laRegione
12.12.21 - 20:00
Aggiornamento: 13.12.21 - 11:57

‘100 anni in musica’ per la Filarmonica di Biasca

Il giubileo sarà festeggiato il prossimo weekend con la presentazione del libro e il concerto prenatalizio

100-anni-in-musica-per-la-filarmonica-di-biasca

Non mancano gli aneddoti curiosi e inediti nella pubblicazione che ripercorre la storia della Filarmonica di Biasca, una memoria rinverdita da Christian Barelli, per trent’anni suonatore dello stesso sodalizio, in un corposo volume fresco di stampa e ricco di foto, documenti storici e interviste. L’occasione per rispolverare gli annali è stata fornita dal centenario della società bandistica, traguardo importante per un sodalizio radicato nel territorio e che ha formato musicalmente diverse generazioni di giovani. Salvo cambiamenti di programma dovuti alla situazione sanitaria ancora fluida, il traguardo verrà celebrato nel weekend del 18 e 19 dicembre con due concerti e la presentazione del libro. In realtà i cent’anni sono stati compiuti nel 2020, ma per motivi legati alla pandemia non hanno potuto essere celebrati, con l’annullamento di una lunga serie di eventi. Ora invece ci siamo, e l’attesa ha appunto permesso di realizzare un libro frutto di lunghe e minuziose ricerche d’archivio.

La precedente impronta politica

Se la nascita ufficiale della Società Filarmonica risale al 15 maggio 1920, l’inizio dell’attività bandistica a Biasca risale a diversi anni prima, ed è un altro aspetto affrontato dal libro commemorativo intitolato “100 anni in musica”, in vendita il 18 e 19 dicembre sul posto durante i concerti, oltre che sul sito della banda (www.filarmonicabiasca.ch) al prezzo di 25 franchi. I precursori si mossero infatti già nel 1875, quindi quasi mezzo secolo prima: si trattava della Scuola di Musica di Biasca formata da tredici suonatori locali. La banda aveva allora un’impronta politica: nell’ultimo decennio dell’Ottocento era infatti denominata ‘Filarmonica Liberale’.

Direttori e presidenti

La pubblicazione racconta poi lo sviluppo dell’attività, dalla prima uniforme ufficiale alla partecipazione agli eventi regionali e cantonali. Non manca un omaggio a Franco Viviani, socio attivo sin dal 1960, in comitato dal 1972, socio onorario nel 2018 e purtroppo scomparso proprio nell’anno del centenario. La pubblicazione elenca pure tutti i maestri della storia centenaria, da Omero Codaghengo (1920 al 1927) all’attuale direttore Paolo Cervetti, succeduto nel 2015 a Orazio Borioli. Spazio anche ai presidenti: dal primo che fu Astorre Gandolfi (1920-1956) passando per Fortunato Pezzati (al timone dal 1978 al 2016 per ben 38 anni) fino a Stelio De Checchi, l’ultimo presidente ora dimissionario. Quest’ultimo sottolinea la straordinarietà delle società bandistiche, realtà la cui ricchezza «sta nell’unire in un solo gruppo persone di ogni età, genere e capacità, e quando il direttore alza la bacchetta, qualsiasi distinzione fra di esse svanisce».

Il programma

Lo spirito comunitario è già stato riassaporato dagli effezionati della Filarmonica con il consueto concerto di pre-gala tenutosi oggi a Osogna. Ma come detto i festeggiamenti entreranno nel vivo sabato 18 dicembre alle 20 con una serata speciale alla palestra della Spai di Biasca: alla presentazione del libro commemorativo si aggiungerà il concerto della Big Band di Ascona. L’indomani (domenica 19 alle 16.30) spazio al sempre seguitissimo concerto di gala prenatalizio, che andrà in scena sempre alla palestra Spai. A tutti gli eventi sarà obbligatorio presentare il certificato Covid e usare la mascherina. Tanta musica e convivialità, quindi, per degnamente sottolineare l’importante traguardo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
I dipendenti di Bellinzona: ‘Meritiamo un carovita del 4-5%’
La Commissione del personale chiede al Municipio di compensare integralmente i mancati adeguamenti dal 2010 a oggi: sarebbero 5 milioni annui in più
Locarnese
3 ore
Polcom Locarno, nuova inchiesta amministrativa
Dopo il licenziamento di un agente, stavolta è il turno di un suo collega, oggetto di un’indagine per apprezzamenti verbali verso una donna
Ticino
3 ore
Con l’autunno i contagi riprendono vigore anche in Ticino
Coronavirus, in sette giorni quasi duemila nuove infezioni (+78% rispetto alla settimana precedente). Ospedalizzazioni in sensibile aumento
Mendrisiotto
5 ore
‘Salviamo la Biblioteca islamica di Chiasso’
Punto di ritrovo e di scambio culturale, adesso rischia di chiudere. Lanciata una raccolta fondi
Ticino
8 ore
Cantonali ‘23, Gianella (Plr): ’Sarò nella lista per il governo’
La capogruppo liberale radicale ufficializza a laRegione la sua decisione di candidarsi: ‘Avremo una lista forte in cui ogni ticinese potrà riconoscersi’
Bellinzonese
8 ore
Chiuso il negozio di Dalpe: ora manca un servizio ‘essenziale’
La speranza del sindaco Mauro Fransioli è quella di trovare qualcuno che porti avanti l’attività. Il 15 ottobre è previsto un incontro con la popolazione
Luganese
8 ore
Scuola media, la Direttiva e i segnali non recepiti
Indigna la presunta violazione del dovere di informazione nel caso dell’ex direttore di una scuola media arrestato per reati sessuali con minorenni
GALLERY
Mendrisiotto
17 ore
Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo
Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
17 ore
Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna
Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
19 ore
Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta
Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
© Regiopress, All rights reserved