laRegione
anche-sant-antonino-si-dotera-di-un-custode-sociale-di-paese
Marta Marchese, custode sociale di Cadenazzo (Ti-Press)
18.01.22 - 18:26

Anche Sant’Antonino si doterà di un custode sociale di paese

Il Municipio risponde positivamente alla richiesta Plr. Valutazioni in corso sulla proposta Ppd per un centro extrascolastico

Dopo Cadenazzo, Monte Carasso e Giubiasco, presto anche Sant’Antonino si doterà di un custode sociale di paese, figura professionale con la quale i Comuni mirano a rendere effettive e accrescere le possibilità di presa a carico delle persone anziane o invalide al loro domicilio. Fungendo da attivatore di risorse formali e informali, laddove presente diventa l’operatore di riferimento per l’utente stesso e la sua famiglia. La decisione municipale segue una recente interpellanza presentata dalle consigliere comunali Tiziana Capitanio ed Elena Guerra a nome del gruppo Plr. Il custode sociale – evidenziavano suggerendo al Municipio di attivarsi con l’Abad, Assistenza e cure a domicilio del Bellinzonese – è un operatore formato e con esperienza nel campo socioassistenziale che al mattino solitamente visita e presta cure a utenti di Abad e durante dei pomeriggi organizza in paese attività di animazione e socializzazione. Diventa così una persona di riferimento nell’ambito di una rete di conoscenza e lavoro tra famiglia, personale curante, assistenti sociali e gruppi di volontari. Ciò che permette agli utenti di poter continuare a vivere a casa con maggior sicurezza, tranquillità e serenità propria e dei familiari.

Il buon esempio di Cadenazzo

Accolta positivamente la suggestione, l’Esecutivo ha preventivamente interpellato la municipale di Cadenazzo Natascia Caccia, responsabile politica del servizio comunale, e il direttore di Abad Roberto Mora da cui dipende l’operatrice sociale Marta Marchese. La prestazione è stata attivata nell’ottobre 2017 insieme ad Abad e in collaborazione col gruppo La Quercia, tanto da ritenersi una prima a livello cantonale e svizzero. “Considerato il buon esempio – scrive ora l’Esecutivo di Sant’Antonino rispondendo all’interpellanza – si è deciso d’introdurre la nuova funzione anche qui, con una persona incaricata e gestita direttamente da Abad”, la quale ha nel frattempo avviato la ricerca della persona cui affidare l’incarico. Dal canto suo il Comune parteciperà insieme alla stessa Abad e al Cantone ai costi generati dal nuovo servizio. Quanto alla logistica – spiega la sindaca Simona Zinniker dopo un incontro orientativo tenutosi proprio lunedì sera – si sta valutando quali spazi utilizzare durante due mezze giornate alla settimana. Verifiche sono in corso insieme al gruppo di volontari che già organizza delle attività per gli anziani facendo capo all’oratorio; quale alternativa potrebbe entrare in linea di conto la sala multiuso comunale.

C’è richiesta? Lo dirà il sondaggio

Sempre in ambito sociale il Municipio risponde in modo proattivo all’interpellanza del capogruppo Ppd Vincenzo Lo Russo che sollecita la creazione di un centro extrascolastico per i bambini della Scuola dell’infanzia ed elementare. Nel mese di dicembre – spiega l’Esecutivo – è stato eseguito un sondaggio indirizzato ai genitori degli allievi delle Elementari per capire se vi sia una reale esigenza: sulla base di quanto scaturirà “si valuterà se e come procedere”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abad custode sociale sant'antonino simona zinniker
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
52 min
Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano
Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
52 min
Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio
Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
52 min
‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’
Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
7 ore
Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’
Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
7 ore
Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più
Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
11 ore
Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte
Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
11 ore
Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti
Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
12 ore
Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano
Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
12 ore
Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano
Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Luganese
12 ore
Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute
Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
© Regiopress, All rights reserved