laRegione
26.04.22 - 19:58

Terreni Sac e Officine Ffs: Wwf contrario alla soluzione Losone

Il comitato sta valutando un’opposizione all’Ufficio federale dei trasporti per preservare l’attuale biodiversità della Piana di Arbigo

terreni-sac-e-officine-ffs-wwf-contrario-alla-soluzione-losone
Ti-Press
Francesco Maggi, coordinatore Wwf Svizzera italiana

«Alle Ferrovie lo abbiamo già detto: dal profilo naturalistico sarebbe un disastro. Perciò siamo contrari e stiamo valutando i termini per inoltrare opposizione» all’Ufficio federale dei trasporti. Stando alle parole di Francesco Maggi, coordinatore di Wwf Svizzera italiana, rischia di non avere vita facile uno dei capitoli più sensibili – quello ambientale – della prevista nuova Officina di manutenzione treni e locomotive che le Ffs intendono realizzare entro il 2026 a Castione. Il capitolo è quello degli otto ettari di pregiate Superfici di avvicendamento colturale (Sac) che verrebbero sacrificati in zona Galletto (oggi usati come pascolo e per fienagione) e che la legge impone alle Ferrovie di compensare altrove ricavando altrettanta Sac. Uno dei quattro terreni presi in considerazione è quello di proprietà comunale a Losone, accanto all’ex caserma, nella Piana di Arbigo in direzione di Golino. In tutto circa sei ettari nei quali i granatieri si sono esercitati fino agli anni 70 lasciando sul terreno testimonianze oggi seminascoste dalla boscaglia, come i bunker inseriti sotto la roccia montonata e i blocchi di cemento armato sparsi un po’ ovunque. Sei ettari di cui 3,7 adocchiati dalle Ffs per inserirvi appunto delle Sac coltivabili e un frutteto, più precisamente nella parte centrale oggi prato magro.


L’Aiolopus thalassinus, volgarmente detto Smeraldino, rischia di complicare la vita alle Ffs

Prato magro la cui denominazione cela in realtà una ricca biodiversità importante agli occhi del Wwf, che su quel comparto ha realizzato l’anno scorso uno studio naturalistico includendo anche il vicino bosco Maia e la parte di territorio che scende fino al fiume Melezza. Studio i cui contenuti, sottoposti alle autorità locali e cantonali, cozzano contro le mire delle Ferrovie. Queste ultime, in accordo col Comune, intendono bonificare a loro spese il fondo dal profilo agricolo e paesaggistico: da una parte asportando lo strato di terra eventualmente inquinato e sostituendolo con strati di nuova terra che siano in linea con la qualità Sac richiesta, prevedendo peraltro anche un frutteto in una piccola porzione; dall’altra inserendo contenuti ludici per la popolazione locale e i turisti quali un nuovo sentiero, una pista finlandese e la predisposizione per una pista ciclopedonale vicino alla strada cantonale. «Vediamo davvero male – prosegue Maggi interpellato dalla ‘Regione’ – che si vada a compromettere totalmente una presenza naturalista unica alle nostre latitudini attraverso un intervento così radicale e soltanto sulla carta orientato a migliorare nel complesso la Piana d’Arbigo dal profilo ambientale. Le Ffs recentemente ci hanno esposto il loro progetto: l’intenzione potrebbe essere giudicata positivamente, ma il risultato che si otterrebbe è deleterio per un terreno che è uno dei fulcri della struttura ecologica di quella zona. Ora, una volta visionato l’intero incarto a disposizione nelle cancellerie comunali, confidando di leggervi anche il preavviso dell’Ufficio federale dell’ambiente, faremo le nostre valutazioni interne per decidere se inoltrare opposizione». Dal profilo politico, rimarca Maggi, «ritengo che la Città di Bellinzona, a fronte dei grandi interessi in gioco per lo sviluppo del nuovo quartiere al posto delle Officine, avrebbe potuto impegnarsi maggiormente nel mettere a disposizione Sac sostitutive» oltre ai 3,1 ettari indicati a Camorino (ex area cantiere AlpTransit) e all’ettaro scarso individuato a Preonzo.

Lo studio: prati magri e raro esempio di landa atlantica

Il Piano d’Arbigo e Bosco Maia, si legge nello studio Wwf incentrato su un’area di 376 ettari, "si contraddistinguono per un’eccezionale ricchezza naturalistica, come testimoniato dalla presenza di una grande concentrazione di biotopi d’importanza nazionale in uno spazio relativamente ristretto". Il comparto a ovest dell’ex caserma interessato dalla compensazione Sac viene descritto come "zona aperta di rilevanza naturalistica. Si tratta in particolare dei prati magri e di un raro esempio di landa atlantica gestiti da una decina di anni in funzione naturalistica" direttamente dal Dipartimento del territorio, Ufficio cantonale natura e paesaggio, essendo l’intero comparto inserito nell’Inventario federale dei paesaggi, siti e monumenti naturali d’importanza nazionale (Ifp). "Pur non raggiungendo i criteri per essere iscritti negli inventari dei prati secchi d’importanza nazionale o cantonale – scrive ancora il Wwf –, tali prati denotano un notevole valore ecologico essendo ambiente di caccia del pipistrello Vespertilio maggiore e habitat della cavalletta Aiolopus thalassinus", detta anche Smeraldino che vive negli ambienti umidi, paludi e prati. Inoltre, aggiunge Maggi, lo stesso Cantone ha recentemente ultimato lungo quella strada cantonale la realizzazione dei sottopassi per gli anfibi: «Sarebbe quindi sbagliato farli finire in un terreno agricolo con tanto di frutteto che richiederà l’uso di pesticidi, anziché nell’attuale prato magro».

Contenuti a favore della popolazione

Il sindaco di Losone Ivan Catarin ribadisce dal canto suo l’interesse comunale a proseguire con le Ffs le valutazioni orientate a inserire le Sac e a ricavare, fra le varie cose, anche una parte a favore della popolazione. In questo ambito si legano peraltro le valutazioni municipali in corso sia per migliorare l’accesso viario di via alle Gerre partendo da via Arbigo, così da facilitare il transito degli automezzi con cavalli a bordo diretti alla sottostante scuderia, sia per rinaturare il riale Segna. Una serata informativa dedicata alla popolazione sarà organizzata entro fine maggio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
20 min
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
27 min
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
49 min
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
1 ora
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
1 ora
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
1 ora
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
5 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
6 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
7 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
8 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
© Regiopress, All rights reserved