laRegione
ridotta-la-pena-all-autore-dei-botti-uscira-presto-dal-carcere
(Ti-Press)
23.11.21 - 21:41
Aggiornamento: 21:57

Ridotta la pena all’autore dei botti, uscirà presto dal carcere

Come chiesto dalla difesa, la Carp ha abbandonato i capi d’imputazione riferiti alle esplosioni riconoscendo una violazione del principio ‘ne bis in idem’

Non tre anni e mezzo di carcere come sancito in primo grado bensì due, sospesi, per consentirgli di far fronte alla sua turba psichica in una struttura specializzata. La Corte di appello e di revisione penale (Carp) di Locarno ha ridotto la pena nei confronti del 22enne di Bellinzona responsabile, singolarmente e in correità con terze persone, dei botti notturni tra il gennaio del 2019 e il marzo del 2020, compresa l’esplosione alle Scuole Sud di Bellinzona del febbraio 2020 quando non era tuttavia stato lui l’autore materiale della deflagrazione ma l’amico al quale aveva affidato il potente ordigno artigianale da lui assemblato. Dietro le sbarre dal marzo 2020, alla luce della sentenza odierna della Carp il 22enne dovrebbe essere presto trasferito in un apposito centro per seguire la cosiddetta misura per giovani adulti.

Sul conto del 22enne la Carp ha confermato il reato di delitto contro la Legge federale sugli esplosivi (per avere importato e confezionato illegalmente almeno 26 petardi che poi smontava per estrarre la polvere pirica e confezionare ordigni più grandi) unitamente a quello di ripetuto danneggiamento e quello di fabbricazione, occultamento e trasporto di materie esplosive. Sono invece caduti i capi d’imputazione riferiti alle deflegrazioni, nello specifico il reato di uso delittuoso di materie esplosive. C’è infatti stato l’abbandono, e di conseguenza il proscioglimento, per tutti i sei episodi. In questo senso la Corte presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will ha accolto la richiesta dell’avvocato difensore Niccolò Giovanettina il quale in apertura del processo bis aveva sollevato una questione pregiudiziale. Il legale aveva portato all’attenzione della Carp quella da lui ritenuta una violazione del cosiddetto principio ‘ne bis in idem’ da parte della Corte delle assise. Nell’atto d’accusa la procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis (battutasi per una conferma della sentenza pronunciata in primo grado) chiedeva la condanna per uso delittuoso di materie esplosive. Subordinatamente, chiedeva l’uso colposo. In prima istanza la Corte delle assise aveva optato per l’uso delittuoso, prosciogliendo il giovane dell’uso colposo. Così facendo, spiega da noi contattato un evidentemente soddisfatto Niccolò Giovanettina, è stato violato il principio svizzero che non permette di condannare e assolvere (e quindi giudicare una persona due volte) per lo stesso fatto. Una violazione formale ravvisata dalla Carp, che non è dunque nemmeno entrata nel merito dell’analisi dei fatti e ha di conseguenza prosciolto il giovane dai reati riferiti alle esplosioni. Ricordiamo che il giovane ha ammesso di essere l’autore materiale dei botti notturni in zona Golena a Giubiasco, sostenendo però che non era d’accordo con il complice (condannato a 16 mesi sospesi) sul fatto di far esplodere il sesto ordigno alle Scuole Sud.

A differenza del processo in prima istanza, il 22enne è stato prosciolto anche dal reato di discriminazione e incitamento all’odio per avere indossato un costume dell’esercito militare tedesco con svastiche al Carnevale di Bellinzona: per la Carp la volontà non era quello di propagare un’ideologia nazista.

Leggi anche:

Esplosione nella notte alle Scuole Sud di Bellinzona

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
22enne bellinzona botti pena ridotta processo in appello
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 min
Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale
In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
18 min
Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere
Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
37 min
‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’
Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Ticino
1 ora
Insieme a luglio arrivano i radar
La polizia comunica in quali località verranno effettuati settimana prossima i controlli della velocità mobili e semi-stazionari.
Luganese
1 ora
Plan B Lugano, il governo: ‘Rischio ridotto di riciclaggio’
Rispondendo a un’interrogazione, il Consiglio di Stato smorza le preoccupazioni in virtù della natura locale delle transazioni in criptovalute
Mendrisiotto
1 ora
Occhi puntati su Simonetta Sommaruga. ‘Ne sono cosciente’
Dalle corsie A2 ad AlpTransit, la direttrice del Datec sa che le resistenze dei momò sono forti e le aspettative elevate
Bellinzonese
1 ora
Si cerca Giuseppe Brioschi, è scomparso martedì da Bellinzona
La polizia prega chiunque dovesse vederlo di chiamare il Comando allo 0848 25 55 55.
Ticino
2 ore
Carceri, agenti di custodia cercansi: aperto il concorso
Il direttore Laffranchini parla a laRegione del numero di assunzioni che potrebbero esserci. Il 20 luglio serata informativa a Rivera
Ticino
2 ore
La campagna ‘Montagne sicure’ allarga il raggio d’azione
Quest’anno particolare attenzione a segnaletica dei sentieri, e-bike, cani da protezione delle greggi e vacche nutrici. Gobbi: ‘Collaborazione importante’
Bellinzonese
3 ore
Centro sci nordico, fallita la società incaricata della gestione
La Sagl responsabile di ristorante e albergo ha depositato i bilanci. A pesare sarebbero i costi di gestione. Questa sera l’assemblea della Sa.
© Regiopress, All rights reserved