laRegione
laR
 
28.10.21 - 05:30
Aggiornamento: 07:27

Liceo Bellinzona e prefabbricati, preoccupata pure la Direzione

E dal Collegio dei docenti giunti ‘diversi interventi su punti critici’ della soluzione provvisoria prevista nei tre anni di cantiere

liceo-bellinzona-e-prefabbricati-preoccupata-pure-la-direzione
La caffetteria trasformata in aula magna in occasione di una conferenza (Ti-Press)
+2

La Direzione del Liceo di Bellinzona condivide le preoccupazioni espresse dagli studenti sulla soluzione logistica concepita dal Cantone per accogliere dal prossimo settembre, in un complesso di moduli prefabbricati dal costo di 9 milioni, i quasi 800 allievi e il centinaio di docenti durante i tre anni necessari a ristrutturare e ampliare l’edificio risalente agli anni 70. Lo spiega interpellato dalla ‘Regione’ il direttore Nicola Pinchetti.

L’importante cantiere ha un costo preventivato di 42,8 milioni, prefabbricati inclusi. I liceali, ricordiamo, il 19 ottobre hanno consegnato al presidente del Gran Consiglio Nicola Pini una petizione scritta dal Comitato studentesco e corredata da 548 firme che chiede di ripensare soprattutto la parte prefabbricata ritenendo la sua gestione degli spazi “disastrosa e assolutamente inadeguata”. In particolare, lamentano i liceali, la nuova struttura provvisoria prevista fra il vecchio Liceo e il Bagno pubblico con una forma quadrata e a corte “prevede un unico spazio comune, diviso in due parti, grande poco più dell’attuale caffetteria e in grado di ospitare al massimo 250 persone”. Quest’unico dato, prosegue la petizione, “dovrebbe far ripensare all’intera gestione del progetto dei prefabbricati, ancor più dopo l’esperienza pandemica”.

Martedì pomeriggio – rileva dal canto suo il direttore – ha avuto luogo un collegio docenti voluto per presentare al corpo insegnante e a una delegazione di allievi il progetto di ristrutturazione e ampliamento dell’Istituto. Hanno preso la parola Daniele Sartori (capo Sezione insegnamento medio superiore del Decs), Giovanni Realini (capo Sezione logistica al Dfe) e gli architetti Pia Durisch, Aldo Nolli e Niccolò Nessi dello studio progettista Durisch+Nolli.

Nicola Pinchetti, cos’è emerso dall’incontro?

I docenti hanno potuto prendere visione dello stato di avanzamento del progetto, sia per quanto concerne il villaggio provvisorio, che dovrebbe ospitare l’intera comunità scolastica per tre anni, sia per il progetto definitivo.

Qual è la posizione della direzione sul progetto? Lo sostiene? Ha individuato criticità? Ha proposto modifiche?

La direzione – quella precedente e l’attuale – sostiene il progetto. Per quanto riguarda le criticità, inevitabili in questa fase del progetto, sia il committente, la Sezione della logistica, sia i progettisti si sono mostrati molto disponibili ad approfondire le proposte della direzione e dei docenti.

Qual è la posizione dei docenti? Sono preoccupati o appoggiano il progetto?

Durante l’incontro ci sono stati diversi interventi che hanno evidenziato punti critici ancora da affrontare e da risolvere e alcuni spunti interessanti da approfondire, tuttavia nessuno si è finora espresso esplicitamente contro il progetto. Una presa di posizione formale e condivisa dei docenti non c’è ancora. In ogni caso, esprimere preoccupazione non significa ancora essere contrari al progetto.

La posizione della maggior parte degli allievi è invece piuttosto chiara. Cosa pensa la Direzione della petizione? Condivide le preoccupazioni degli studenti?

La posizione degli studenti appare chiaramente sia dalla presa di posizione di qualche settimana fa sia dalla petizione: non sono contrari al progetto di ristrutturazione ma esprimono preoccupazione per i tre anni che dovremo trascorrere nei prefabbricati. Anche la Direzione ha espresso le medesime preoccupazioni e sia i capi sezione di riferimento sia il committente hanno mostrato disponibilità a entrare nel merito delle richieste avanzate. Per il resto la Direzione saluta positivamente l’iniziativa degli allievi di prendere posizione pubblicamente e sollecitare direttamente il presidente del legislativo cantonale: è un esercizio di maturità civica e di educazione democratica.

La petizione mette l’accento sul fatto che nella struttura provvisoria non vi saranno spazi comuni sufficientemente ampi. Sarà veramente così? Cosa risponde la Direzione a chi è preoccupato?

I calcoli degli allievi sono forse un po’ imprecisi. Come affermato in precedenza, le preoccupazioni espresse sono state recepite dagli organi competenti e si confida si trovino soluzioni adeguate.

La lettera

‘Il Decs non apporterà miglioramenti’

Nel frattempo, in una lettera appesa ieri all’albo dell’Istituto, tre rappresentanti del comitato studentesco hanno definito l’incontro di martedì una “grottesca farsa”. “Speravamo che le nostre rimostranze sulla ristrutturazione avrebbero potuto portare a una riflessione autocritica, alla riconsiderazione di un progetto che presenta evidentissime carenze: ci sbagliavamo”, si legge nella presa di posizione. Il rappresentante del Decs avrebbe infatti sottolineato che “mai e poi mai potrà essere messa in dubbio la natura del progetto e in nessun caso il budget potrà essere aumentato. Come, date queste premesse, possano essere apportati miglioramenti qualitativi e quantitativi alla situazione del villaggio provvisorio, è cosa che non ci è data a sapere”.

Leggi anche:

Esplodono di 17 milioni i costi per il Liceo di Bellinzona

Liceo di Bellinzona, 548 allievi contro la sede provvisoria

Liceo Bellinzona, assemblea studenti contro i prefabbricati

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
4 ore
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
7 ore
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
8 ore
Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’
I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
8 ore
Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere
La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
9 ore
Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia
La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
9 ore
‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’
Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Locarnese
10 ore
La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’
Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Ticino
11 ore
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Mendrisiotto
12 ore
Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’
Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Luganese
12 ore
Lugano, folle fuga sotto l’influsso di cocaina: condannato
La Corte delle Assise criminali ha inflitto al 25enne ventitré mesi sospesi con la condizionale. L’imputato ha ammesso tutti i fatti.
© Regiopress, All rights reserved