laRegione
23.11.21 - 16:02
Aggiornamento: 16:42

Esercenti e negozianti: ‘Bene l’autosilo sotto Piazza Governo’

Bellinzona, i rispettivi presidenti di categoria giudicano positivamente l’idea proposta dall’architetto Filippo Broggini

esercenti-e-negozianti-bene-l-autosilo-sotto-piazza-governo
Piazza Governo e i 13 posteggi destinati a sparire con la Zona d’incontro (laRegione)

«Bene» e ancora «bene». I rispettivi presidenti della Società commercianti di Bellinzona e di Gastro Bellinzona e Alto Ticino si esprimono positivamente sul progetto abbozzato dall’architetto Filippo Broggini, pubblicato oggi sulla ‘Regione’, che propone alla Città, con un’eventuale partecipazione privata, di realizzare sotto Piazza Governo un piccolo autosilo di due o più piani interrati dotato di una capacità minima di 64 posti auto. Un’idea che va a contrastare il progetto di Zona d’incontro: voluto dal Municipio in collaborazione col Cantone e votato a fine ottobre dal Consiglio comunale, prevede più spazio per i pedoni, un nuovo limite massimo di 20 km/h e l’eliminazione dei 13 posteggi situati vicino al Teatro Sociale.

‘Coinvolgere, non imporre’

«La sensibilità va coltivata e il cambiamento di mentalità nel campo della mobilità individuale va costruito coinvolgendo, non imponendo soluzioni unilaterali, specie nel nostro contesto di piccola città», attacca la presidente dei commercianti Claudia Pagliari. Anche per questo motivo, prosegue, «ritengo opportuno ragionare sull’ipotesi di nuovo autosilo sotterraneo in Piazza Governo. Certo, al momento è solo un’idea, una proposta, qualcosa che andrebbe però a ogni modo approfondito interpellando tutte le parti in causa, noi compresi. Siamo pronti a ulteriormente rimarcare le difficoltà con le quali il settore commerciale del centro storico è confrontato da lungo tempo».

‘Auto spesso irrinunciabile’

A titolo personale («ma molti colleghi la pensano come me») promuove dunque l’idea abbozzata da Broggini: «Ben volentieri uso il trasporto pubblico per recarmi dal domicilio al negozio in centro. Arrivo in bus più rilassata. Sostengo le soluzioni ‘verdi’, laddove però non si scontrino con aspetti pratici. Quando infatti ho a che fare con tante borse e scatoloni, giocoforza l’auto diventa irrinunciabile. Perciò, se trasferiamo questo ragionamento sulla potenziale clientela, o su chi vuole semplicemente farsi un giro fra le vetrine del centro per vedere se c’è qualcosa d’interessante da comprare, molto facilmente troviamo persone che preferiscono usare l’automobile. Ripeto: va bene l’onda verde. Ma sebbene il bus, la bicicletta e lo spostamento a piedi siano in molti casi le soluzioni ideali, in molti altri l’auto è irrinunciabile. E la sua sosta richiede soluzioni confacenti e pratiche, non a priori limitative».

‘Durante il cantiere al Cervia dove si posteggerà?’

Ecco perché, prosegue Claudia Pagliari, la Zona d’incontro votata dal Cc «non rappresenta per il nostro settore una soluzione ottimale. Anzi, qui si rischia un grossissimo danno. Se si mira a favorire i pedoni e la mobilità dolce, non lo si faccia eliminando i 13 stalli situati vicino al Teatro Sociale. L’alternativa per chi vuole fermarsi a pranzo o bere un caffè, è andare altrove, magari in un centro commerciale». La presidente rileva inoltre il pericolo insito nella prevista ristrutturazione, con ampliamento, dell’autosilo comunale Cervia dietro Piazza Indipendenza: «Talvolta è già oggi pienissimo. Non so con quali tempistiche l’intervento è finalmente previsto, ma di sicuro il cantiere durerebbe a lungo riducendo sensibilmente, anche qualora lo si faccia a tappe o per piani, la disponibilità di posti auto a ridosso del centro. La vedo male se non vi sarà un’alternativa valida nelle vicinanze, quale potrebbe essere appunto un piccolo autosilo sotto Piazza Governo costruito prima di quel risanamento». Da qui l’invito all’autorità cittadina affinché «calcoli bene i tempi, pena il rischio di ritrovarci una città vuota. E che una volta svuotata, sarà poi difficile tornare a riempire».

‘Alla fine ne beneficiano i centri commerciali’

Sul fronte esercentesco il presidente Luca Merlo ribadisce che «è inopportuno eliminare posteggi». Nel quartiere Nocca, dove gestisce la propria locanda, «vivo questa situazione in prima persona: pur essendo a soli tre minuti a piedi dall’autosilo Cervia, che dista appena 250 metri, tanti faticano ad arrivare fino a qui se non trovano il posteggio nelle immediate vicinanze. Perciò non è affatto una buona soluzione quella di eliminare tredici stalli accanto alla fontana della foca. Alcuni esercenti attivi in centro città mi hanno comunicato la loro ferma contrarietà». Non è la prima volta che si ritrova a ripetere il concetto: «Di sicuro – sottolinea Luca Merlo – è sbagliato togliere posteggi. E ne mancano. Abbiamo ribadito la nostra opinione anche al gruppo di lavoro istituito dalla Città» e chiamato a radiografare lo stato di salute dei ristoratori e negozianti turriti. «La tendenza è generale e non tocca soltanto Bellinzona. La conseguenza è sotto gli occhi di tutti: a beneficiarne sono alla fine i centri commerciali che offrono posteggi in gran quantità e gratuitamente. Mente il centro città andrà sempre peggio».

Leggi anche:

‘Un autosilo sotto Piazza Governo per aiutare bar e negozi’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
1 ora
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
2 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
2 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
2 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
2 ore
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
6 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
8 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
8 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
9 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
© Regiopress, All rights reserved