laRegione
stazione-di-biasca-passi-avanti-per-il-nodo-di-interscambio
Ti-Press
laR
 
20.05.22 - 05:30

Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio

Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

A 18 anni dall’adozione da parte del governo ticinese del Piano dei trasporti della regione Tre Valli e dall’avvio della fase del progetto di massima, Biasca vede più vicina la riqualifica della stazione Ffs e la sistemazione del nodo di interscambio. Al messaggio licenziato lo scorso marzo dal Consiglio di Stato – che invita il Gran Consiglio ad approvare un credito netto di 3,8 milioni di franchi – segue ora quello firmato nei giorni scorsi dal Municipio biaschese, che al Consiglio comunale chiede di concedere 1,72 milioni quale partecipazione all’investimento complessivo quantificato in circa 6 milioni, finanziato anche dal contributo della Commissione regionale dei trasporti Tre Valli e dalle Ffs. Il credito comunale anticipa il finanziamento della quota parte degli altri enti locali dei distretti di Leventina, Blenio e Riviera, chiamati a contribuire con un importo totale di circa 583mila franchi. L’obiettivo è di avviare il cantiere nell’autunno del 2023 per una durata massima di 15 mesi.

Opere a beneficio di logistica e sicurezza

Anche alla luce del potenziamento dell’offerta con l’inaugurazione nel dicembre del 2020 della galleria ferroviaria del Monte Ceneri, il progetto ha l’obiettivo di favorire a Biasca l’interscambio tra i mezzi pubblici, oggi ritenuto non funzionale a causa della mancanza di spazi, ma pure di moderare il traffico sulla strada cantonale, incrementare la sicurezza dei passaggi pedonali, aumentare gli spazi destinati ai pedoni e ai ciclisti e predisporre un arredo architettonico funzionale alla riqualifica del tessuto urbano.

Una nuova rotonda a sud

Partiamo dagli interventi che riguardano la strada cantonale, dove la grande novità sarà una nuova rotonda a sud della stazione – in corrispondenza dell’accesso all’ufficio postale – che andrà ad aggiungersi a quella già presente sul versante nord. Un’opera con il duplice ruolo di favorire il transito dei bus e di creare una porta di entrata nel comparto che possa anche moderare la velocità dei veicoli provenienti da Bellinzona. Tra le due rotonde, sul lato della strada della stazione, è prevista un’area totalmente pedonale. La carreggiata sarà ristretta a 6,30 metri di larghezza, con due corsie di 3 metri ciascuna e una striscia colorata centrale di 30 centimetri per consentire una maggiore sicurezza nell’incrocio dei veicoli pesanti. Pianificata anche una nuova illuminazione pubblica inserita nel contesto urbano. Non ci saranno limitazioni di transito di alcun genere per la mobilità privata e il limite di velocità rimarrà di 50 km/h.

Il progetto ha anche l’obiettivo di ottimizzare i passaggi pedonali: spesso quelli presenti non vengono utilizzati, e in particolare nelle ore di punta l’attraversamento in massa genera nei pedoni una percezione di avere la priorità e il traffico veicolare viene bloccato. In futuro i passaggi pedonali saranno due: uno in corrispondenza del sottopassaggio per i binari 2 e 3 e uno all’altezza di via Franscini. Pure previsto lo spostamento dell’asse stradale verso il fronte della stazione. Ciò che consentirà di aumentare gli spazi disponibili ai pedoni e consentire la realizzazione di nuove fermate per i bus con una grande pensilina a copertura dell’area di attesa. Saranno invece 100 i posti per biciclette e motoveicoli nella nuova zona Bike+Rail (coperta da pensilina).

Per i veicoli privati, oltre a cinque comodi stalli (Kiss+Rail) per soste brevi, è previsto l’ampliamento del già esistente parcheggio Ffs a nord del comparto (su via A. Giovannini), con anche la presenza di colonne di ricarica per veicoli elettrici. Saranno invece eliminati gli attuali posteggi nei pressi della stazione.

Nella progettazione è stato tenuto conto anche dalla realtà dell’Associazione Swiss Railpark/St. Gotthard, insediatasi da qualche anno negli spazi un tempo occupati dalle officine, dall’altra parte dei binari, sul versante della montagna e della cascata Santa Petronilla. Realtà che dal 2017 sta sviluppando un concetto espositivo moderno nel quale il pubblico possa scoprire il presente ripercorrendo la storia secolare dei trasporti ferroviari attraverso le Alpi. C’è l’idea di ricostruire la storica passerella tra il Centro di mobilità alpina dello Swiss Railpark e la stazione Ffs. E in previsione della passerella è in programma la realizzazione di una piazzetta con vista sulla cascata. Particolare attenzione sarà dato al concetto dell’arredo urbanistico della piazzetta. Il Municipio di Biasca è convinto che il nodo d’interscambio potrà fungere da perno di sviluppo per altri progetti ed elementi che ruotano attorno al comparto, come l’infopoint turistico inaugurato in stazione nel 2021, il previsto innalzamento del marciapiede dei binari 2 e 3 e la sistemazione del sottopasso a favore delle persone con disabilità, il percorso escursionistico Via della Pietra e la futura ristrutturazione delle adiacenti scuole cantonali. Sarà tuttavia una stazione riqualificata ma con ogni probabilità priva della biglietteria – completamente rinnovata tre anni fa con un investimento di 270mila franchi – dal momento che le Ffs hanno deciso di chiuderla per assenza di un numero sufficiente di utenti. I quali dal 1° luglio potranno far capo a un apparecchio self-service. G.R.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
biasca interscambio nodo stazione
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
13 min
Mortale di Broglio, ‘Daniele amava la valle e la sua libertà’ 
Il 20enne è deceduto nell’incidente stradale avvenuto stanotte. Nato al ‘piano’ ma col cuore fra le montagne. Il ricordo di parenti e amici.  
Gallery
Luganese
2 ore
Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno
Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
3 ore
Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’
Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Ticino
4 ore
Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’
Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
5 ore
A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova
All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Gallery
Mendrisiotto
11 ore
Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue
Incidente con esito mortale nella notte sull’A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
11 ore
Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne
Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
1 gior
Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina
Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
1 gior
Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito
L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior
Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)
Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
© Regiopress, All rights reserved