laRegione
nessuna-sanzione-per-la-congefi-non-e-stata-infranta-la-legge
07.02.22 - 12:53
Aggiornamento: 18:37

Nessuna sanzione per la Congefi: ‘Non è stata infranta la legge’

Il Consiglio di Stato risponde all’Mps in merito alle irregolarità ravvisate nell’ambito dell’attività di triturazione di legname della ditta di Giubiasco

“È compito del Municipio verificare che un’attività sia eseguita in modo conforme alla licenza edilizia rilasciata. I servizi cantonali non sono tenuti a controllare costantemente ogni genere di attività artigianale e industriale”. Tuttavia, “qualora fossero riscontrate delle irregolarità durante controlli periodici o su segnalazione, si interviene affinché la situazione sia rimessa a norma”. Risponde così il Consiglio di Stato alla seconda interpellanza del Movimento per il socialismo che chiedeva innanzitutto di spiegare come mai il Dipartimento del territorio (Dt) non sia mai intervenuto, se non a fronte delle segnalazioni dei cittadini nel 2020, per verificare la regolarità della triturazione di legname della Congefi Sa, ditta attiva dal 2011 nel riciclaggio di materiali (tra cui legname) in zona Seghezzone a Giubiasco.

In occasione dei controlli effettuati dal Dt nel 2020 e 2021, veniva spiegato in risposta alla prima interpellanza dell’Mps, erano in effetti state riscontrate delle irregolarità ed era quindi stato ribadito all’azienda di eseguire le triturazioni di legname unicamente in modo conforme alla licenza edilizia, cioè all’interno dell’apposito capannone. Ora, rispondendo ai dubbi dell’Mps circa i provvedimenti adottati, il Consiglio di Stato spiega che “non è stata inflitta nessuna sanzione da parte delle autorità”, dal momento che le irregolarità ravvisate (“in nessuno dei controlli eseguiti è stato rilevato un gravissimo inquinamento atmosferico, del suolo o acustico”) non rappresentano un’infrazione alla Legge federale sulla protezione dell’ambiente e alla Legge federale sulla protezione delle acque. Accertato che i macchinari del capannone sono dotati di filtri antiparticolato, il Consiglio di Stato parla di una situazione conforme alle normative in vigore dell’Ufficio federale dell’ambiente. Ciò che ad esempio non giustifica l’obbligo per l’azienda di procedere alla completa chiusura dei capannoni per eseguire la triturazione.

‘I servizi cantonali continuano a monitorare’

Quanto alle misure di controllo, nella risposta alla seconda interpellanza dell’Mps viene spiegato che “i servizi cantonali, oltre ad intimare di svolgere le attività in modo conforme alla licenza edilizia, la cui vigilanza è compito del Municipio, continuano a monitorare la situazione con controlli, in parte a sorpresa, dell’azienda (a oggi sono stati eseguiti sopralluoghi il 15.7.2021, 15.10.2021, 13.1.2022) e tramite la verifica della presenza di polvere ogni qualvolta si passa in zona (2-4 volte al mese)”. Inoltre, aggiunge il governo, nei dintorni della Congefi “a partire da luglio 2021 è stato approntato un monitoraggio locale delle polveri in ricaduta per accertarne in modo oggettivo la quantità. Il monitoraggio permetterà da un lato di verificare il rispetto dei limiti di legge e dall’altro di appurare, grazie a confronti con zone più discoste, se effettivamente c’è una maggiore presenza di polveri nelle vicinanze della Congefi”. Lo scorso ottobre, in occasione di un primo aggiornamento su tale campagna di misurazione delle polveri grossolane, il governo informava che i dati sino ad allora raccolti non mostravano “una chiara provenienza di polvere dalla ditta in questione”. Per quanto riguarda le polveri fini, informava il Consiglio di Stato, la stazione di misura situata proprio nel quartiere, poco distante dalla Congefi Sa, non aveva presentato “picchi di valori di polveri fini anomali. I superamenti registrati – concludeva il governo – sono di fatto tutti da ricondurre a questioni meteorologiche e in generale seguono l’andamento delle altre stazioni di misura, dimostrando che sono da ricondurre al carico di inquinanti a cui è solitamente soggetto il nostro cantone e non alle attività specifiche delle ditte nelle immediate vicinanze”.

Leggi anche:

Polveri di legno, ‘Perché il Dt non è mai intervenuto?’

Polveri di legno: la Congefi di Giubiasco richiamata all’ordine

Polveri di legno: l’Mps attacca, Congefi si dice a posto

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
congefi consiglio di stato giubiasco interpellanza polveri di legno
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
2 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
5 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
14 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
15 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
16 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
16 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
17 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
18 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
20 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
23 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
© Regiopress, All rights reserved