laRegione
tassa-rifiuti-a-bellinzona-lega/udc-chiedono-piu-causalita
Chi più inquina più paga? Si tenta di ragionare sul principio (Ti-Press)
12.12.21 - 12:05
Aggiornamento: 15:43

Tassa rifiuti a Bellinzona: Lega/Udc chiedono più causalità

Mozione sollecita un sistema più equo per la tassa base e sovvenzioni per casi di comprovata necessità

Si sovrappongono più idee, proposte e critiche a Bellinzona sulla discussa tassa rifiuti. Dopo che il Municipio ha deciso di raddoppiare la tassa base per le sole economie domestiche portandola dal prossimo gennaio dagli attuali 80 a 150 franchi indipendentemente dal numero di persone e con l’obiettivo di incassare 1,8 milioni in più portando così il grado di copertura dal 69 al 100%; dopo che da più parti politiche tale agire è stato criticato auspicando un dietrofront; dopo che lo stesso Esecutivo ha parallelamente avviato un approfondimento volto a capire se e come reimpostare nel suo complesso, nel corso del 2022, la tassa base per le persone fisiche e giuridiche; e dopo che la Commissione della Gestione del Consiglio comunale nel proprio rapporto di maggioranza sul Preventivo 22 gli ha chiesto di rinunciare al balzello immediato per le sole economie domestiche sollecitandolo a prevedere una soluzione d’assieme; ora si aggiunge anche la Lega. La stessa, ricordiamo, che negli ultimi decenni si è battuta sul piano cantonale contro la tassa sul sacco, definendola (Nano dixit) il “fetido balzello”. Il quale è infine diventato regola sul piano cantonale dopo che nel 2017 i ticinesi hanno respinto il referendum contrario alla modifica di legge portata avanti dal ministro del Territorio Claudio Zali, modifica osteggiata da una parte della Lega capeggiata da Attilio Bignasca che raccolse le firme.


Manuel Donati della Lega (Ti-Press)

Ora, a Bellinzona, Manuel Donati (Lega) e co-firmatari hanno depositato una mozione a nome del gruppo Lega/Udc. “Pur deplorando la manovra puramente da cassetta fatta per limitare i danni di un Preventivo in profondo rosso – attacca il testo – siamo consapevoli che il Consiglio comunale non può modificare questa decisione del Municipio”, il quale interviene nell’ambito della forchetta per la tassa base che nel Regolamento comunale sui rifiuti prevede un tetto massimo di 150 franchi a economia domestica. L’obiettivo di Lega e Udc è “cercare di implementare meglio il principio di chi inquina paga”, lo stesso che la Lega fino a pochi anni fa contestava facendone un cavallo di battaglia specialmente a Lugano. “Inoltre l’attuale regolamento non è per nulla sociale – prosegue la mozione – perché non prevede sovvenzioni a nessuna fascia della popolazione con comprovata necessità”. Si chiede quindi di modificare l’articolo 15 “cercando un sistema più equo basato sul principio di chi inquina paga” e “aggiungendo una parte di sovvenzione municipale a casi di comprovata necessità”. Da nemici del ‘fetido balzello’ a un rafforzamento del principio di causalità il passo è insomma breve. Principio che l’iniziativa generica di Maddalena Ermotti-Lepori (Ppd), depositata in ottobre e firmata da una quindicina di granconsiglieri di quasi tutto l’arco parlamentare, chiede a sua volta di migliorare sul piano cantonale lasciando libertà ai Comuni di decidere il costo del sacco, abolendo così la fissazione governativa del tetto massimo che oggi si basa sul costo di smaltimento dei rifiuti solidi urbani nel termovalorizzatore di Giubiasco. Incrementare il costo del sacco – rispetto al franco e 20 centesimi per quello da 35 litri posto come tetto massimo dal governo per l’anno prossimo – potrebbe a mente degli iniziativisti incrementare il principio di “chi più inquina più paga” lo smaltimento, mantenendo bassa la tassa base che copre le spese fisse del servizio di raccolta, spese meno legate ai quantitativi di rifiuti.

Leggi anche:

Conti in rosso a Bellinzona: raddoppia la tassa rifiuti

Tassa base rifiuti: molti distinguono, Bellinzona è al palo

Tassa rifiuti a Bellinzona, la Gestione boccia il raddoppio

Siano i Comuni a stabilire l’importo della tassa sul sacco

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona comprovata necessità lega manuel donati tassa base
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
59 min
Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato
Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Bellinzonese
4 ore
Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio
Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato
Locarnese
4 ore
Uno spazio pubblico multifunzionale per Solduno
Area per manifestazioni e un autosilo. In pubblicazione il Piano particolareggiato; seguirà il concorso architettonico
Bellinzonese
4 ore
Il Municipio di Giornico dice sì all’aggregazione con Bodio
A maggioranza l’esecutivo ha deciso di portare avanti una fusione ridotta rispetto al progetto Sassi Grossi abbandonato. Si attende la conferma di Bodio
Luganese
4 ore
Mai più sola, nuova associazione contro la violenza sulle donne
La presidente Deborah Magagna ci racconta il progetto di sostegno per le vittime. In programma un numero d’emergenza e sportelli nei Comuni
Locarnese
7 ore
Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini
Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
11 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
11 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica che introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’
Ticino
11 ore
Ex Funzionario Dss, la Gestione ha scelto chi svolgerà l’audit
Il mandato è stato assegnato allo studio legale ginevrino Troillet Meier Raetzo, che si è occupato anche delle presunte molestie alla Ssr/Rts
Locarnese
19 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
© Regiopress, All rights reserved