laRegione
laR
 
16.12.21 - 05:30
Aggiornamento: 15:27

Val di Blenio, una strada per promuovere Montegreco

Sul credito di 550mila franchi per il ‘sentierino’ e il ‘sentierone’ devono esprimersi i patrizi di Malvaglia. Eros Valchera si appella alla solidarietà

val-di-blenio-una-strada-per-promuovere-montegreco
Ti-Press
Un punto di ristoro e di riposo a 1’156 metri di altitudine

«Manca solamente la strada» per completare l’offerta turistica e finalmente partire con i progetti ancora in fase di realizzazione nella regione di Montegreco, sopra Malvaglia, in Valle di Blenio. Eros Valchera, presidente della fondazione Monte Greco, lancia un appello ai patrizi di Malvaglia che domani, 17 dicembre, si riuniranno in assemblea per decidere, fra l’altro, se approvare il credito di 550mila franchi per realizzare i cosiddetti ‘sentierino’ e ‘sentierone’. Il primo è una pista agricola larga 1,70 metri per accedere anche con piccoli mezzi meccanici (ad esempio un quad) o e-bike al nucleo di Muncréch (italianizzato: Montegreco) partendo da Piüghéi. Il secondo è una via carrabile larga 2,50 metri che collega quest’ultimo nucleo alla strada comunale che serve Prastinéi. «Il sentierino, il sentierone e la strada asfaltata di fatto formeranno una ciclovia per biciclette elettriche tra Malvaglia e Montegreco, con 800 metri di dislivello», precisa Valchera a ‘laRegione’.

Con un sì, via libera all’apertura dell’ostello

Sono cinque i prodotti turistici legati alla natura e alla storia del luogo che propone la regione di Montegreco. Da quest’ultima località situata a 1’156 metri di altitudine parte ad esempio il cosiddetto sentiero celtico che porta a Solgone, a 1’400 metri di altitudine. Si tratta di un tragitto (originariamente percorso dell’antica processione di San Giuliano) lungo quattro chilometri con sette postazioni energetiche. Sempre in ambito pedestre Valchera sottolinea che «Montegreco è al centro tra le capanne di Cava (Val Pontirone) e Quarnei (Val Malvaglia)» che distano circa 6 ore di viaggio. Questo è anche uno dei motivi che hanno portato la fondazione a realizzare un ostello in stile Walser con 25 posti letto e 40 posti per la ristorazione, ristrutturando l’edificio più antico di Montegreco, ovvero una torba. Torba nella quale era custodita la campana dell’antica chiesa, demolita nel corso dell’800 a seguito di un incendio. Tuttavia anche in questo caso la fondazione ha ricostruito l’edificio: la chiesetta di San Giuliano è stata inaugurata nel 2006 e ha dato il la ad altre ristrutturazioni come quella della Cappelletta di Ranch, del vecchio forno del pane, così come al risanamento di due chilometri di muri a secco o alla prevista sistemazione del nucleo per renderlo accessibile pure ad anziani e a persone con disabilità.

Il Parco del castagno per combattere lo stress

Oltre al sentiero celtico e all’ostello (che dovrebbe essere aperto una volta completati il sentierino e il sentierone), la regione propone poi altre tre offerte turistiche nel Parco del castagno situato a Piüghei, a 953 metri di altitudine. Il nome è dovuto alla presenza di un castagno ultramillenario (la cui circonferenza alla base misura ben 13,50 metri) e di altri cinque castagni vecchi più di 500 anni.

Nel comparto sono inoltre stati piantati altri alberi autoctoni provenienti dal vivaio forestale di Lattecaldo. In questo luogo i visitatori potranno praticare il Forest Bathing, la Nature Therapy e lo yoga all’aperto su una piattaforma (ovviamente) in legno di castagno. Si tratta di attività che negli ultimi anni hanno preso sempre più piede: «Grazie all’energia elettromagnetica benefica emanata dagli alberi è possibile promuovere la salute psico-emozionale delle persone», osserva Valchera. Uno degli effetti più percettibili per chi svolge yoga oppure semplicemente passeggia tranquillamente in un bosco è il senso di relax che permette di contrastare lo stress. Oltre a rilanciare e valorizzare il territorio di questa regione, la fondazione Monte Greco punta proprio a mettere a disposizione dei visitatori possibilità di svago e di relax, grazie a quello che ha da offrire la natura con i suoi effetti positivi sul benessere delle persone.

Realizzazione prevista entro la prossima estate

Tuttavia per rendere più attrattive e funzionali questi prodotti turistici è necessario offrire anche collegamenti adatti. Ed è per questo che la fondazione spera in una decisione positiva da parte dell’assemblea patriziale di Malvaglia per quanto riguarda il sentierino e il sentierone. «Dall’epoca della civiltà romana strade e acquedotti erano sinonimo di progresso», rileva Valchera che si appella alla solidarietà della comunità: «Ai patrizi chiedo semplicemente di dare una mano a Montegreco. Essere patrizi significa infatti manifestare quel fuoco che abbiamo dentro di noi che rappresenta un sentimento di identità, di appartenenza a un luogo, alla Madre Terra». Grazie a questa strada – i cui costi sono suddivisi fra Comune di Serravalle (80mila franchi), patriziato (80mila), proprietari terrieri (80mila), progettazione e lavori già eseguiti dalla fondazione (70mila), sussidi agricoli federali e cantonali (240mila franchi) – potranno poi partire al 100% tutte le attività legate alle offerte turistiche, come l’ostello o il Parco del castagno che attualmente sono «pronti all’80%». Con un sì da parte dell’assemblea patriziale «il sentierino e il sentierone dovrebbero essere realizzati entro l’estate dell’anno prossimo», precisa Valchera, permettendo così a tutti gli interessati di «approfittare della storia e della natura che offre il nostro territorio».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
7 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
7 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
7 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
8 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
8 ore
‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
9 ore
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
9 ore
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Mendrisiotto
10 ore
Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee
Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare
Locarnese
10 ore
Locarnese: ‘Periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’
Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Ticino
13 ore
I formaggi ticinesi premiati in Svizzera e nel mondo
Il ‘Merlottino’ della Lati ha ottenuto la medaglia di bronzo ai ‘World Cheese Awards’. Diversi premi anche a livello nazionale
© Regiopress, All rights reserved