laRegione
18.05.22 - 18:17
Aggiornamento: 23.05.22 - 16:13

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi

serravalle-in-scena-visioni-di-una-battaglia-in-corso
+6

L’amore e la forza della vita che vincono su tutto, nonostante la guerra e la tragedia. È in sostanza questo il messaggio della pièce teatrale che va in scena a fine mese (il 26, 27 e 28 maggio alle ore 21) fra le mura del Castello di Serravalle. Dopo il successo dello scorso anno, il Teatro Tan di Biasca tornerà infatti nella fortezza bleniese riproponendo lo spettacolo di Remo Binosi ‘Visioni di una battaglia in corso’. Il monologo prende vita tra i resti del maniero grazie alle parole di Michela Zanetti, attrice della compagnia biaschese, accompagnata dalle musiche di Daniele Dell’Agnola, composte appositamente per l’occasione e che accompagnano in modo omogeneo la narrazione. Un lavoro accurato che permette di creare un dialogo fra l’attrice e il musicista e che conduce gli spettatori nella storia di una donna che si ritrova fra le macerie della sua casa durante una battaglia, costretta ad affrontare le sofferenze della vita e a combattere. Un tema dal forte impatto, quello della guerra, ora più che mai. In effetti, spiega il regista Christian Pezzatti, sono state fatte delle riflessioni sull’attuale conflitto in Ucraina. «Le parole di Binosi portano un messaggio di speranza e d’amore, quest’anno in modo particolare. Una speranza intesa come capacità dell’essere umano di riuscire ad andare avanti. Roberto Benigni in un suo monologo dice che ‘non si sa come faccia la vita ad andare avanti ma ce la fa’. Effettivamente è difficile immaginare che succeda qualcosa di peggiore di una guerra che ti distrugge tutto ciò che hai, anche la casa. Ma malgrado questo la vita resiste, è l’amore che vince sulla guerra – sottolinea il regista, che aggiunge –. Sono convinto non ci sia arte migliore del teatro che possa parlare di temi forti in un contesto artistico. Non dobbiamo abituarci alle notizie di guerra e trovo che lo spettacolo ridia la dimensione dell’empatia».

I resti del castello come luogo di rinascita

La seconda edizione di questa rappresentazione, proprio come la prima, ha tra i suoi obiettivi anche la valorizzazione di questo luogo che è stato oggetto di interventi di restauro da parte dell’Associazione Amici del Castello di Serravalle. In effetti non capita spesso di mettere in scena uno spettacolo teatrale all’aperto. «Come Teatro Tan ci pensavamo già da qualche anno, ma poi non abbiamo mai trovato la pièce adatta. Il desiderio di uscire dal nostro teatro situato a Biasca, dove solitamente accogliamo gli spettatori per le nostre rappresentazioni e anche per quelle di ospiti, era forte. Leggendo il testo di Binosi è parso subito chiaro il legame che il maniero potesse avere con le sue parole», spiega Pezzatti. Da una parte le rovine del castello rappresentano bene una casa distrutta, dall’altra parlano del tempo che passa, delle generazioni che si susseguono. «C’è un parallelismo tra questa costruzione e l’essere umano. Entrambi, di fronte alla distruzione cercano sempre la forza di ripartire e ricominciare», fa notare il regista. Al di là della bellezza del luogo, rendere agibile il castello per una settantina di spettatori è anche una sfida, in particolare per le condizioni meteo. «È vero, ma non l’abbiamo mai vissuta come un impedimento. È un privilegio poter fare le prove all’aria aperta con la luce che cambia. E lo stesso vale per gli incontri sul posto con le persone che stanno visitando il castello». Biglietti per le tre date sono ancora disponibili e si possono acquistare all’infopoint dell’Otr di Biasca. Per maggiori informazioni: www.teatrotan.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
15 min
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
1 ora
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
2 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Locarnese
3 ore
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
3 ore
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
3 ore
L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
4 ore
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
5 ore
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
8 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
Ticino
10 ore
Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero
Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime Elezioni cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
© Regiopress, All rights reserved