laRegione
23.11.21 - 21:41
Aggiornamento: 21:57

Ridotta la pena all’autore dei botti, uscirà presto dal carcere

Come chiesto dalla difesa, la Carp ha abbandonato i capi d’imputazione riferiti alle esplosioni riconoscendo una violazione del principio ‘ne bis in idem’

ridotta-la-pena-all-autore-dei-botti-uscira-presto-dal-carcere
(Ti-Press)

Non tre anni e mezzo di carcere come sancito in primo grado bensì due, sospesi, per consentirgli di far fronte alla sua turba psichica in una struttura specializzata. La Corte di appello e di revisione penale (Carp) di Locarno ha ridotto la pena nei confronti del 22enne di Bellinzona responsabile, singolarmente e in correità con terze persone, dei botti notturni tra il gennaio del 2019 e il marzo del 2020, compresa l’esplosione alle Scuole Sud di Bellinzona del febbraio 2020 quando non era tuttavia stato lui l’autore materiale della deflagrazione ma l’amico al quale aveva affidato il potente ordigno artigianale da lui assemblato. Dietro le sbarre dal marzo 2020, alla luce della sentenza odierna della Carp il 22enne dovrebbe essere presto trasferito in un apposito centro per seguire la cosiddetta misura per giovani adulti.

Sul conto del 22enne la Carp ha confermato il reato di delitto contro la Legge federale sugli esplosivi (per avere importato e confezionato illegalmente almeno 26 petardi che poi smontava per estrarre la polvere pirica e confezionare ordigni più grandi) unitamente a quello di ripetuto danneggiamento e quello di fabbricazione, occultamento e trasporto di materie esplosive. Sono invece caduti i capi d’imputazione riferiti alle deflegrazioni, nello specifico il reato di uso delittuoso di materie esplosive. C’è infatti stato l’abbandono, e di conseguenza il proscioglimento, per tutti i sei episodi. In questo senso la Corte presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will ha accolto la richiesta dell’avvocato difensore Niccolò Giovanettina il quale in apertura del processo bis aveva sollevato una questione pregiudiziale. Il legale aveva portato all’attenzione della Carp quella da lui ritenuta una violazione del cosiddetto principio ‘ne bis in idem’ da parte della Corte delle assise. Nell’atto d’accusa la procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis (battutasi per una conferma della sentenza pronunciata in primo grado) chiedeva la condanna per uso delittuoso di materie esplosive. Subordinatamente, chiedeva l’uso colposo. In prima istanza la Corte delle assise aveva optato per l’uso delittuoso, prosciogliendo il giovane dell’uso colposo. Così facendo, spiega da noi contattato un evidentemente soddisfatto Niccolò Giovanettina, è stato violato il principio svizzero che non permette di condannare e assolvere (e quindi giudicare una persona due volte) per lo stesso fatto. Una violazione formale ravvisata dalla Carp, che non è dunque nemmeno entrata nel merito dell’analisi dei fatti e ha di conseguenza prosciolto il giovane dai reati riferiti alle esplosioni. Ricordiamo che il giovane ha ammesso di essere l’autore materiale dei botti notturni in zona Golena a Giubiasco, sostenendo però che non era d’accordo con il complice (condannato a 16 mesi sospesi) sul fatto di far esplodere il sesto ordigno alle Scuole Sud.

A differenza del processo in prima istanza, il 22enne è stato prosciolto anche dal reato di discriminazione e incitamento all’odio per avere indossato un costume dell’esercito militare tedesco con svastiche al Carnevale di Bellinzona: per la Carp la volontà non era quello di propagare un’ideologia nazista.

Leggi anche:

Esplosione nella notte alle Scuole Sud di Bellinzona

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 min
Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza
Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
5 min
Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore
L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
5 min
A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese
Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Mendrisiotto
3 ore
La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono
A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Gallery
Locarnese
3 ore
In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità
Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Bellinzonese
3 ore
Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra
L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
9 ore
Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni
Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
12 ore
In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea
Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Ticino
13 ore
La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano
È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
14 ore
Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia
La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
© Regiopress, All rights reserved