laRegione
22.11.21 - 05:30

Sarà pronto in primavera il ponte tibetano in Valle di Blenio

Iniziata la posa della struttura che, oltre a migliorarne la sicurezza, ha l’obiettivo di valorizzare il sentiero di 6 chilometri in zona Olivone

sara-pronto-in-primavera-il-ponte-tibetano-in-valle-di-blenio

Sono iniziati nelle scorse settimane, in alta Valle di Blenio, i lavori per la costruzione del ponte tibetano sopra il riale Riascio, tra il territorio di Olivone e quello di Aquila. Sarà lungo circa 60 metri e si inserirà nel sentiero ad anello di circa 6 chilometri (vedi infografica) che passando da Sallo collega Olivone a Pinaderio e Ponto Aquilesco. «La ditta incarica sta procedendo col getto del calcestruzzo delle fondamenta per poi ancorare la struttura», spiega alla ‘Regione’ Mauro Domenichetti, segretario del Gruppo restauri Blenio (Grb) promotore del progetto in collaborazione con il Patriziato di Acquila-Torre-Lottigna. «Se il meteo sarà clemente, potremo concludere la posa del ponte entro la fine di novembre. L’inaugurazione ufficiale è prevista per fine aprile dopo la sistemazione finale (pulizia, semina delle scarpate e ripristino del sentiero attualmente chiuso a causa dei lavori)». Domenichetti esprime soddisfazione per un traguardo a cui si è giunti dopo il grande impegno nella fase della raccolta fondi (il cantiere è potuto partire quando all’appello mancano 15mila franchi). L’investimento complessivo ammonta a 320mila franchi: oltre alle numerose donazioni di privati, hanno contribuito finanziariamente i Comuni di Blenio, Serravalle e Acquarossa, unitamente all’Otr-Bat, il Cantone, i Patriziati e altri enti. Il ponte sarà utilizzato dai tanti escursionisti soliti a percorrere questi sentieri, permettendo loro di attraversare il riale Riascio, dove negli scorsi anni si sono verificati numerosi scoscendimenti a causa delle precipitazioni, in maniera sicura e divertente.

Manutenzione lungo tutto il percorso

Nell’ambito del progetto il Grb ha apportato migliorie ai tratti del percorso più vicini al previsto ponte e in vista dell’inaugurazione sta collaborando con il Comune e con il gruppo cantonale per Ticino Sentieri per la manutenzione dell’intero tracciato disseminato di oratori e cappelle, tra cui anche alcune restaurate dal gruppo. Sentiero che si congiunge con altri itinerari, come quello che parte da Olivone e prosegue verso la Greina, la val Camadra, la val di Campo Blenio e la zona del Luzzone, ma anche il percorso che da Dangio sale poi verso le capanne dell’Adula e la cima di 3’402 metri di altitudine.

Dal 1976 interventi per un milione e mezzo di franchi

Fondato nel 1976, il Gruppo restauri Blenio ha in seguito tenuto fede al proprio scopo di restaurare e consolidare antichi cimeli storici. Negli anni ha sistemato una quindicina di opere in valle eseguendo lavori per circa un milione e mezzo di franchi, come il restauro del vecchio ponte romanico ad Aquila e quello ancora in corso della vecchia fornace a nord di Aquila. Lavori resi possibili con il contributo di Pro Patria e di vari benefattori. Oltre a Domenichetti, fanno parte del comitato del gruppo il presidente Daniele Lazzeri (da poco subentrato a Stefano Buzzi) e Mario Gamboni. Tra i ranghi del Grb c’è il desiderio di trovare nuove leve e viene dunque lanciato un appello a eventuali interessati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
1 ora
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
1 ora
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Ticino
10 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
10 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
10 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
11 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
11 ore
‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
12 ore
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
12 ore
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
© Regiopress, All rights reserved