laRegione
piazza-ex-mercato-un-sentiero-in-granito-verso-palazzo-civico
Ti-Press
Gli stabili Gaggini saranno demoliti
24.06.22 - 18:35

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno

Posteggi spostati su un lato della piazza, un nuovo bagno pubblico e una sorta di ‘sentiero’ in granito che dalla murata porta alla corte di Palazzo civico. Emergono alcuni dettagli in più in merito alla riqualifica della piazzetta ex Mercato a Bellinzona. Essendo un’area inserita nel nucleo storico, il progetto, elaborato negli ultimi mesi da un architetto incaricato dal Dicastero opere pubbliche (Dop), «deve essere dapprima condiviso con l’Ufficio beni culturali (Ubc) del Cantone», spiega a ‘laRegione’ Henrik Bang, a capo del Dop. Un volta ricevuta luce verde dall’Ubc, il progetto sarà sottoposto all’esecutivo turrito che in seguito elaborerà il relativo messaggio municipale. «L’intenzione è quella di presentarlo ancora quest’anno».

Tappa intermedia in vista di uno sviluppo futuro

Bang durante la scorsa seduta di Consiglio comunale ha risposto a un’interpellanza presentata da Carlo Banfi (a nome del gruppo Plr) nella quale sottolineava lo "stato di degrado" della piazza ex Mercato e degli stabili Gaggini. Il consigliere comunale chiedeva quindi se questi ultimi edifici sarebbero stati demoliti. La risposta del capodicastero del Dop è stata positiva: gli stabili in questione così come gli annessi servizi igienici saranno abbattuti «per motivi di decoro e sicurezza». Bang ha inoltre aggiunto che la demolizione di questi edifici sarà eseguita quale «tappa intermedia rispetto alla possibile edificazione prevista dal Piano regolatore». Ricordiamo infatti che, stando all’attuale impostazione urbanistica, nella piazzetta sarebbe possibile costruire un edificio con un’altezza massima di 20 metri e mezzo e un’autorimessa sotterranea. E nel 2010 si pensava quindi di realizzare un albergo di cinque piani. Un’idea che però sembra essere sfumata, visto che le priorità sono cambiate: la Città sembra ora essere orientata a concentrare le strutture ricettive in zona stazione, dove vedrà anche la luce il nuovo quartiere Officine. Resta il fatto che ora si vuole «innanzitutto sistemare la piazza in modo dignitoso per poi capire esattamente come eventualmente svilupparla ulteriormente. E questo anche in vista della nuova fermata ferroviaria in piazza Indipendenza», afferma il municipale.

Mantenere i wc pubblici e spostare i posteggi a lato

Ma quali lavori sono quindi previsti esattamente nell’ambito di questa tappa intermedia? Come detto i fatiscenti stabili ex Gaggini saranno demoliti così come il wc pubblico. L’intenzione è però quella di «mantenere la possibilità di usufruire dei servizi igienici», visto che nella zona non ve ne sono nelle immediate vicinanze (ci sono alla Cervia e in piazza Collegiata), sottolinea Bang. Anche per i posteggi, che attualmente occupano lo spazio centrale della piazza, vi è l’intenzione di «spostarli in zona murata, sulla sinistra entrando nella piazza», mantenendo 21 stalli per le vetture, di cui un posteggio per disabili e quattro per auto elettriche. Già attualmente sono presenti quattro colonnine di ricarica che – oltre a essere evidentemente riposizionate – in futuro «potrebbero anche aumentare», a dipendenza dello sviluppo della mobilità elettrica e della conseguente richiesta. Sempre in ambito di mobilità, si sta anche pensando a un «posteggio coperto per le biciclette». Attualmente è già presente un angolo per le bici, ma senza copertura.

Un percorso che ricorda i camminamenti del passato

Lo spostamento dei posteggi dovrebbe quindi lasciare libera la parte centrale della piazza, dove è previsto un percorso in granito che dal passaggio nella murata porta alla scala d’ingresso alla corte di Palazzo civico. «Oltre a rendere la piazza più ordinata e sicura – spiega il capodicastero del Dop –, questo ‘percorso’ ricorderà i camminamenti del passato, dove una volta transitavano, oltre che le persone, anche i carri». Ovviamente la pavimentazione – oggi decisamente malmessa, visto anche che in diversi punti vi sono rappezzamenti di asfalto circondati dai sampietrini di granito ticinese – «verrà messa a livello nell’ambito della riqualifica della piazza».

Insomma, la piazzetta ex Mercato aveva bisogno di una risistemata e questo sarebbe quindi il primo passo per far tornare questa piazza un’area dove incontrarsi, così come un altro suggestivo luogo immerso fra le mura medievali da vedere, pensando ai numerosi turisti che visitano la Città di Bellinzona.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona henrik bang piazza ex mercato riqualifica
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
5 ore
Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’
Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
5 ore
Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi
Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
6 ore
Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende
Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
12 ore
Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina
Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
12 ore
Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago
L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
16 ore
Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca
Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
17 ore
Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’
Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Ticino
17 ore
A Ferragosto il sole brucia, il radar pure
Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
Luganese
18 ore
Cantoreggi, l’Appello conferma la condanna di primo grado
Pensione La Santa, la corte di secondo grado infligge 4 anni e tre mesi di carcere all’austriaco, per lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso
Mendrisiotto
23 ore
Morbio Inferiore, Parco San Rocco accettato ma con modifiche
Progetto intergenerazionale relativo al Piano particolareggiato rivisto dal Cantone, l’incarto sarà in pubblicazione dal 16 agosto al 15 settembre
© Regiopress, All rights reserved