laRegione
villaggio-di-natale-a-bellinzona-con-2g-per-alcune-serate
Ti-Press
Foto d’archivio
21.12.21 - 12:18
Aggiornamento: 16:28

Villaggio di Natale a Bellinzona con 2G+ per alcune serate

Giovedì 23 e venerdì 24 dicembre accesso solo con 2G+, la stessa modalità potrebbe essere estesa anche al 30 e 31 dicembre

Misure di sicurezza rafforzate nel villaggio di Natale in piazza del Sole a Bellinzona. “Alla luce della nuova ordinanza federale Covid-19 in vigore da ieri, nel capannone in piazza sono state aggiornate le disposizioni”. In un comunicato stampa odierno diramato dal Municipio di Bellinzona viene spiegato che, come avveniva già finora, viene mantenuto l’accesso solo a persone vaccinate o guarite dal coronavirus (in possesso dunque del certificato 2G): in aggiunta sono stati predisposti i posti a sedere, è introdotto l’obbligo della mascherina al chiuso e la consumazione è consentita solo da seduti. Le misure in vigore negli spazi esterni (pista di pattinaggio e zone limitrofe) rimangono invariate, ovvero obbligo di mascherina dai 12 anni di età, ma non di certificato.

Misure di sicurezza rafforzate

Durante l’apertura serale di giovedì 23 e venerdì 24 dicembre 2021, l’accesso verrà consentito unicamente a chi a partire dai 16 anni è in possesso di un certificato 2G+, ovvero chi rientra in una delle due seguenti categorie:
- chi è guarito o ha ricevuto la seconda o terza dose di vaccino negli ultimi quattro mesi;
- chi essendo stato vaccinato o guarito più di quattro mesi fa è però in possesso di un tampone con esito negativo effettuato nelle 24 ore precedenti l’entrata in caso di test rapido o 72 ore in caso di Pcr.

Durante queste due serate decadrà l’obbligo della mascherina al chiuso e sarà possibile la consumazione in piedi.
“Si tratta di una prima applicazione dell’accesso con 2G+. A dipendenza dell’esito, s’intende proporre la stessa modalità anche in occasione delle serate di giovedì 30 e venerdì 31 dicembre 2021”, conclude il comunicato.

Stop ai furbetti, eliminati i braccialetti

Anche per accedere al villaggio di Natale i soliti furbetti hanno trovato il modo per cercare di aggirare le regole. Ad esempio c’è chi è riuscito a farsi cedere da un amico il braccialetto che permette di accedere alla tensostruttura. Inoltre, la prima sera di apertura del villaggio l’accesso era consentito anche a persone in possesso di un certificato ottenuto a seguito di un test Covid valido, ciò che in seguito non era più possibile con l’introduzione della modalità 2G. Queste persone hanno ottenuto quindi il braccialetto che dava loro libero accesso a tutta la manifestazione, nonostante in seguito sia stata introdotta la norma 2G. Abbiamo sottoposto questi problemi e il rischio di contagio che ne potrebbe conseguire al coordinatore del villaggio di Natale Daniele Melzani. «In effetti abbiamo deciso di cambiare rotta e da lunedì scorso non vengono più utilizzati i braccialetti ma vengono controllate tutte le persone (sono richiesti il certificato 2G e un documento di identità) al loro accesso alla tensostruttura», spiega alla ‘Regione’. Melzani tiene a puntualizzare che dopo la prima sera sono state comunque ricontrollate anche tutte le persone che avevano già ricevuto il braccialetto. «Questo per ragioni di sicurezza e per non avere dubbi. Perché avevamo infatti ricevuto delle segnalazioni riguardo a questo problema, che però a seguito di verifiche ci sono parse infondate. Tuttavia, per scongiurare ogni dubbio, abbiamo risolto la questione eliminando i braccialetti e controllando tutti ad ogni accesso», conclude Melzani.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
2g bellinzona natale villaggio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
21 min
Legge sulla polizia, al via la consultazione per la revisione
Il nuovo disegno ha come obiettivo di permettere alle autorità di svolgere le proprie attività con maggiore efficacia e chiarezza
Luganese
2 ore
Urc 2022, il bilancio della sicurezza è positivo
Lo Stato Maggiore Urc 2022 sottolinea come i disagi per la popolazione siano stati ridotti al minimo e l’adattabilità del dispositivo approntata
Bellinzonese
3 ore
‘Il canone va comunque pagato’: sconfessata Sa di Cadenazzo
Il Taf respinge il ricorso ribadendo le regole del nuovo sistema di prelievo (imposta, non più tassa) in vigore dal 2019 in Svizzera per le imprese
Bellinzonese
9 ore
Preonzo, residenti sotto la montagna ‘stufi degli allagamenti’
Gli abitanti della via Cadmónn sollecitano il Municipio affinché si trovi una soluzione alla discesa a valle di acqua e detriti in occasione di nubifragi
Mendrisiotto
9 ore
Operatori di prossimità, gli altri Comuni ci sono
Dopo la separazione di Mendrisio, nove enti locali sono pronti a confermare il sostegno al Servizio regionale. Se ne parlerà entro fine luglio
Locarnese
9 ore
Brione Verzasca, luce verde ai semafori
Il legislativo ha accolto il credito per la loro installazione. Permetteranno di assicurare maggior fluidità al traffico nella strettoia del paese
Luganese
15 ore
Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello
Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
17 ore
5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa
Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Ticino
20 ore
Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro
Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
20 ore
‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’
Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
© Regiopress, All rights reserved