laRegione
13.11.21 - 16:23
Aggiornamento: 15.11.21 - 19:57

In piazza per dire ‘no’ alla legge Covid

Diverse centinaia di persone hanno sfilato oggi a Bellinzona nel corso dell’evento organizzato dalla sezione ticinese degli Amici della Costituzione

in-piazza-per-dire-no-alla-legge-covid
Ti Press
+1

Sono almeno 500 le persone che oggi pomeriggio si sono date appuntamento a Bellinzona per esprimere il proprio dissenso verso la Legge Covid in votazione il prossimo 28 novembre. La folla si è riunita a partire dalle 14 davanti all’ufficio postale di Viale Stazione e da lì è partito il rumoroso corteo, che è terminato in Piazza Governo. Presenti stendardi con slogan quali “Divisione” e “Restituite la Costituzione”. In piazza è stato quindi il momento degli interventi, nell’ambito della conferenza “Homo Pandemicus Quo Vadis? Filosofia in Piazza, Atto III”, con diversi relatori e relatrici che si sono alternati sul palco.

Sotto il mirino di molti manifestanti l‘operato del Consiglio Federale. «Vengono utilizzati dei mezzi coercitivi per spingere le persone a fare una scelta e questo lede la libertà della gente» ha detto a laRegione uno dei presenti. «Sono contro ogni tipo di discriminazione, quindi anche contro quelle attuate contro chi non si vuole vaccinare. Già adesso le misure adottate sono inaccettabili: bisogna alzarsi e dire ’no’, soprattutto in vista della votazione del 28 novembre», ha specificato un altro manifestante.

Attimi di tensione

Non sono mancati momenti di paura durante il pomeriggio. Mentre il corteo stava transitando per Piazza Indipendenza «una decina di persone incappucciate e vestite di nero ha iniziato a insultare verbalmente i passanti e a lanciare bicchieri di birra e sedie di plastica» ha raccontato uno dei manifestanti. Un’altra signora afferma invece che «mi hanno strappato di mano il telefono mentre li stavo filmando. L’ho riavuto grazie all’intervento di un altro membro del corteo».

Da noi contattata, la Polizia Comunale ha confermato il tafferuglio, specificando che nessuno è rimasto ferito.

Spay urticante?

Secondo la testimonianza di un’altra persona presente oggi a Bellinzona, durante i tafferugli un esponente di Mass Voll avrebbe utilizzato dello spray al pepe contro i ragazzi mascherati vestiti di nero, colpendo anche un agente. Alla Polizia Comunale, nuovamente interpellata, non risulta però che qualcuno abbia fatto uso del suddetto spray.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
6 min
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori.
Ticino
2 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
3 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
10 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
12 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
13 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
13 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
14 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
14 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Luganese
18 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
© Regiopress, All rights reserved