laRegione
18.01.22 - 12:15
Aggiornamento: 16:51

Chiesta più sicurezza per i pedoni a Bellinzona

In particolare nei pressi delle scuole e in alcune zone con il limite di 30 km/h. Antoine Ndombele rivolge un’interpellanza al Municipio

chiesta-piu-sicurezza-per-i-pedoni-a-bellinzona
Ti-Press

Bellinzona è una città sicura per i pedoni? A sollevare diversi dubbi è il consigliere comunale Antoine Ndombele (Unità di sinistra) in un’interpellanza al Municipio. “Dal settembre 2019 la città ha inaugurato un piano di mobilità scolastica in ogni quartiere di Bellinzona. Ogni quartiere infatti dispone di una mappa disegnata a misura di bambino in cui le famiglie possono trovare i percorsi consigliati per compiere in sicurezza il percorso casa-scuola”, viene ricordato nell’interpellanza. “Malgrado le mappe che orientano verso percorsi sicuri e la presenza del servizio di pattuglia, rimangono dei dubbi sulla sicurezza pedonale. Alcuni genitori si sono allertati in alcune zone della città in cui vi sono attraversamenti con molto traffico (come a Sementina e Bellinzona Nord) o con una sicurezza limitata (a Daro dove tra l’altro alcuni genitori si sono attivati per una raccolta firme). Ci si pone dunque la domanda se non conviene riflettere su un nuovo piano di mobilità scolastica o un adeguamento, favorendo la creazione di zone 20 in alcune zone adiacenti ai centri scolastici soprattutto nelle aree con più traffico (anche perché il servizio di pattuglia è limitato all’anno scolastico)”. Alla luce di queste considerazioni il consigliere comunale chiede al Municipio se intende rivalutare o migliorare il piano di mobilità scolastica e se intende intervenire laddove gli attraversamenti pedonali possono risultare pericolosi. “Come valuta la possibilità di potenziare le zone 20 nei pressi dei centri scolastici per favorire maggiore sicurezza pedonale?”. Nell’interpellanza viene poi indicato che un’altra area della città che sembrerebbe non essere sicura per i pedoni è la via di Pratocarasso, molto transitata dai bambini durante il tragitto casa-scuola. “Malgrado vi sia la segnaletica del limite di 30 km/orari troppe macchine viaggiano ancora a velocità sostenuta su tutto il tratto. È dunque importante segnalare maggiormente l’area limitata a 30 km/orari e si dovrebbe demarcare meglio il lungo marciapiede che delimita l’entrata della via che troppi automobilisti pensano che sia solo strada”. La stessa situazione di pericolo, viene indicato, si verifica pure all’incrocio tra via Vela e via Lavizzari (davanti alle Scuole medie 1). “Il Municipio intende intervenire sulle zone 30 come la via Pratocarasso in cui la velocità non è rispettata?”, chiede infine Ndombele.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarno
1 ora
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
3 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
3 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
4 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
4 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
4 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
4 ore
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
9 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
10 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
11 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
© Regiopress, All rights reserved