laRegione
laR
 
27.07.22 - 05:30

Il Tour de France a Bellinzona? ‘Positivo per tutto il Ticino’

Ne è convinto il direttore dell’Otr Juri Clericetti: ‘Ideale per la nostra realtà. Sarebbe bello farlo combaciare col rilancio turistico dei castelli’

il-tour-de-france-a-bellinzona-positivo-per-tutto-il-ticino
Ti-Press
Juri Clericetti, direttore dell’Otr-Bat

«Vedo tanti aspetti positivi legati al bel fermento d’idee nato negli ultimi tempi attorno all’organizzazione di eventi importanti con grande richiamo di pubblico, specialmente nel caso specifico di gare ciclistiche di portata cantonale, nazionale e addirittura internazionale. A titolo personale, come direttore dell’Organizzazione turistica regionale Bellinzona e Alto Ticino, un direttore privo di competenze tecniche in materia di eventi ciclistici, se potessi indicare una preferenza opterei per un Grand Départ del Tour del France. Anzi, sia per l’impegno finanziario richiesto, sia per la visibilità che otterrebbe, tale formula calzerebbe a pennello per la nostra realtà, con ricadute positive sull’intero Ticino». È una reazione decisamente positiva quella di Juri Clericetti all’auspicio espresso ieri su queste colonne da Antonio Ferretti, ex ciclista professionista e giornalista, affinché le riflessioni appena avviate per valutare l’organizzazione di un evento di portata internazionale nel Bellinzonese si concentrino su quella che è mondialmente conosciuta come la corsa a tappe più amata dai ciclofili.

Le tre idee

Ferretti già nelle scorse settimane ha espresso la propria opinione privatamente al sindaco Mario Branda e al direttore di BancaStato Fabrizio Cieslakiewicz. Al primo perché il contributo della Città sarebbe imprescindibile per un evento di tale portata; al secondo perché durante la recente conferenza stampa di presentazione del ‘Gran Premio Ticino BancaStato’, da appassionato di ciclismo e coordinatore del comitato organizzatore delle tappe leventinesi dell’ultimo Tour de Suisse ha espresso l’auspicio affinché anche il Bellinzonese possa accogliere un Mondiale di ciclismo su strada dopo le quattro edizioni tenutesi negli ultimi 70 anni nel Sottoceneri. Impegno finanziario richiesto dall’Unione ciclistica internazionale, attorno ai 20 milioni di franchi. Tanti, troppi secondo Rocco Cattaneo (anch’egli ex ciclista professionista e oggi dirigente Uci) secondo cui meglio indicato sarebbe un Campionato europeo che di milioni ne richiede un decimo o giù di lì. Europeo che tuttavia, con qualche eccezione, non sembra smuovere le folle né suscitare grande interesse fra gli stessi big del pedale. Pure da considerare il fatto che nel 2024 sarà Zurigo a ospitare il Mondiale e che quasi certamente i Cantoni Vaud e Vallese rivorranno la loro edizione 2020 cancellata per pandemia, ciò che catapulterebbe Bellinzona in un futuro molto lontano e incerto.

‘Valorizzare quanto già fatto di buono’

Da qui, come detto, il suggerimento di Antonio Ferretti per un inizio di Tour de France che con due tappe (una crono e una gara in linea) e un impegno finanziario stimato attorno ai 3-4 milioni porterebbe Bellinzona e il Ticino al centro dell’attenzione sportiva mondiale con tutte le ricadute positive immaginabili sul territorio e con un ritorno d’immagine certo. Si tratterebbe, ovviamente, di coalizzare prossimamente una cordata e di organizzare una spedizione in Francia chiedendo udienza alla direzione del TdF cui sottoporre una pre-candidatura e l’impegno concreto ad avviare la macchina organizzativa in caso di accettazione. «Bisogna considerare il rapporto fra l’investimento finanziario richiesto – riprende Juri Clericetti – e il ritorno d’immagine prevedibile. Concordo con chi ritiene l’impegno di 20 milioni eccessivo; personalmente preferirei che s’investissero cifre così importanti in progetti turistici di lunga durata sul territorio». Spostando il ragionamento sulla strategia, portare il Tour de France a Bellinzona «significa valorizzare ulteriormente quanto di buono è stato fatto negli ultimi anni dal nostro settore per avvicinare al Ticino il pubblico romando e transalpino; mi riferisco in particolare agli sforzi compiuti dall’Otr Lago Maggiore e Valli, che ottenendo buoni risultati ha spinto molto sugli ospiti francofoni. Credo perciò che per un evento di tale portata occorra ragionare in termini ovviamente bellinzonesi ma anche sovraregionali, considerando peraltro che la disponibilità di alberghi qui da noi non è infinita».

Napoleone e Fortezza

Un punto di forza, concorda Clericetti con Ferretti, «è inoltre certamente costituito dal legame storico fra Ticino e Francia attorno a Napoleone che ha giocato un ruolo determinante nella costituzione del cantone come lo vediamo oggi. Inoltre le milizie bleniesi, che ogni estate ricordano il sacrificio in vite umane compiuto 210 anni fa nella battaglia della Beresina in Russia, rappresentano tutt’oggi un evento che perpetua il valore dei nostri soldati sacrificati per la causa napoleonica». Non da ultimo, l’aspetto promozionale di una duegiorni di Grande Boucle legato alle bellezze naturali e paesaggistiche presenti fra Bellinzonese e vallate superiori, «potrebbe venire arricchito da una… tappa che considero fondamentale per il futuro della nostra regione, e cioè il rilancio turistico della Fortezza con gli importanti investimenti previsti nei tre castelli nell’ordine di diversi milioni di franchi su iniziativa della Città. Sarebbe davvero bello, e strategicamente importante, riuscire a far combaciare i due eventi», conclude Juri Clericetti segnalando sin d’ora la disponibilità dell’Otr a occuparsi degli aspetti prestazionali di sua competenza.

Leggi anche:

Il grande ciclismo a Bellinzona? ‘Penso al Tour de France’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
35 min
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
2 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
Mendrisiotto
5 ore
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Locarnese
5 ore
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Ticino
5 ore
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Luganese
11 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
13 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
14 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
15 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
15 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
© Regiopress, All rights reserved