laRegione
12.04.22 - 17:46

San Vittore dona 5’900 franchi a favore dei rifugiati ucraini

L’assegno è stato consegnato all’Associazione umanitaria comunità bosniaca in Ticino che sta aiutando le persone fuggite dalla guerra

san-vittore-dona-5-900-franchi-a-favore-dei-rifugiati-ucraini
laRegione
Da sinistra: Nicoletta Noi-Togni, Sefika Topic, Suada Catic e Tessa Rosa Castorina

«Volevamo fare qualcosa di concreto». Nicoletta Noi-Togni, sindaca del Comune grigionese di San Vittore, spiega in questo modo la decisione del Municipio di donare 5’900 franchi all’Associazione umanitaria comunità bosniaca in Ticino che si sta impegnando fortemente per aiutare le persone fuggite dalla guerra scoppiata in Ucraina. La consegna ufficiale dell’assegno è avvenuta oggi alle 16 in piazza Governo a Bellinzona: «Abbiamo deciso di donare a questa associazione meritevole perché apprezziamo quello che sta facendo in Ticino», spiega Noi-Togni. Anche se San Vittore si trova nei Grigioni, il Municipio ha scelto di aiutare a un’associazione ticinese, perché «il bisogno di aiuto non deve conoscere frontiere». La somma è composta da 900 franchi raccolti durante una serata pubblica e da 5’000 franchi provenienti dal fondo privato Maria Grazia Huber che è in dotazione al Comune.

Oltre a Noi-Togni, alla consegna dell’assegno erano presenti anche la municipale di San Vittore Tessa Rosa Castorina, così come Sefika Topic e Suada Catic, rispettivamente presidente e membro dell’associazione umanitaria. «Abbiamo iniziato il 27 febbraio e fino ad oggi siamo riusciti a inviare 23 camion con cibo e beni di prima necessità sul confine ucraino», sottolinea Topic visibilmente emozionata per l’importante aiuto ricevuto. Aiuto che sarà utilizzare per effettuare ulteriori viaggi verso l’Ucraina, ma anche per acquistare cibo che sarà poi distribuito al Padiglione Conza di Lugano, dove ogni giorno arrivano rifugiati ucraini da tutto il Cantone alla ricerca di aiuto e di qualcosa da mangiare. L’associazione umanitaria comunità bosniaca in Ticino ha sede proprio a Lugano e promuove progetti e iniziative a favore di persone bisognose in diverse parti del mondo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
35 min
Cinquant’anni di cure domiciliari e Abad vuole ancora crescere
Roberto Mora, direttore dell’associazione bellinzonese, auspica che il servizio, che aiuta bisognosi e sgrava le famiglie, diventi ancora più capillare
Bellinzonese
53 min
Bellinzona, ‘Natale in città e Mondiali in Qatar più ecologici’
Nella sua interrogazione a nome del gruppo Unità di Sinistra, Lisa Boscolo invita il Municipio a una riflessione più approfondita
Ticino
1 ora
Ottobre, cadono le foglie... ma non i radar
Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati i controlli della velocità
Ticino
1 ora
Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore
Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Bellinzonese
1 ora
‘Niente maxischermi a Bellinzona per i Mondiali in Qatar’
Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo contro le violazioni dei diritti umani e ambientali
Locarnese
2 ore
Ad Ascona si pensa a un moltiplicatore fiscale differenziato
Una mozione interpartitica presentata al Municipio da Marco Passalia, Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra chiede di approfondire il tema
Luganese
7 ore
‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’
È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media del Luganese
Luganese
8 ore
Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario
La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
8 ore
‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’
Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
Ticino
8 ore
I ghiacciai ticinesi rischiano di sparire entro 5-10 anni
Le scarse nevicate e l’estate caldissima hanno accelerato la fusione. Il ghiacciaio del Basòdino potrebbe sciogliersi del tutto in mezzo secolo
© Regiopress, All rights reserved