laRegione
24.05.22 - 21:51

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona

depurazione-a-giubiasco-nel-ticino-acqua-sei-volte-piu-pulita
Ti-Press
+5

Terminato il processo di depurazione è particolarmente limpida l’acqua che scorre dalla fontana dimostrativa. A testimonianza dei «risultati più che soddisfacenti» – per usare le parole del direttore di Amb Mauro Suà – prodotti dal moderno sistema di filtrazione in funzione da otto mesi a Giubiasco presso l’ampio impianto di depurazione dell’Azienda multiservizi Bellinzona. Una componente aggiuntiva che rappresenta l’ultima tappa del processo di ‘pulizia’ delle acque luride (ogni giorno confluiscono a Giubiasco circa 15mila metri cubi) provenienti dalla rete fognaria dei Comuni di Bellinzona, Lumino, Arbedo-Castione, Riviera e pure degli enti locali della Bassa Mesolcina. Acque che da Giubiasco, una volta depurate, vengono rilasciate nel fiume Ticino. Tramite un investimento complessivo di 2,05 milioni di franchi, finanziato anche dal Cantone nella misura di circa il 25%, l’impianto di filtrazione già presente è stato ottimizzato con la realizzazione di una vasca di cemento con all’interno una serie di filtri appositamente studiati per trattenere microparticelle (microplastiche, fanghi). Si tratta di una prima in Ticino. Grazie a questa nuova opera, è stato spiegato oggi in occasione della sua inaugurazione ufficiale, i solidi sospesi sono passati da 12 milligrammi per litro a 2 milligrammi per litro. Una riduzione di circa l’85%, per un’acqua sei volte più pulita. «Già in passato la situazione era buona e i parametri erano rispettati, il limite è infatti 15 milligrammi per litro, ma grazie al nuovo sistema di filtrazione la qualità dell’acqua si può definire ottima», ha spiegato a colloquio con la ‘Regione’ il responsabile del settore depurazione acque di Amb, Giancarlo Grossi. «Abbiamo sempre rispettato i parametri, anche se in certi momenti erano al limite», ha aggiunto Suà. «Bisogna essere onesti: anche col nuovo sistema non tutti le microparticelle vengono eliminate, ma si tratta comunque di un grande passo avanti nell’ottimizzazione della depurazione», ha sottolineato il direttore, facendo l’esempio che oggi, guardando attraverso un cilindro riempito di acqua depurata a Giubiasco, è possibile leggere un testo distante 60 centimetri, contro i 15-20 centimetri necessari in passato. Accanto alla nuova vasca è possibile osservare l’acqua limpida zampillare dalla fontanella, installata con finalità didattiche (tante le scolaresche che visitano l’impianto di depurazione di Giubiasco).

Soddisfatto anche Mauro Minotti, presidente di Amb nonché municipale di Bellinzona e capodicastero Servizi industriali, il quale sottolineato «l’impegno e la sensibilità di Amb sul tema dell’ambiente e del territorio». Presenti all’inaugurazione anche i rappresentanti della Sezione per la protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo che hanno sostenuto e accompagnato l’opera, così come i progettisti dello studio d’ingegneria TBF + Partner di Agno.

L’intenzione di ottimizzare l’impianto di filtrazione era nata nel 2017, con l’allora Consorzio depurazione acque del Bellinzonese e della Riviera (Cdabr) – scioltosi nel 2018 e integrato sotto l’egida dell’ente autonomo Azienda multiservizi Bellinzona – che si era attivato per individuare una soluzione per i problemi di deterioramento delle acque depurate che periodicamente presentavano un incremento delle concentrazioni di carbonio organico disciolto, specialmente durante i periodi invernali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
2 ore
La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono
A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Gallery
Locarnese
2 ore
In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità
Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Bellinzonese
2 ore
Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra
L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
9 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
12 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
13 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
14 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
15 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
15 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
16 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
© Regiopress, All rights reserved