laRegione
stalvedro-l-ex-direttore-dovra-andare-in-carcere-sei-mesi
03.12.21 - 15:51
Aggiornamento: 17:04

Stalvedro, l’ex direttore dovrà andare in carcere sei mesi

Colpevole di aver sottratto un milione di franchi dalla cassaforte dell’area di servizio, è stato condannato a due anni e mezzo, in gran parte sospesi

Due anni e sei mesi di carcere, di cui sei mesi da espiare e il periodo rimanente sospeso con la condizionale per due anni. Questa la pena inflitta dalla Corte delle assise criminali presieduta dal giudice Amos Pagnamenta nei confronti dell’ex direttore della vecchia area di servizio di Stalvedro, colpevole di aver sottratto dalla cassaforte di bar e ristorante denaro per poco più di un milione di franchi nell’arco di 10 anni (almeno 350 gli episodi accertati). La Corte ha giudicato grave la colpa dell’imputato: oltre all’importante cifra sottratta, ha agito reiteratamente, con spregiudicatezza e per puro scopo di lucro. L’imputato – ha continuato il giudice Pagnamenta prima di pronunciare il verdetto – disponeva di sufficienti risorse economiche e intellettuali per evitare di delinquere. E il fatto che sia stato raggirato dalla donna rumena (conosciuta in un locale notturno e alla quale l’imputato, invaghito, ha versato negli anni circa 750mila franchi nonostante dubitasse della sua fedeltà) non giustifica il suo agire. «Si è fermato solo quando si sono attivati gli inquirenti».
Nella commisurazione della pena è stato tenuto conto della collaborazione del 72enne in sede d’inchiesta, della restituzione di circa metà dell’importo sottratto alla Gestione Stalvedro Sa (Pagnamenta ha parlato di sincero pentimento) e dell’età avanzata dell’uomo. Il verdetto odierno obbliga l’imputato a risarcire alla Sa i restanti 491mila franchi.

Questa mattina il procuratore pubblico Claudio Luraschi aveva chiesto una pena detentiva di 2 anni e 9 mesi, senza opporsi a un periodo di prova con la condizionale, mentre l’avvocato difensore Davide Ceroni si era battuto per una pena detentiva non superiore ai due anni e interamente sospesa.

Leggi anche:

Buco milionario: chiesti 2 anni e 9 mesi per l’ex direttore

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
area di servizio condannato ex direttore processo stalvedro
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
27 min
Sparatoria ad Agno, confermato l’arresto del padre del 22enne
Il 49enne di Rovio è accusato di tentato assassinio subordinatamente omicidio nonché infrazione alla Legge federale sulle armi
Luganese
41 min
Lugano: figli maltrattati, condannati i genitori
Tredici mesi, interamente sospesi per lei e parzialmente da espiare per lui e divieto di contattare i bimbi per due anni. Madre espulsa dalla Svizzera.
Luganese
3 ore
L’eredità del padre sparita: ‘Lui col fucile voleva spaventarlo’
Tentato assassinio di Agno: il 22enne giovedì avrebbe sottratto la somma alla nonna ed è scomparso. La disperata ricerca da parte del padre e gli spari
Ticino
5 ore
L’impresa sostenibile, tra marketing e realtà
A colloquio con l’economista Marialuisa Parodi sulla cosiddetta ‘finanza Esg’, basata cioè su rating di adeguatezza ambientale e sociale
Luganese
8 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
10 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
13 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
22 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
1 gior
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
1 gior
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
© Regiopress, All rights reserved