laRegione
12.11.21 - 12:09
Aggiornamento: 18:01

Centro di pronto intervento, il Ppd spinge su via Tatti

Città: mozione chiede di riverificare la possibilità di realizzare la struttura mista in zona Sarecc, i cui terreni non sono però edificabili

centro-di-pronto-intervento-il-ppd-spinge-su-via-tatti
Ti-Press
C’è attesa all’ombra dei castelli

Dopo i ripetuti e vani tentativi fatti dal presidente della Croce Verde di Bellinzona Vincenzo Lacalamita nel cercare di convincere il Municipio a prevedere nel comparto di via Tatti – sui terreni non edificabili in zona Sarecc di proprietà del Patriziato di Carasso – la nuova Centrale di pronto intervento comunale che riunirebbe sotto lo stesso tetto anche Pompieri, Protezione civile e Azienda multiservizi, un’identica proposta viene formalizzata oggi dal Ppd. Con una mozione depositata dal capogruppo in Consiglio comunale Paolo Locatelli. Questo mentre è sempre in pole-position, come già scritto più volte dalla ‘Regione’, l’ultima volta lo scorso 22 marzo, il terreno del Seghezzone a Giubiasco di proprietà del Consorzio correzione fiume Ticino. Mappale dove un tempo il Cantone intendeva realizzare la Centrale di allarme della Polizia cantonale (poi invece finita alle Semine) e dove sostano solitamente le carovane di nomadi svizzeri jenish.

Seghezzone tutt’oggi in pole-position

Il vasto terreno è in pole-position fra le varie ipotesi valutate essendo già pianificato per accogliere strutture d’interesse pubblico; ma a rallentare l’iter è il ricorso del Municipio medesimo. Ricorso fermo da parecchio tempo al Tribunale amministrativo cantonale cui si chiede (dopo il no governativo) di completare la pianificazione, come fece inizialmente l’allora Esecutivo giubiaschese prima dell’aggregazione, con una parte artigianale; soluzione pensata per sgravare una vicina zona residenziale mista. Tempi decisionali lunghi. Idem quelli di elaborazione di un progetto di massima avviato la scorsa legislatura per la struttura mista di pronto intervento di cui si sono perse le tracce. E aggiungiamoci pure che la Sezione cantonale della logistica ha a sua volta posato gli occhi sul Seghezzone per un’ipotesi di nuova Scuola media. Senza contare, poi, che su un vicino mappale appartenente all’Ufficio federale delle strade lungo l’A2, pure adocchiato dalla Città, intende invece esercitare il diritto di prelazione il Dipartimento del territorio per realizzarvi un’area nomadi.

La Croce Verde ha fame di spazio

Tutto ciò ha spazientito la Croce Verde la cui sede in città situata all’incrocio fra via Zorzi e via Rodari risulta ormai troppo piccola. Da qui la mozione Ppd che chiede di “valutare, studiare e verificare l’opportunità di realizzare un Centro multiservizi di pronto intervento in zona via Tatti vicino al nuovo semisvincolo; e successivamente sottoporre al Consiglio comunale un messaggio municipale per la domanda di un credito di progettazione del nuovo centro di pronto intervento entro la fine della corrente legislatura (2024)”.

Il Tribunale ha sancito che è agricolo

Il terreno in questione in zona Sarecc, come detto, appartiene al Patriziato di Carasso e non è edificabile. Una decina d’anni fa il Patriziato lo aveva messo a disposizione per realizzarvi il nuovo stadio del Bellinzona Calcio, ma non se ne fece nulla. Il Ppd, d’altronde, ne è cosciente: “Il contesto pianificatorio-territoriale dei terreni adiacenti a Via Tatti è delicato – scrive Locatelli – ritenuto che non può essere destinato a funzioni diverse dalle esistenti. Stiamo però pur sempre parlando del comparto di quella che sarà la nuova ‘porta d’accesso principale’ viaria di Bellinzona: in questa logica, i terreni potrebbero essere presi in considerazione per ospitare strutture con funzioni di chiaro interesse pubblico”. Il Ppd aggiunge che “le necessità di spazio in termini di superficie, per esempio per la sola struttura logistica della Croce Verde, sono comunque esigue e non dovrebbero essere messe in discussione dalle anacronistiche destinazioni attuali dei sedimi, pur riconoscendo alla funzione agricola delle connotazioni formali solide ma allo stesso tempo non immuni dall’essere riponderate con buon senso”. Tuttavia il fondo, ricordiamo, è stato già oggetto in passato di proposte pianificatorie per renderlo edificabile e tutte sono state cassate a più livelli, soprattutto per motivi di ordine paesaggistico, agricolo e di contenibilità del Piano regolatore. L’ultima volta ancora nel 2006 con la chiara indicazione del Tribunale della pianificazione di concretizzarne la pianificazione quale terreno fuori dalla zona edificabile. A ogni modo, la mozione è destinata a sollecitare un dibattito. Infatti attorno a via Tatti lo sguardo potrebbe posarsi anche su altri terreni, come per esempio il posteggio Tatti di cui il Cantone, insieme alla Città, sta valutando l’interramento lasciando in superficie una eventuale possibilità edificatoria.

Leggi anche:

Centrale di pronto intervento, Seghezzone in pole position

Si valuta una nuova Scuola media anche a sud di Bellinzona

Comparto Tatti a Bellinzona, botta e risposta sulla qualità

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
13 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
13 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
15 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
16 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
16 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
16 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved