laRegione
23.12.21 - 17:06
Aggiornamento: 17:51

Il Ppd attacca: ‘Cosa c’è di indegno nel tutelare la salute?’

A Bellinzona non si placa la polemica sull’ultima seduta di Cc e il capogruppo Locatelli risponde per le rime a Plr e Sinistra

il-ppd-attacca-cosa-c-e-di-indegno-nel-tutelare-la-salute
Il capogruppo Ppd, Paolo Locatelli (Ti-Press)

Il Ppd di Bellinzona rispedisce al mittente le critiche rivolte da politici liberali-radicali e socialisti ai consiglieri comunali popolari-democratici, leghisti, democentristi, verdi e Mps che lunedì sera hanno abbandonato la sala del Cc a Palazzo civico per motivi di sicurezza sanitaria ritenendo la soluzione logistica non idonea per una riunione di legislativo in questo momento di picco pandemico. Sia durante le fasi successive della seduta, sia poi sui social e in comunicazioni interne alcuni municipali e consiglieri hanno tacciato di intollerabile, antidemocratico e indegno l’agire dei colleghi usciti. Ma il capogruppo Ppd non ci sta. “Cosa c’è d’intollerabile nel proporre al Cc una questione di esclusivo ordine sanitario? Cosa c’è di antidemocratico nel vedere un intero gruppo che, per una questione di esclusivo ordine sanitario, abbandona la sala? Cosa c’è d’indegno nel credere che lunedì sera non vi fossero le condizioni idonee per svolgere a Palazzo civico la seduta considerando la rapida evoluzione della crisi pandemica alla presenza della variante Omicron?”.

‘Dibattito scomposto’

L’abbandono della sala, rimarca ancora il Ppd, “ha acceso un dibattito scomposto da parte di esponenti di rilievo della Sinistra e del Plr” dopo che a maggioranza il plenum aveva deciso la prosecuzione dei lavori in risposta al postulato urgente presentato da Brenno Martignoni Polti (Udc) che nel pomeriggio chiedeva l’annullamento della seduta per esclusivi motivi di ordine sanitario”. Considerate anche “le nuove e stringenti limitazioni imposte dalla Confederazione due giorni prima e la constatazione che l’assemblea comunale si tenesse in una sala non idonea (oltre alla distanza minima assente anche l’abituale indisciplina dei presenti nel restare al proprio posto) vi erano solidi presupposti per affrontare la discussione in modo ampio ed esauriente. Così non è stato! Dopo una sbrigativa discussione all’insegna del “tutto ciò che non è espressamente vietato dalla Confederazione e dal Cantone, è permesso”, accompagnato da un intervento irriverente del vicesindaco, il presidente del Cc ha messo ai voti la richiesta di annullamento dei lavori: 18 consiglieri comunali (dei presenti, uno su tre) si sono determinati per interrompere subito la seduta. Il fatto di non aver raggiunto una maggioranza non obbliga però il singolo a rimanere al proprio posto e a soffocare le proprie convinzioni”. Da qui la decisione di abbandonare la sala “dopo averne dato formale comunicazione al presidente del Cc”. Una decisione presa dando la priorità “alla responsabilità individuale e alla coerenza nei comportamenti di chi si impegna in politica nel contesto di una nuova ondata di contagi che rischia di travolgere in questi giorni l’intero Paese”.

Il metro e 24 ammesso con l’obbligo di mascherina

Quanto al fatto che il distanziamento sociale non fosse rispettato, il Ppd evidenzia in effetti che il Piano pandemico allestito per la sala indica la presenza di un metro e 24 centimetri fra una consigliere e l’altro anziché il metro e mezzo richiesto dalle norme federali. Seduta dunque fuorilegge? La redazione ha nuovamente chiesto lumi alla Sezione enti locali che nei giorni scorsi, sollecitata in merito, aveva ritenuto corretta la soluzione allestita dai servizi comunali. Infatti le norme relative alle riunioni istituzionali qual è quella del legislativo comunale – riunioni alle quali possono accedere persone anche non vaccinate – prevedono la necessità di un metro e mezzo fra una postazione e l’altra e, qualora non fosse tecnicamente possibile, l’obbligo di mascherina oppure la posa di pareti divisorie. Pareti presenti ad esempio nella sala del Gran Consiglio (davanti e ai due lati di ciascun deputato) ma non nella sala del Cc dove quindi ognuno, essendoci un metro e 24, deve obbligatoriamente indossare la mascherina, come in effetti è stato. Un assetto organizzativo che Martignoni Polti e colleghi ritengono però insufficiente. Perciò confidano che le istanze preposte (sia quelle comunali ma specialmente quelle cantonali e federali) ne tengano conto per i mesi a venire inasprendo le norme.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
7 ore
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
7 ore
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
8 ore
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
9 ore
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
10 ore
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
10 ore
‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’
Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Ticino
10 ore
Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’
Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Ticino
11 ore
BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni
I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Ticino
11 ore
Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni
Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Bellinzonese
11 ore
Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco
L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
© Regiopress, All rights reserved