laRegione
09.06.22 - 19:02
Aggiornamento: 19:21

Secondo tunnel: ‘Sul ricorso auspichiamo un verdetto rapido’

San Gottardo: il contenzioso sulla delibera per la gestione del materiale di scavo avrà un impatto, oggi quantificato in mesi, sull’inizio dello scavo

secondo-tunnel-sul-ricorso-auspichiamo-un-verdetto-rapido
La fresatrice da quest’estate scaverà il cunicolo di accesso. Nella foto da sinistra Valentina Kumpusch (capoprogetto), Sergio Massignani (Direzione lavori) e Daniele Stocker (Consorzio Bedrina)

È stata l’occasione per fare il punto della situazione la riunione della Commissione di accompagnamento politico al progetto per la realizzazione del secondo tubo autostradale del San Gottardo. Come già comunicato pubblicamente settimana scorsa dall’Ufficio federale delle strade (Ustra), oggi ad Airolo le autorità locali e cantonali sono state informate sulla contesa necessaria che riguarda la delibera del lotto principale per la futura gestione e lo smaltimento del materiale di scavo durante la perforazione del secondo tunnel (operazione prevista a partire dal 2024). Contro l’assegnazione del mandato da parte di Ustra, un’azienda concorrente ha infatti inoltrato ricorso al Tribunale federale, decidendo dunque di impugnare la sentenza del Tribunale amministrativo federale (Taf) al quale l’azienda in questione si era inizialmente appellata. In prima istanza, si sottolinea nel comunicato stampa, il Taf "ha emesso una decisione a favore dell’operato di Ustra". È verosimile che l’iter giuridico avrà delle ripercussioni sul programma generale dei lavori, poiché fino a quando il contratto non diventerà vincolante non si potranno aggiudicare i due lotti principali per lo scavo della galleria. Difficile tuttavia quantificare con precisione l’impatto della vertenza sull’avanzamento del cantiere, spiega alla ‘Regione’ il direttore della filiale Ustra di Bellinzona Marco Fioroni. «È chiaro che i tempi si allungheranno siccome avremmo dovuto chiudere il capitolo delle delibere a inizio maggio, e ogni mese che passa può voler dire un mese di ritardo in più. Auspichiamo dunque che giunga presto una decisione definitiva, nei tempi usuali per questi verdetti, direi circa 6 mesi; in questo modo ci sarebbe comunque margine per poter rispettare l’avvio dello scavo della galleria nel 2024».

La fresatrice ‘Delia’ pronta a entrare in azione

Nel frattempo, è stato spiegato oggi ad Airolo, procedono senza intoppi i lavori di preparazione per lo scavo del secondo tunnel iniziati lo scorso autunno. Su entrambi i versanti è stato avviato lo scavo dei due cunicoli di accesso, per i quali è in corso il montaggio delle due fresatrici che dalla prossima estate perforeranno la montagna. Questi due cunicoli serviranno a superare le due zone geologicamente disturbate, permettendo alle due fresatrici che scaveranno la galleria principale di procedere senza intoppi. Nel frattempo ad Airolo è già terminato lo spostamento del cunicolo di servizio, mentre a Göschenen questi lavori si concluderanno nelle prossime settimane. Ustra ha presentato anche i nuovi edifici che accolgono le maestranze, come pure la nuova mensa di cantiere inaugurata di recente a Göschenen. La riunione della commissione è stata preceduta in mattinata dalla presentazione della fresatrice ‘Delia’ – così è stata battezzata dall’impresa – che da quest’estate scaverà il cunicolo di accesso per superare la zona di disturbo ‘Guspis’, lunga circa 300 metri e situata a circa 5 km dal portale di Airolo.

Possibilità di visitare il cantiere

In merito agli aspetti ambientali legati al progetto, in particolare sul tema del rumore e delle vibrazioni provocati dal cantiere, "le misurazioni svolte di recente hanno mostrato come i valori previsti dalla legge vengano rispettati", scrive Ustra, che informa di aver "proceduto a sensibilizzare ulteriormente le imprese al rispetto delle normative attualmente in vigore". Si ricorda infine la possibilità per la popolazione di visitare gli infocentri di Airolo e Göschenen, così come di effettuare visite dei cantieri lungo un percorso segnalato, sia accompagnati da una guida (con un minimo di 6 persone), sia individualmente. Informazioni sul sito www.galleriasangottardo.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery e video
Bellinzonese
1 ora
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
1 ora
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
10 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
10 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
11 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
11 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
12 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
12 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
12 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
13 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
© Regiopress, All rights reserved