laRegione
09.11.21 - 16:04
Aggiornamento: 17:37

Furti al centro Migros di Sant’Antonino, condannato un 41enne

12 mesi da espiare per un uomo residente in Romania che nel 2018 ha colpito a due riprese il reparto dei dispositivi elettronici del centro commerciale

furti-al-centro-migros-di-sant-antonino-condannato-un-41enne

È stato arrestato in Belgio lo scorso 24 maggio a tre anni di distanza dai colpi effettuati in Svizzera. Su di lui pendeva un mandato di cattura internazionale a causa dei tre furti con scasso commessi nottetempo tra il 17 marzo e il 29 luglio 2018. A farne le spese i centri Migros di Sant’Antonino (colpito due volte) e della località argoviese di Oftringen (nello specifico una compagnia di telecomunicazioni con un negozio all’interno del grande magazzino). Agendo in correità con altre persone, il 41enne rumeno comparso oggi alla sbarra ha sottratto dispositivi elettronici per un valore complessivo di circa 292mila franchi. Davanti alla Corte delle assise criminali di Bellinzona presieduta dal giudice Siro Quadri, l’uomo – con alle spalle altre condanne per simili reati perpetrati in altre nazioni europee – ha ammesso le sue colpe, riconoscendo i fatti così come descritti nell’atto d’accusa stilato dal procuratore pubblico Pablo Fäh. Magistrato che si è accordato con la difesa – sostenuta dall’avvocata Marina Gottardi – nel proporre una pena detentiva di 26 mesi, di cui un anno da espiare in carcere e i rimanenti 14 mesi sospesi con la condizionale. Una proposta che è stata considerata adeguata e dunque confermata dalla Corte, che ha inoltre ordinato l’espulsione del 41enne dalla Svizzera per sette anni. Dal periodo da espiare viene dedotto il carcere preventivo (in totale circa 170 giorni) scontato in Belgio prima dell’estradizione e in seguito nelle strutture carcerarie ticinesi. A favore dell’imputato, ha detto il giudice Quadri, è stata tenuta in considerazione la sua collaborazione in seguito all’arresto.

Tre colpi nell’arco di quattro mesi

In aula l’uomo ha detto di aver effettuato due sopralluoghi prima di colpire una prima volta, la notte del 17 marzo 2018, il centro Migros di Sant’Antonino, per poi ripetersi il 17 giugno seguente. Al fine di introdursi nello stabile, in entrambe le occasioni aveva cagionato danni (per un totale di 9’500 franchi) rompendo la prima volta il vetro di una finestra e quello di una porta in occasione del secondo colpo. Sommando i due furti con scasso, dal reparto di dispositivi elettronici sono stati sottratti cellulari, portatili, tablet e altri accessori per un valore complessivo denunciato da Migros di circa 199mila franchi. Ghiotto anche il bottino del furto con scasso messo a segno a Oftringen il 29 luglio 2018: 129 cellulari rubati per un valore denunciato di quasi 93mila franchi (compresi 3’500 franchi sottratti dalla cassa), più danni per 4’700 per la rottura del vetro di una finestra. Ai tempi l’uomo risiedeva in patria ed era solito a fare la spola tra la Svizzera e la Romania, dove tornava per rivendere parte della merce rubata a prezzi decisamente inferiori rispetto al reale valore. La Corte lo ha condannato per i reati di furto aggravato, ripetuto danneggiamento e ripetuta violazione di domicilio.

Migros di Sant’Antonino presa di mira

Il caso approdato oggi in aula non ha alcuna relazione con gli episodi del 2019 che avevano toccato ancora il centro Migros di Sant’Antonino, ovvero i due tentativi di furto (con rottura del vetro) del bancomat ubicato all’interno del centro commerciale. Nell’ambito dell’inchiesta, coordinata dallo stesso procuratore pubblico Pablo Fäh, erano stati arrestati due uomini sospettati di esserne gli autori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
33 sec
Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo
Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
1 min
Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna
Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
1 ora
Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta
Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Grigioni
2 ore
A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann
In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Locarnese
3 ore
Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’
Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
4 ore
Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca
Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Ticino
4 ore
Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’
Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Locarnese
4 ore
Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze
La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
Bellinzonese
6 ore
Municipio di Bodio favorevole alla fusione con Giornico
Una decisione unanime che permette di avviare l’iter per un’aggregazione ridotta rispetto al progetto che comprendeva anche Pollegio e Personico
Ticino
10 ore
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
© Regiopress, All rights reserved