a Palazzo Civico si sono incentrati principalmente sulle relazioni bilaterali e la guerra in Ucraina, oltre che sulla politica europea. Si è inoltre discusso dell’utilizzo delle nuove tecnologie nella politica estera.

Cassis e Kallas hanno elogiato le buone relazioni bilaterali, sottolineando la volontà di svilupparle e rafforzarle ulteriormente.

Digitalizzazione: ampliare la collaborazione

Hanno inoltre affrontato il tema della cooperazione nell’ambito della digitalizzazione e parlato della Strategia di politica estera 2020–2023 della Svizzera, che pone l’accento sull’utilizzo delle nuove tecnologie in politica estera. L’Estonia è un Paese estremamente all’avanguardia in fatto di digitalizzazione: il Paese ha infatti digitalizzato il 99 per cento dei propri servizi pubblici. Dal canto suo, la Svizzera vanta una grande esperienza nelle nuove tecnologie. Il presidente Cassis e la premier Kallas sono stati unanimi nel ritenere che la proficua cooperazione tra i due Paesi nel campo della digitalizzazione dovrebbe essere ampliata ulteriormente.

Cassis e Kallas condannano fermamente l’aggressione russa contro l’Ucraina

Un altro tema centrale è stato quello della guerra in Ucraina. L’Estonia e la Svizzera condannano fermamente l’aggressione russa in Ucraina e chiedono il ritiro immediato delle truppe russe. Il presidente della Confederazione Cassis ha sottolineato la grande preoccupazione della Svizzera per i presunti crimini di guerra: «La Svizzera condanna qualsiasi violazione del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani. Indagini indipendenti devono far luce sui crimini di guerra e sui crimini contro l’umanità, che devono essere perseguiti penalmente. E ciò a prescindere da chi li ha commessi». Il presidente della Confederazione ha inoltre spiegato come la Svizzera stia contribuendo al superamento della crisi inviando aiuti umanitari in loco, accogliendo le profughe e i profughi ucraini mediante procedure agevolate e adottando le sanzioni dell’UE contro la Russia e la Bielorussia.

Ha inoltre aggiunto che, dopo il via libera alla ricostruzione coordinata promossa dalla Svizzera in occasione dell’URC2022 tenutasi a inizio luglio a Lugano, è importante che il processo di ricostruzione del Paese avvenga sulla base dei principi della Dichiarazione di Lugano.

La Svizzera sostiene l’Estonia con 26 milioni di franchi

Il presidente della Confederazione Cassis e la prima ministra Kallas hanno discusso anche della politica europea della Svizzera. Ignazio Cassis ha sottolineato che la Svizzera e l’Unione europea condividono valori e obiettivi e che la Svizzera intende pertanto stabilizzare e sviluppare la via bilaterale con l’Ue. Nell’ambito del secondo contributo svizzero ad alcuni Stati membri dell’Ue il nostro Paese ha previsto di stanziare 26 milioni di franchi per l’Estonia. Ciò offre ai due Paesi l’opportunità di collaborare nei settori dell’integrazione e della biodiversità. Il secondo contributo svizzero dimostra l’impegno del nostro Paese a favore della stabilità, della sicurezza e della prosperità in Europa.

La visita della prima ministra estone in Svizzera avviene un anno dopo quella del presidente della Confederazione Cassis a Tallinn, la capitale estone. Un anno fa, infatti, Cassis si era recato nei Paesi baltici per commemorare un doppio anniversario: i 100 anni dal riconoscimento della loro indipendenza e i 30 anni dalla ripresa delle relazioni diplomatiche dopo il crollo dell’Unione sovietica. La Svizzera ha garantito all’Estonia sostegno finanziario nei suoi primi anni di indipendenza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
4 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
video
Locarnese
4 ore
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti
Luganese
4 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
Mendrisiotto
6 ore
Lastminute, l’inchiesta si allarga anche alla Ceo ad interim
Coinvolti ora nell’inchiesta anche altri ex e attuali dipendenti del rivenditore di viaggi e tempo libero online con sede a Chiasso
Locarnese
8 ore
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
8 ore
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
10 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino in zona diga del Lucendro
Ticino
10 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
19 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
© Regiopress, All rights reserved