laRegione
31.01.22 - 13:47
Aggiornamento: 14:28

A manetta nel cantiere limitato a 80 km/h, il Tf gli dà torto

A2 fra Camorino e Cadenazzo: conducente lamentava l’inadeguatezza della segnaletica provvisoria. Ma tre livelli giudiziari gli han dato torto

a-manetta-nel-cantiere-limitato-a-80-km/h-il-tf-gli-da-torto
Siamo nel 2018: l’importante cantiere di Camorino è iniziato da poco (Ustra)

Cantiere autostradale e radar: un mix che facilmente rimpolpa le casse pubbliche grazie all’incasso di multe talvolta salatissime. Ne sanno qualcosa i molti conducenti pizzicati oltre i limiti in occasione degli importanti lavori effettuati dal 2018 al 2020 sul tratto di A2 compreso fra Camorino e il Ceneri per la posa di pareti foniche laterali, il risanamento della carreggiata e la riorganizzazione generale dello svincolo. Fra i multati c’è chi ha tentato la via ricorsuale, ma invano come nel caso di un conducente condannato dapprima dalla Pretura penale, poi dalla Corte di appello (Carp) e adesso anche dal Tribunale federale per aver circolato il 2 giugno 2018 sul tratto nord-sud, lungo i viadotti all’altezza di Cadenazzo, a circa 140 km/h (ufficiali 132 km/h dedotto il margine di tolleranza) anziché a 80 come indicato dalla segnaletica di cantiere, dalla gestione delle corsie ridotte in quel punto da tre a due e dallo spostamento di una corsia sud-nord (dov’erano in corso i lavori) sul medesimo asse nord-sud. Il Tf ha confermato i due giudizi precedenti che concludevano per una grave infrazione alle norme della circolazione punita con una pena pecuniaria di 24’600 franchi, sospesa condizionalmente per un periodo di due anni, e al pagamento di una multa effettiva di 1’100 franchi.

Le varie contestazioni

Dicendosi convinto di percorrere un tratto limitato a 120 km/h e non a 80, il conducente lamentava un accertamento inesatto dei fatti e contestava l’addebito di una grave negligenza evidenziando la posizione a suo dire inusuale e infelice della segnaletica, la mancata ripetizione dei segnali di 80 km/h lungo l’intero tratto, la carente visibilità dei cartelli anche per l’effetto abbagliante del sole al tramonto, l’assenza di un cantiere e di operai sulla corsia nord-sud da lui percorsa e l’esistenza di due corsie di marcia regolari delimitate da una barriera di separazione stabile dalla carreggiata opposta. Inoltre sosteneva che il traffico intenso e la presenza di veicoli più alti del suo che circolavano sulle altre corsie nella stessa direzione di marcia gli avrebbero impedito di scorgere il cartello posto sul lato destro, mentre quello collocato a sinistra non sarebbe stato visibile tempestivamente essendo parzialmente coperto da una siepe. A suo dire insomma la situazione sarebbe stata sostanzialmente analoga a quella dei tratti autostradali ove vige il limite generale di 120 km/h.

‘Tutto indicava la presenza di un cantiere’

Critiche che la massima Corte giudiziaria elvetica respinge approvando il giudizio in Appello e spiegando che la Carp “non ha accertato che al momento dell’infrazione il traffico fosse particolarmente intenso o che un veicolo di grosse dimensioni circolasse affiancato a quello del ricorrente ostruendogli la visibilità sul lato destro. Dal rapporto di polizia risulta in effetti che al momento del controllo il traffico era normale”. Vero è che dalle fotografie risalenti a 25 giorni dopo il radar, immagini da lui prodotte davanti alla Carp, risulta che la visibilità del cartello di sinistra “non era ottimale poiché parzialmente coperto dalla vegetazione”. Al contrario – scrive il Tf aggiungendo che non vi è l’obbligo di ripetere la segnaletica lungo il tratto di cantiere – quello di destra “era completamente libero da ostacoli e visibile”. Oltre a ciò la viabilità della carreggiata nord/sud, sulla quale circolava il ricorrente, “era stata modificata in modo importante posizionando una barriera spartitraffico allo scopo di utilizzare una corsia per permettere la circolazione dei veicoli in senso contrario”. Non si trattava quindi di un tratto autostradale in condizioni ordinarie – conclude il Tf – ma di una situazione “modificata in modo rilevante. Ciò che lasciava presupporre la presenza di un cantiere, imponendo una limitazione della velocità massima per motivi di sicurezza”. La riduzione a 80 km/h “era chiara e la sua portata facilmente riconoscibile per un conducente che prestasse la necessaria e ragionevole attenzione”. L’eccesso di velocità di 52 km/h riscontrato viene dunque ritenuto “grave e tale da accrescere notevolmente i rischi per la sicurezza della circolazione in una situazione in cui il traffico, seppure separato dalla barriera divisoria amovibile, era momentaneamente bidirezionale”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved