laRegione
25.01.22 - 18:33
Aggiornamento: 19:11

Parcheggi a Bellinzona: ‘Nuova ordinanza complica e non agevola’

Il consigliere comunale Luca Madonna critica l’aggiornamento della tassa annua per i domiciliati che richiedono un permesso per disporre di un parcheggio

parcheggi-a-bellinzona-nuova-ordinanza-complica-e-non-agevola

A Bellinzona il consigliere comunale Luca Madonna (Lega) critica la nuova Ordinanza municipale valida su tutto il territorio di Bellinzona concernente le agevolazioni di parcheggio, che a partire dal 1° gennaio 2022 ha riunito in un unico regolamento le vecchie regole definite dagli ex Comuni diventati quartieri con l’aggregazione. Una modifica che tocca in particolare il quartiere di Monte Carasso dove, scrive Madonna in un’interpellanza, la tassa per i domiciliati senza un parcheggio privato che ottengono un permesso per disporre di un posteggio nelle vicinanze delle abitazioni “è passata dai 220 ai 600/960 franchi all’anno a dipendenza delle situazioni”. Con il risultato, ha calcolato Madonna, che due persone conviventi pagano fino a 1’560 franchi all’anno per due parcheggi, oltretutto con il forte rischio di non trovare posto in quanto i parcheggi messi a disposizione dalla Città sono pubblici (disco e parchimetro). “Al contrario di quanto indica il titolo dell’ordinanza la stessa non agevola i parcheggi, ma addirittura in diverse zone li complica, sia dal lato pratico che da quello finanziario – evidenzia Madonna –. Un importo come quello applicato (960 franchi annui) corrisponde a un parcheggio coperto e riservato in un palazzo, mentre con 600 franchi posso disporre un posto auto esterno”, continua il consigliere comunale, che al Municipio chiede di rivedere la tassa, togliere nelle zone turistiche (come è in particolare il caso di Monte Carasso) il parchimetro di 24 ore e il motivo per cui si applicano due tariffe differenti nella stessa economia domestica. “Se non fosse possibile ridurre la tassa si provveda almeno ad assicurare il proprio parcheggio”, aggiunge Madonna, che per concludere invita il Municipio a valutare meglio tali situazioni “prima di prendere delle decisioni poco felici”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
4 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
5 ore
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
6 ore
Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’
La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
Bellinzonese
6 ore
Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona
I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
Ticino
9 ore
Superamento dei livelli, il Plr boccia la proposta commissionale
In Gran Consiglio arriverà anche il rapporto di minoranza di Polli: da Lega, Ps, Centro e Verdi ‘proposta evidentemente fragile, non ha obiettivi’
Luganese
9 ore
Processo Enderlin, ‘dopo 9 anni di Purgatorio comincia la vita’
L’imprenditore luganese è stato condannato a 13 mesi sospesi. Cade l’accusa delle retrocessioni bancarie
Locarnese
11 ore
Semine e novellame, così il Dipartimento ne orienta la rotta
All’Assemblea della Società di pesca Onsernone-Melezza Christophe Molina ha illustrato gli indirizzi del Dipartimento in materia di gestione ittica
Mendrisiotto
14 ore
Lite fra due persone in corso San Gottardo: c’è un arresto
L’alterco è scoppiato alle prime ore del giorno. In manette è finito un 21enne del Mendrisiotto
Luganese
15 ore
Reati finanziari ‘atipici’, chiesti 12 mesi per Davide Enderlin
Il 51enne imprenditore ed ex consigliere comunale del Plr di Lugano deve rispondere di amministrazione infedele e falsità in documenti
Ticino
15 ore
Nuova condanna per Scimonelli, il mafioso nato a Locarno
L’uomo ‘bancomat’ di Matteo Messina Denaro, in carcere dal 2015, è stato riconosciuto colpevole anche di numerosi attentati incendiari
© Regiopress, All rights reserved