laRegione
bellinzona-faccia-di-piu-per-diventare-veramente-accessibile
(Ti-Press)
17.01.22 - 17:02
Aggiornamento : 17:25

‘Bellinzona faccia di più per diventare veramente accessibile’

Una mozione sollecita una strategia per migliorare l’accoglienza delle persone con disabilità. Proposti un referente comunale e una commissione ad hoc

Giunge tramite una mozione la richiesta al Municipio di Bellinzona di voler fare di più in materia di accessibilità, intesa da un punto di vista architettonico, ma anche a livello di comunicazione, di tempo e attenzione dedicata all’accoglienza delle persone con disabilità. Pur premettendo che l’accessibilità è migliorata, per i consiglieri comunali dell’Unità di sinistra Danilo Forini e Michela Luraschi (primi firmatari della mozione sottoscritta anche da un membro di ogni schieramento politico) rimane parziale e molte barriere sono ancora presenti. “Benché si cerchi sempre di fare il meglio possibile, dalle segnalazioni delle persone con disabilità che vivono in città ci sono ancora molti aspetti da migliorare”, si legge nel testo della mozione, nella quale vengono riportati alcuni esempi principalmente legati a questione architettoniche: l’accessibilità al Museo Villa dei Cedri, al Parco fluviale, al Parco urbano, alla Chiesa Collegiata, a eventi organizzati con permessi municipali unitamente alla pavimentazione dei centri storici, la piscina coperta e le sedi delle scuole comunali. “Eliminare le barriere e realizzare edifici, prodotti e ambienti che siano accessibili a tutti è un dovere della nostra città e anche una strategia lungimirante al fine di diventare una città attrattiva a tutti i livelli”.

Le specifiche richieste

Venendo alle richieste contenute nella mozione, i firmatari chiedono al Municipio di “elaborare un messaggio che definisca una strategia pluriennale con obiettivi generali, misure concrete e tempistiche per migliorare l’accessibilità e le modalità d’accoglienza dell’amministrazione comunale nei confronti delle persone con disabilità”. Nello specifico si domanda di “valutare lo stato attuale dell’accessibilità e definire come intervenire nei luoghi e nei servizi che presentano barriere fisiche, a livello di comunicazione (promuovendo ad esempio l’uso della lingua facile o la possibilità di comunicare con la lingua dei segni) e ostacoli nell’accoglienza al pubblico”. Si chiede anche di “sviluppare misure di promozione culturale volte al miglioramento dell’accessibilità e definire come monitorare i nuovi progetti comunali (di qualsiasi natura) affinché sia considerata anche la loro inclusività”.

Un referente comunale per l’accessibilità

All’esecutivo i firmatari suggeriscono di prevedere anche la nomina, nel contesto del medesimo messaggio, di un referente per la disabilità all’interno dell’amministrazione comunale, “valutando se proporre al Consiglio comunale un finanziamento ad hoc oppure se possibile identificare una risorsa già esistente”. Secondo gli autori della mozione, in questo modo si eviterebbe “che ogni volta le persone con disabilità debbano segnalare questi aspetti ai servizi comunali competenti o magari queste problematiche essere oggetto di interrogazioni, interpellanze e mozioni in Consiglio comunale”. Si ritiene dunque fondamentale la dotazione di un referente comunale “a cui i cittadini possono rivolgersi come interlocutore di contatto, come facilitatore, per interloquire con i servizi e le autorità comunali competenti”. Nella mozione si evidenzia che “un gruppo informale di persone con disabilità si è già costituito ed è talvolta in contatto con collaboratori e collaboratrici dell’amministrazione pubblica. Si reputa importante consolidare questa collaborazione attualmente spontanea e sporadica, allargando la partecipazione anche agli enti di riferimento che operano sul territorio”. Da ultimo, “un chiaro segnale di promozione attiva della partecipazione civile a politica delle persone con disabilità” sarebbe l’istituzione di “un gruppo di accompagnamento composto da persone con disabilità e da professionisti del settore che possa essere consultato dal referente o dal Municipio per questioni puntuali o per scambi di riflessione inerenti a questioni legate all’accessibilità”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accessibilità bellinzona mozione persone con disabilità
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
28 min
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
1 ora
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
6 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
6 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
11 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
11 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
12 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
12 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
12 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
20 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved