laRegione
la-musica-come-ponte-tra-bellinzona-e-una-scuola-in-israele
Ti-Press
La consegna del premio Spitzer alla Scuola di musica Hmi
26.01.22 - 20:30
Aggiornamento: 20:58

La musica come ponte tra Bellinzona e una scuola in Israele

Premio Spitzer all’istituto musicale Hmi per il progetto con la scuola del villaggio Neve Shalom dove convivono pacificamente ebrei e palestinesi

Il suo nome in italiano è ‘Oasi di pace’. Si tratta del villaggio Neve Shalom - Wahat as-Salam creato nel 1972 congiuntamente da ebrei e arabi palestinesi, i cui membri sono impegnati nel lavoro di educazione per la pace, l’uguaglianza e la comprensione fra le due popolazioni. In occasione della Giornata della memoria che ricorre domani, i ragazzi della Hmi, Scuola moderna di musica di Bellinzona, hanno suonato per i giovani della scuola in Israele alcuni brani. L’evento, con premiazione e quattro intermezzi musicali suonati dagli allievi, si è tenuto questo pomeriggio nella sala del Consiglio comunale di Bellinzona. «La musica permette di avvicinare i popoli e le culture del mondo», ha evidenziato Diego Erba, presidente della giuria del premio Spitzer, consegnando il riconoscimento alla scuola. «Il miglior vaccino contro i conflitti è la scuola, l’educazione e la cultura», ha aggiunto. Particolarmente apprezzata è stata la collaborazione a distanza, con una realtà poco conosciuta con cui è stato veicolato un messaggio di pace e fratellanza. Ma anche il fatto che i giovani e i docenti abbiano lavorato al progetto nel loro tempo libero e fuori dall’orario scolastico.

Un villaggio dove ebrei e palestinesi sono uguali

Nel corso dell’evento, Giulia Ceccutti, membro dell’associazione amici di Neve Shalom Italia in collegamento streaming ha illustrato il modello di convivenza rappresentato dal villaggio e ha dialogato Samah Salaime, direttrice delle istituzioni educative della scuola e due ragazzi della scuola del villaggio tramite una videochiamata. È emerso come il villaggio sia la prova di come due popoli diversi possano vivere insieme cercando di risolvere i loro problemi con rispetto e tolleranza. Il villaggio, a metà strada tra Tel Aviv e Gerusalemme, è il solo abitato in cui ebrei e palestinesi (cristiani e musulmani) convivono educando comunitariamente i loro figli nelle lingue e nelle culture araba e ebraica, mantenendo in vita un Centro di educazione alla pace. Attualmente vi vivono 76 famiglie equamente suddivise tra ebrei e arabi. Due allievi della Hmi hanno chiesto in videochiamata ai loro coetanei come fanno a scuola a comunicare tra loro dato che vi sono delle differenze linguistiche. «A scuola impariamo sia l’ebraico che l’arabo, studiamo e giochiamo in entrambe le lingue», ha risposto un ragazzo che ha anche spiegato che in aula hanno due maestre, una per ogni lingua e ognuna parla agli allievi nella sua lingua madre. Dal canto suo, la direttrice ha evidenziato come sia lungo il percorso verso la pace: «Un percorso che si impara dalla nostra nascita fino alla morte», ha affermato facendo notare che per vivere bene insieme e favorire la convivenza tra due popoli diversi l’educazione è fondamentale.

Spazio alla musica

Dopo questo scambio tra i giovani, undici allievi e un insegnante della Hmi hanno suonato due brani dedicati ai ragazzi della scuola. Il primo brano suonato è stato “Volta la carta” di Fabrizio De André, scritto nel 1978, il secondo è stato un pezzo del 2019 “La luna e la gatta” di Takagi e Ketra. Dopodiché anche cinque allievi più grandi accompagnati da un insegnante si sono esibiti con due brani, tra cui una composizione personale di uno dei chitarristi del gruppo. Renato Milanesio, docente di piano della Hmi, ha spiegato che la scuola propone annualmente dei progetti culturali. L’idea di coinvolgere i ragazzi della scuola di musica e quelli in Israele è stata un’idea di Roberto Ghini, morto un anno fa, da tempo molto vicino alla Hmi. Nel 2018 Ghini e sua moglie avevano avviato i contatti con la scuola di Neve Shalom, un progetto culminato con l’evento di oggi pomeriggio, che avrebbe dovuto tenersi l’anno scorso ma che è stato rinviato a causa della pandemia. Il premio conferito alla scuola, ha evidenziato Moreno Bernasconi, presidente della Fondazione Federica Spitzer, intende valorizzare il ponte che è stato creato dalla Hmi con la scuola in Israele.

Sinergia tra realtà scolastiche

Il progetto ha favorito lo sviluppo di una sinergia tra realtà scolastiche e associative del territorio, coinvolgendo oltre alla Scuola di musica anche il Club Unesco Ticino e alcuni ragazzi della scuola media di Ambrì che hanno lavorato sul tema con la docente Katia Senjic. I ragazzi di una classe di prima media hanno letto delle poesie scritte da loro sul tema della pace, della fratellanza e della solidarietà. Il sindaco di Bellinzona Mario Branda ha espresso entusiasmo riguardo al progetto e ha ringraziato a nome della Città ma anche da parte della popolazione, la Fondazione Spitzer, la scuola di musica Hmi e la Scuola media di Ambrì per essere riuscite a celebrare nella giusta maniera la Giornata della memoria. «L’esperienza del villaggio in Israele è un piccola goccia nel mare ma dimostra come sia possibile vivere in un modo diverso, senza conflitti», ha concluso il sindaco.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona giornata della memoria hmi musica premio spitzer
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
3 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
3 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
3 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
4 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
4 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
4 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
4 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
5 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
6 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Ticino
6 ore
TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati
La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
© Regiopress, All rights reserved