laRegione
morti-covid-a-sementina-il-cc-per-ora-non-ne-discute
16.05.22 - 20:03
Aggiornamento: 21:36

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti

Tema caldo sin dalla primavera 2020, i 22 decessi Covid registrati nella casa anziani di Sementina durante la prima ondata pandemica hanno riacceso gli animi in Consiglio comunale questa sera a Bellinzona in apertura di seduta. Da una parte il gruppo Lega/Udc ha chiesto di tematizzare la questione alla luce dei recenti tre Decreti d’accusa con i quali il Ministero pubblico propone la condanna dei vertici della struttura per ripetuta contravvenzione alla Legge federale sulla lotta contro le malattie trasmissibili dell’essere umano (decreti impugnati e perciò sarà la Pretura penale a esprimersi durante un processo pubblico). Dall’altra il gruppo Verdi/Mps/Fa ha sottoposto al plenum una risoluzione che fra le altre cose chiede al Municipio di sospendere il direttore amministrativo e la direttrice sanitaria, come pure di includere nella copertura delle spese legali, oltre ai tre dipendenti indagati, anche i parenti di un defunto denuncianti. In entrambi i casi il Legislativo a maggioranza ha respinto le richieste d’inserire i due temi all’ordine del giorno: nel primo caso con 38 no e 14 sì, nel secondo con 39 contrari, 10 favorevoli e 5 astenuti.

Favorevoli e contrari

Ma un dibattito, per quasi un’ora, c’è comunque stato. Ha esordito il leghista Sacha Gobbi: «Già le conclusioni del medico cantonale erano sufficienti a prendere provvedimenti nei confronti dei collaboratori. La Città sta facendo una pessima figura e il modo di proporsi del Municipio è l’esatto opposto di quanto fatto quando è scoppiato il caso dei sorpassi nel 2020. Municipio che questa volta ha eretto un muro a propria difesa, svilendo il ruolo del Cc». Ha rincarato la dose il democentrista Tuto Rossi: «Avete fatto cose indegne. È il momento che l’Esecutivo si scusi. Mentre il municipale Giorgio Soldini difendeva a spada tratta i vertici della struttura, il medico cantonale ha stabilito che sono state intenzionalmente violate le disposizioni anti-Covid. Inoltre durante l’inchiesta sono state fatte pressioni sulla Procura per insabbiare». In disaccordo la capogruppo dell’Unità di sinistra Lisa Boscolo: «Fintanto che non vi è una decisione giudiziaria definitiva, è inopportuno fare una discussione generale politica. Potremo farlo una volta che avremo a disposizione tutti gli elementi. Doveroso però, adesso, esprimere vicinanza, empatia e solidarietà a tutti i familiari. Confido che sia corale». Sulla stessa lunghezza d’onda Tiziano Zanetti capogruppo Plr: «Questo consesso deve dimostrare serietà, ma anche vicinanza. E comunque una discussione generale su un tema così sensibile dev’essere fatta a bocce ferme, con tutti i dati oggettivi in mano». Quindi il capogruppo Ppd Paolo Locatelli, che ha criticato l’atteggiamento del Municipio laddove «non si vede un’umana vicinanza nel suo comunicato stampa diffuso a margine della comunicazione della Procura sui tre decreti d’accusa. Anche il Ppd ha sete di trasparenza, ma non vuole stare al gioco di chi la sollecita adesso e pretende di avere più sete degli altri». Di parere opposto Giuseppe Sergi (Mps): «Comportamento inaccettabile e sopra le righe del Municipio, che in questi due anni ha agito sistematicamente, dichiarando per esempio totale solidarietà con chi è indagato. Finora eravamo solo noi ad accusare la Direzione della casa anziani, ora dopo il medico cantonale lo fa anche il Ministero pubblico. Dobbiamo forse attendere ancora per discuterne? Ci sono responsabilità politiche e amministrative che non vanno di pari passo con quelle giudiziarie, pur considerando la presunzione d’innocenza». Sempre dai banchi Mps Matteo Pronzini ha aggiunto che «è secondario, per la nostra discussione, se i dirigenti saranno o no condannati, se i fatti concreti elencati nei Decreti d’accusa saranno ritenuti penalmente rilevanti o no. Si tratta di atti realmente compiuti». Nessuna replica dal Municipio.

Leggi anche:

Morti per Covid a Sementina: tutti gli errori punto per punto

Morti a Sementina: ‘Sospendere subito i vertici’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
casa anziani consiglio comunale covid morti sementina
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
57 min
La ’ndrangheta prende il treno: inchiesta terminata a Milano
Probabile rinvio a giudizio per i fratelli Rossi, titolari anche della Gcf di Bellinzona indagata in Ticino (cantiere Monte Ceneri) ma non in Italia
Locarnese
1 ora
Frontale scooter-auto a Corcapolo, ferite gravi per il centauro
L’incidente intorno alle 15.45 sulla strada cantonale all’altezza dell’intersezione per Calezzo. Il ferito portato in ospedale da un elicottero della Rega
Ticino
1 ora
Livelli a scuola, ‘usiamoli come indicatori e non come criteri’
È una delle proposte del Consiglio cantonale dei giovani, che chiede anche 5 anni di scuola media e maggiore sensibilizzazione su droghe e alcol
Ticino
3 ore
Legge sulla polizia, al via la consultazione per la revisione
Il nuovo disegno ha come obiettivo di permettere alle autorità di svolgere le proprie attività con maggiore efficacia e chiarezza
Luganese
5 ore
Urc 2022, il bilancio della sicurezza è positivo
Lo Stato Maggiore Urc 2022 sottolinea come i disagi per la popolazione siano stati ridotti al minimo e l’adattabilità del dispositivo approntata
Bellinzonese
6 ore
‘Il canone va comunque pagato’: sconfessata Sa di Cadenazzo
Il Taf respinge il ricorso ribadendo le regole del nuovo sistema di prelievo (imposta, non più tassa) in vigore dal 2019 in Svizzera per le imprese
Bellinzonese
13 ore
Preonzo, residenti sotto la montagna ‘stufi degli allagamenti’
Gli abitanti della via Cadmónn sollecitano il Municipio affinché si trovi una soluzione alla discesa a valle di acqua e detriti in occasione di nubifragi
Mendrisiotto
13 ore
Operatori di prossimità, gli altri Comuni ci sono
Dopo la separazione di Mendrisio, nove enti locali sono pronti a confermare il sostegno al Servizio regionale. Se ne parlerà entro fine luglio
Locarnese
13 ore
Brione Verzasca, luce verde ai semafori
Il legislativo ha accolto il credito per la loro installazione. Permetteranno di assicurare maggior fluidità al traffico nella strettoia del paese
Luganese
19 ore
Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello
Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
© Regiopress, All rights reserved