laRegione
23.03.22 - 19:23
Aggiornamento: 31.03.22 - 17:26

A Faido 1’200 lampioni passeranno a tecnologia Led

Il Municipio chiede al Consiglio comunale di concedere un credito quadro di 745mila franchi per il completo rinnovamento dell’illuminazione pubblica

a-faido-1-200-lampioni-passeranno-a-tecnologia-led

Il Municipio di Faido chiede al legislativo di concedere un credito quadro di 745mila franchi per il rinnovamento dell’illuminazione pubblica su tutto il territorio comunale. Il progetto – elaborato dalla Cooperativa elettrica di Faido nell’ambito del piano energetico comunale di cui il Comune si è dotato anni or sono – prevede la sostituzione di circa 1’200 lampade con tecnologia Led sull’arco di quattro anni (circa 300 ogni anno). "Il passaggio a questa tecnologia permetterà importanti risparmi di energia, una regolazione ottimale in funzione della reale necessità e crea una rete di comunicazione interessante per ulteriori sviluppi nell’ambito del nuovo concetto di smart city", scrive il Municipio nel messaggio che il Consiglio comunale esaminerà durante la seduta del 12 aprile. I lampioni passeranno da una potenza media di 107 a 60 Watt. Attualmente il consumo totale per l’illuminazione pubblica ammonta mediamente a 460mila kWh annui, per un costo di circa 100mila franchi. Il Municipio indica che il solo cambiamento delle lampade (previste a luce ‘calda’, 3’000 Kelvin) porterebbe a un risparmio di 44mila franchi. Risparmio che sale a 61mila franchi tenendo conto del previsto sistema di gestione che permetterà di adattare l’illuminazione a dipendenza delle esigenze delle diverse zone del territorio comunale, nel rispetto della percezione degli abitanti e della luce necessaria nelle varie fasce orarie. L’intero investimento sarà finanziato con il prelievo dell’incentivo del Fondo energie rinnovabili.

Si torna a votare per le sottostrutture di Chiggiogna

Durante la seduta del 12 aprile il Consiglio comunale dovrà pure tornare a esprimersi sul credito di 2,7 milioni di franchi per il risanamento delle infrastrutture del nucleo di Chiggiogna. Già approvato nel marzo 2021, il messaggio ha dovuto essere nuovamente licenziato alla luce del ricorso – accolto dal Consiglio di Stato che ha annullato la decisione del legislativo – che lamentava una violazione della Legge organica comunale, e in particolare l’assenza nel messaggio delle indicazioni sulle conseguenze dell’investimento sulle finanze comunali. "Per i prossimi tre anni sono previsti pochi investimenti infrastrutturali ma corposi, (...) spalmati su più anni appositamente per concretizzare in modo sostenibile le opere previste", scrive ora il Municipio nel nuovo messaggio, definendo la cifra "assolutamente sostenile e inferiore alla media degli ultimi 10 anni". Dedotti i contributi cantonali e della Confederazione, il costo totale a carico del Comune è di 1,72 milioni di franchi. Oltre alla sostituzione delle infrastrutture, il progetto si pone l’obiettivo di sistemare la zona d’intervento in modo decoroso e funzionale al fine di garantire la viabilità e migliorare la vivibilità del comparto originario di Chiggiogna. Pure prevista una valorizzazione degli elementi storici e culturali che nonostante la forte cesura creata dalla linea ferroviaria sono ancora presenti, in buono stato di conservazione. Il nucleo originario di Chiggiogna racchiude infatti elementi risalenti all’età del ferro, all’età romana e all’alto Medioevo barbarico.

Gli altri messaggi all’ordine del giorno

Il 12 aprile il Consiglio comunale dovrà anche esaminare il credito di 232mila franchi riguardante i costi residui a carico del Comune per il progetto ’Sistema idrico antincendio boschivo Predelp-Mairengo-Prodör; il credito di 145mila franchi per il ripristino della strada comunale Calonico-Cesù a seguito dei danni alluvionali dell’estate 2021 e il credito di 1,17 milioni di franchi inerente agli investimenti previsti per la legislatura 2022-2024 riguardanti l’Azienda comunale acqua potabile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
3 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
Mendrisiotto
6 ore
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Locarnese
6 ore
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Ticino
6 ore
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Luganese
12 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
13 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
15 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
16 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
16 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
© Regiopress, All rights reserved