laRegione
corrieri-di-smood-unia-chiede-condizioni-di-lavoro-migliori
Ti-Press/Golay
Il volantinaggio di Unia davanti alla Migros di Sant’Antonino
18.11.21 - 16:55

Corrieri di Smood: Unia chiede condizioni di lavoro migliori

Azione di sensibilizzazione del sindacato a Sant’Antonino. Migros Ticino collabora con l’azienda, ma auspica un contratto collettivo in tempi brevi

Il malcontento dei ‘driver’ di Smood sta crescendo in tutta la Svizzera a causa di condizioni di lavoro ritenute inadeguate. Oggi, 18 novembre, il sindacato Unia ha quindi organizzato un’azione di volantinaggio per evidenziare queste problematiche in tutta la Confederazione. In Ticino l’azione di sensibilizzazione è avvenuta a Sant’Antonino, all’esterno della Migros, che collabora con Smood. L’obiettivo di Unia è, da un lato, sensibilizzare la popolazione su questa tematica e dall’altro cercare di indurre Migros a fare pressione sull’azienda di ‘delivery’, affinché si risolva questa situazione. Da parte sua Luca Corti, responsabile del servizio comunicazione di Migros Ticino, da noi raggiunto, sottolinea che “l’azienda per il tramite dei colleghi della Cooperativa Migros Ginevra [che è azionista di minoranza di Smood, ndr] ha verificato le condizioni di lavoro che Smood offre ai suoi collaboratori. Ci risulta siano corrette, tuttavia abbiamo chiesto che queste vengano formalizzate nel quadro di un contratto collettivo. Verificheremo che ciò avvenga in tempi stretti: in qualità di azienda responsabile, Migros Ticino lavora solo con imprese che operano rispettando determinati standard sociali e ambientali”.

‘Malcontento diffuso anche in Ticino’

Smood è un’azienda che consegna a domicilio pasti provenienti da ristoranti della regione o la spesa. Per farlo impiega dei corrieri, i cosiddetti ‘driver’. Questi ultimi sottostanno tuttavia a condizioni di lavoro di certo non ottimali, tanto da indurli a scioperare: in Romandia le proteste sono iniziate a Yverdon lo scorso 2 novembre. Proteste che nelle ultime due settimane hanno coinvolto altre località della Svizzera francese. «In Ticino i corrieri di Smood (circa 45) condividono le stesse preoccupazioni che ci sono nel resto della Svizzera», afferma a ‘laRegione’ Chiara Landi di Unia. A far crescere questo «malcontento diffuso» sono in particolare «ore di lavoro non pagate, rimborsi spese insufficienti, cambi turno costanti, una ripartizione delle mance non trasparente e un sistema di penalità da noi ritenuto abusivo che viene utilizzato per mettere pressione ai ‘driver’», spiega la sindacalista. ‘Driver’ che «utilizzano i loro veicoli privati per effettuare le consegne». Il problema è che percepiscono «rimborsi minimi che non sono sufficienti a coprire i costi, come quelli dell’assicurazione o del carburante». Inoltre, «la pianificazione del lavoro viene definita ‘disumana’ dagli stessi collaboratori, visto che viene modificata all’ultimo minuto a seconda delle esigenze dell’azienda». E ancora: «Con le evidenze in nostro possesso possiamo dire che i corrieri non ricevono tutte le mance lasciate loro dai clienti». Non da ultimo vengono applicate «penalità salariali in caso di ritardo nella consegna, anche se ciò non dipende dal corriere (come il traffico)». In Ticino non si parla ancora di sciopero, ma «non possiamo escludere che ci possa essere qualche reazione, visto che le problematiche sono condivise».

A ciò si aggiunge poi il fatto che Smood sembra non voler discutere con Unia: «Da subito – prosegue Landi – abbiamo sollecitato Smood affinché si sedesse al tavolo con noi per discutere di queste problematiche. Tuttavia, l’azienda si è rifiutata anche solo di risponderci. Per questa ragione abbiamo deciso di organizzare questa azione di sensibilizzazione in tutta la Svizzera». La sindacalista ricorda che nella Confederazione vige la libertà sindacale e che quindi non si possono ignorare le rivendicazioni dei lavoratori che hanno scelto di farsi rappresentare da Unia. Il sindacato ha inoltre lanciato una petizione: firmandola si appoggiano le richieste del personale di Smood (ovvero che il salario, i rimborsi e gli orari di lavoro siano stabiliti in modo corretto) e si chiede all’azienda di sedersi al tavolo delle trattative con Unia.

‘Negoziati costruttivi e prossimi alla conclusione’ con syndicom

Va detto che vi è un altro sindacato coinvolto in questa storia: syndicom sta infatti negoziando dallo scorso gennaio con Smood per concludere un contratto collettivo di lavoro. Un “dialogo costruttivo” che Migros Ticino “saluta con gioia”. “Questa discussione – rileva Luca Corti – è stata fortemente incoraggiata da Migros e i negoziati si sono rivelati molto costruttivi e sono prossimi alla conclusione, il che è un’ottima notizia per tutti”. Inoltre, “queste conversazioni dimostrano che Migros ha saputo assumersi il proprio ruolo e le proprie responsabilità con la serietà richiesta in un contesto, quello dell’home delivery, che è molto competitivo anche alle nostre latitudini”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
condizioni di lavoro corrieri driver migros sant antonino smood unia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
49 min
Torneo Grandinani quest’anno declinato anche al femminile
Football: nel weekend del 13 e 14 agosto i campi di Roveredo e Lostallo accolgono la 16esima edizione dell’evento nazionale U14
Grigioni
59 min
A13 chiusa tra San Vittore e Roveredo per un incidente
Le entrate di Grono e San Vittore sono chiuse e il traffico è deviato sulla strada cantonale
Ticino
1 ora
Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’
Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera
Bellinzonese
2 ore
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dall’aggregazione e i 600 dalla battaglia
Luganese
2 ore
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
2 ore
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscita di strada finendo in un fossato
Bellinzonese
2 ore
Disco frenante spezzato, camion fermato a Giornico
Dal 1° luglio inflitte oltre 30 contravvenzioni. Le principali infrazioni: freni difettosi, eccesso di ore di guida e manipolazione del cronotachigrafo
Ticino
3 ore
Sulle truffe per lavoro ridotto il Ticino ha fatto i compiti
È quanto emerge dai dati della Seco. Il nostro Cantone persegue anche violazioni più contenute, a differenza di altri Cantoni
Bellinzonese
4 ore
Claro, un’auto esce di strada e finisce in un fossato
Incidente della circolazione intorno alle 10.15 sulla strada cantonale
Locarnese
9 ore
‘Basta posteggi al Pozzo di Tegna!’
Preoccupata l’Associazione Golene di Terre di Pedemonte, che teme che l’incremento degli stalli porti ancora più gente e traffico in una zona sensibile
© Regiopress, All rights reserved