laRegione
23.02.22 - 16:20
Aggiornamento: 18:38

La fresa per lo scavo del pozzo forzato è arrivata in Piora

È caduto l’ultimo diaframma della galleria dove sarà inserita la condotta che porterà l’acqua dal lago Ritom alla futura nuova centrale idroelettrica

la-fresa-per-lo-scavo-del-pozzo-forzato-e-arrivata-in-piora
Caduto l’ultimo diaframma (foto: Ritom Sa/Demaldi)

Stamattina è caduto l’ultimo diaframma della galleria dove sarà inserita la condotta che porterà l’acqua dal lago Ritom alla futura nuova centrale idroelettrica del Ritom, che si trova 840 metri più a valle. "Una pietra miliare del più importante progetto energetico per il Cantone e Aet degli ultimi 50 anni in Ticino e uno dei più importanti investimenti delle Ffs a sud delle Alpi", scrive Ritom Sa in un comunicato. "Ha lavorato instancabilmente per quasi 12 mesi e ora ha completato la sua missione: la fresa, anche chiamata talpa meccanica, che ha scavato il nuovo pozzo forzato interrato della futura centrale idroelettrica del Ritom è arrivata in Piora". Questa mattina ha infatti scavato l’ultima parte di roccia del pozzo inclinato, facendo cadere l’ultimo diaframma della galleria che permette di superare il dislivello di 840 metri tra il lago Ritom e Piotta. Ha scavato per circa 1’400 metri nel cuore della montagna, un lavoro lungo e non sempre facile: in alcuni tratti lo scavo è avvenuto in condizioni geologiche difficili che hanno reso l’avanzamento difficoltoso e impegnativo. Lo scavo della galleria è iniziato nel 2019 e i primi 770 metri sono stati scavati in orizzontale tramite brillamenti, mentre da marzo 2021 lo scavo per il pozzo inclinato è proseguito utilizzando la fresa da 300 tonnellate, lunga 100 metri, con un diametro di 3,23 metri. In questi quasi 12 mesi la fresa ha lavorato mediamente per 85 ore a settimana su 2 turni di lavoro giornalieri, sono stati impiegati oltre 20 operai giornalmente e sono state scavate 90’000 tonnellate di materiale, di cui circa 65’000 tonnellate con esplosivo e 25’000 tonnellate con mezzo meccanico.

I lavori proseguono su più fronti

Il cantiere per la realizzazione della nuova centrale del Ritom è stato aperto nel 2018. Il nuovo impianto sta piano piano prendendo forma grazie al centinaio di operai attivi ogni giorno. L’edificio della centrale, che ospiterà le due turbine e la pompa, è arrivato a tetto. "Lì accanto avanza la realizzazione del bacino di demodulazione, un importante tassello del nuovo impianto, poiché grazie a una capacità di 100’000 m3 permetterà di regolare la restituzione delle acque nel fiume Ticino nel rispetto dell’ambiente", si legge nella nota.

Un progetto energetico chiave

"La futura nuova centrale idroelettrica rappresenta un rilevante avanzamento per la strategia energetica delle Ffs e del Cantone Ticino e un importante passo avanti per la sostenibilità e per la politica energetica della Confederazione: un investimento ragguardevole, circa 300 milioni di franchi, che consentirà ai partner coinvolti di far fronte alle esigenze energetiche future di cittadini, aziende e viaggiatori, nel rispetto dell’ambiente".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
6 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
7 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
8 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
8 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
9 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
9 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Ticino
10 ore
Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione
La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Luganese
11 ore
Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’
Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
Luganese
11 ore
Incidente sulla A2, code in direzione sud
Si segnalano disagi al traffico tra Muzzano e la galleria di Collina d’Oro
Luganese
12 ore
Inserimento professionale, Lugano tira le somme
Presentato il rapporto d’attività 2022 del Settore formazione e lavoro della Divisione socialità
© Regiopress, All rights reserved