laRegione
20.04.22 - 17:04
Aggiornamento: 21:38

La Agroval di Airolo non colpita dalla guerra in Ucraina

Il titolare: ‘La fetta di mercato più importante è il Ticino, un blocco delle esportazioni in Eurasia non influirebbe comunque sull’azienda’

la-agroval-di-airolo-non-colpita-dalla-guerra-in-ucraina
Ti-Press
Ari Lombardi e una serie di yogurt della Agroval

Niente interruzione degli scambi commerciali, le trattative continuano. L’inasprirsi del conflitto in Ucraina così come le sanzioni adottate dalla Svizzera nei confronti della Federazione russa (ed eventuali contromisure) non hanno influito negativamente sulle entrate della Agroval di Airolo, azienda leventinese a conduzione familiare attiva nella produzione di latte e suoi derivati da più di un decennio.

Nonostante le forti preoccupazioni iniziali, le ripercussioni della guerra non hanno infatti comportato, per il momento, una chiusura della rotta commerciale in direzione della patria di Vladimir Putin. «Quanto alla nostra cifra d’affari, la fetta di mercato ricoperta dalla Russia è comunque minuscola – afferma il titolare Ari Lombardi interpellato dalla ‘Regione’ –. La nostra azienda rivende i prodotti a una società svizzera con un contratto esclusivo con l’Eurasia, e non solo con Russia e Bielorussia. Un blocco totale delle contrattazioni non risulterebbe quindi fonte di maggiore apprensione: i nostri principali acquirenti si trovano in Ticino e sono la grande distribuzione, le strutture alberghiere e le imprese ridistributrici come Lati e Grünenfelder; da considerare anche la porzione di mercato ricoperta dai clienti della Svizzera interna e quelli romandi. Il perdurare del conflitto in Ucraina non rischia perciò di compromettere la stabilità della Agroval». Lombardi assicura inoltre che non sarà necessario rinunciare a un dipendente o effettuare delle compensazioni, «ma dispiace sempre perdere un acquirente. Piccolo o grande che sia».

Dalla piccola Airolo sino a Mosca, un cammino difficile

La Agroval di Airolo e le autorità fitosanitarie del Cremlino preposte a valutare i prodotti d’importazione hanno iniziato a instaurare i primi contatti poco più di cinque anni fa, come riferito dalla ‘Regione’ il 23 gennaio del 2016. Dopo una lunga serie di trattative durate un anno e mezzo, l’impresa nostrana è riuscita ad essere accreditata dal governo di Mosca (la prima a livello cantonale) in qualità di azienda esportatrice e lanciarsi alla conquista del mercato dell’Est, ottenendo fin dalle prime spedizioni promettenti risultati. E questo nonostante l’importante deprezzamento del rublo e la conseguente riduzione del potere d’acquisto della popolazione locale allora in corso. La collaborazione e il rapporto di stima instaurati con una società di importazioni con sede nel Sottoceneri, a Lugano, hanno tuttavia permesso ad Ari Lombardi e soci di continuare a concentrarsi esclusivamente sulla produzione e sulla preparazione dei prodotti in conformità delle richieste russe; tant’è che formaggi e yogurt d’alpe erano facilmente reperibili su scaffali e ripiani di una catena di supermercati della rete di classe ‘premium’, ovvero di livello superiore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
9 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
10 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
13 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
15 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
2 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
2 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
© Regiopress, All rights reserved