laRegione
21.07.22 - 14:32
Aggiornamento: 16:57

Bellinzona, ‘collegare la zona nord alla rete idrica comunale’

Lo chiede al Municipio in un’interpellanza Laura Codiroli (Plr), sottolineando che a Claro, Preonzo e Moleno vi è scarsità d’acqua dovuta alla siccità

bellinzona-collegare-la-zona-nord-alla-rete-idrica-comunale
Ti-Press

"Il Municipio di Bellinzona dovrebbe prendere in seria considerazione un progetto di collegamento della zona a nord (Claro, Preonzo e Moleno) non ancora allacciata alla rete idrica comunale". La consigliera comunale Plr Laura Codiroli, in un’interpellanza, fa infatti notare che a Preonzo, Moleno e Claro – a causa dei cambiamenti climatici che, in generale, stanno provocando un prolungato periodo di siccità – vi è "scarsità di riserve di acqua sorgiva e freatica, essenziali per l’approvvigionamento di acqua potabile e per l’agricoltura". Chiede quindi al Municipio se prevede "soluzioni di emergenza" per far fronte a questo problema.

Penuria d’acqua anche a Pianezzo e Paudo

A dimostrazione che un problema c’è, vi è il fatto che lo scorso 20 giugno l’Amb – in una nota – ha invitato la popolazione di Claro "ad un uso parsimonioso di acqua potabile". E questo a causa del "periodo particolarmente secco dovuto all’assenza di precipitazioni che ci accompagna da inizio dicembre dello scorso anno" che ha provocato "una notevole diminuzione della portata delle sorgenti che approvvigionano il quartiere". Amb chiede quindi ai cittadini di evitare il riempimento di piscine; le irrigazioni; il lavaggio di automobili, piazzali o altro con acqua potabile e, in generale, gli sprechi (lo stesso discorso vale, tra l’altro, anche per "tutto il territorio di Pianezzo e Paudo").

Attivo il pozzo d’emergenza

Nel frattempo, sottolinea Codiroli nell’interpellanza, quale soluzione a corto termine per far fronte alla siccità, è stato riattivato il ‘pozzo d’emergenza’ (pozzo piezometrico) – ubicato in zona Tasin – realizzato nel 2007 dal precedente Municipio prima dell’aggregazione, "che potrebbe pompare fino a 300 metri cubi di acqua al giorno degli 850 che servono al quartiere". La consigliera comunale Plr precisa inoltre che lo "stesso problema viene riscontrato per i quartieri di Preonzo e Moleno che usufruiscono di un approvvigionamento idrico alimentato da una captazione a riale (acqua di superficie)".

Il progetto di acquedotto intercomunale è ancora attuabile?

Codiroli domanda quindi innanzitutto all’esecutivo se la realizzazione del nuovo acquedotto intercomunale del Bellinzonese – progetto da oltre due milioni di franchi bocciato nel 2009 dall’allora Consiglio comunale di Claro – "è ancora attuabile". In caso di risposta affermativa, la consigliera comunale chiede quindi al Municipio se sia "ipotizzabile realizzare un collegamento per i quartieri di Moleno, Preonzo e Claro alla nuova stazione di pompaggio di Gorduno-Gnosca". Nel caso, "con quale tempistica è previsto l’eventuale collegamento?".

Bixio Gianini: ‘Rubinetti a pulsante sulle fontane di Claro’

A essere preoccupato per l’approvvigionamento idrico di Claro vi è anche il consigliere comunale Plr (nonché presidente della Commissione edilizia) Bixio Gianini. In un’interpellanza fa infatti notare che il quartiere conta sette sorgenti (tutte nella Valle del Mulino) che alimentano il serbatoio dell’acqua potabile, precisando che "questo rimane l’unico approvvigionamento idrico". Chiede quindi al Municipio se sia a conoscenza della situazione delle attuali sorgenti nel quartiere di Claro e se venga fatta regolarmente una manutenzione o un’ispezione di queste ultime. Domanda inoltre se l’esecutivo sia intenzionato a rivedere la rete di distribuzione idrica del quartiere, visto l’aumento della popolazione registrato negli ultimi anni. Nell’ambito della situazione idrica precaria attuale, Gianini propone anche di munire tutte le fontane di "rubinetti a pulsante invece che chiuderli". Chiede infine se a Gnosca sia già predisposta la conduttura per l’eventuale allacciamento al Piano cantonale di approvvigionamento idrico del Bellinzonese (introdotto nel 2009) per Claro, anche se l’ex Comune non aveva aderito al progetto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 min
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
3 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
3 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
1 gior
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
1 gior
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
1 gior
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
1 gior
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
1 gior
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
© Regiopress, All rights reserved