laRegione
17.07.22 - 16:00
Aggiornamento: 17:25

‘Nostro padre visto l’ultima volta sul ponte di Carasso’

I figli di Pino Brioschi, il 75enne scomparso il 30 giugno da Bellinzona, lanciano un appello nella speranza di poterlo ancora ritrovare

nostro-padre-visto-l-ultima-volta-sul-ponte-di-carasso
Giuseppe Brioschi

Sono trascorsi 17 lunghi giorni dall’ultimo avvistamento di Giuseppe Brioschi, da tutti conosciuto come Pino, il pensionato di Bellinzona di cui non si hanno più notizie dal pomeriggio di giovedì 30 giugno. Uno dei figli, Mattia, spiega alla redazione che le speranze di ritrovarlo ancora in vita sono ormai ridotte al lumicino: «Una segnalazione giunta alla polizia lo indicava nel tardo pomeriggio del 30 giugno sul ponte di via Lepori tra Bellinzona e Carasso, mentre camminava in direzione di Carasso tra le 17.30 e le 18». Negli ultimi tempi lo stato di salute del 75enne non era ottimale: «Nostro papà era piuttosto confuso dopo l’emorragia cerebrale avuta lo scorso dicembre. Ma mostrava sempre voglia di vivere e una delle ultime persone incontrate, la sua ex compagna, lo aveva invitato a Marno sopra i monti di Carasso qualche giorno prima. Viste le informazioni in nostro possesso, nonché l’avvistamento ritenuto attendibile del 30 giugno, lo abbiamo collocato in quella zona. Ed è per questo motivo che ancora negli ultimi giorni le ricerche si sono concentrate in quell’area. Altro, purtroppo, non sappiamo». Pino Brioschi è nato il 10 novembre 1946, ha una carnagione chiara e la sua età apparente è di 70 anni. Di corporatura media e altezza di 163 centimetri, pesa circa 65 chili. Il viso è ovale/rotondo, ha occhi castano chiaro, porta i baffi e ha capelli ricci grigio-bianchi con calvizie sulla fronte. Indossa occhiali da vista e si esprime in italiano. Non si sa come fosse vestito al momento della scomparsa. Chiunque avesse informazioni utili al ritrovamento è pregato di contattare il comando della Polizia cantonale telefonando allo 0848 25 55 55.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
2 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
5 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
7 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
© Regiopress, All rights reserved