laRegione
17.10.21 - 17:08
Aggiornamento: 18:18

Case anziani Leventina: chi testimonia e chi teme ritorsioni

Si moltiplicano le segnalazioni dei dipendenti sui problemi interni, ma non pochi preferiscono tacere. No al Laboratorio di psicopatologia del lavoro

case-anziani-leventina-chi-testimonia-e-chi-teme-ritorsioni
Ti-Press
Una delle tre sedi, quella di Faido

Nell’Istituto leventinese per anziani, attivo nelle tre strutture di Faido, Giornico e Prato, si stanno moltiplicando le segnalazioni dei dipendenti (in tutto 240) cui la Commissione interna del personale ha chiesto di esporre situazioni da loro ritenute problematiche nella gestione della struttura, degli ospiti e delle risorse umane. Ma c’è anche chi, temendo ritorsioni, ha deciso di non esporsi. Sta di fatto che se il numero di testimonianze dovesse risultare troppo esiguo, l’esercizio di verifica potrebbe chiudersi con un nulla di fatto e venire archiviato. Di sicuro, comunque, la lettera anonima inviata verso fine agosto alla Direzione, alla Delegazione consortile, al medico cantonale e al Dipartimento sanità e socialità, trasmessa poi a metà settembre anche ai sindacati Ocst e Vpod infine mobilitatisi, ha avuto il pregio di smuovere le acque portando il ‘caso’ all’attenzione dell’opinione pubblica e soprattutto dei familiari degli ospiti. Familiari sovente messi al corrente dai loro stessi cari riguardo a situazioni non idilliache; familiari tuttavia non di rado rimasti all’oscuro di un malessere serpeggiante, a quanto pare da lungo tempo, e che al momento non sembra investire il direttore Giulio Allidi bensì due quadri intermedi, ossia il responsabile delle cure e la responsabile della qualità.

‘C’è chi ha paura’

Come detto, la reazione del personale non è univoca: da una parte risulta che un numero significativo di dipendenti nelle ultime settimane, e ancora nei giorni scorsi, abbia esplicitato nero su bianco all’indirizzo della Commissione del personale – nell’ambito dell’inchiesta interna decisa dalla Delegazione consortile incontrando le parti il 7 ottobre – un’importante serie di episodi ritenuti critici e ripetuti nel tempo; dall’altra, stando a una testimonianza raccolta dalla redazione, viene evidenziata la condizione di «molti dipendenti frustrati e scontenti che non vogliono scrivere nulla per paura, temendo che se non si dovesse arrivare a una soluzione i due responsabili del personale potrebbero farli pentire amaramente». Un altro punto sensibile viene indicato nel rapporto di parentela fra il presidente della Delegazione consortile Marzio Eusebio e il direttore. Tornando poi al gruppo di lavoro interno istituito con l’obiettivo di fare piena luce e formato da rappresentanti della Delegazione consortile, della Commissione del personale e dei sindacati, c’è chi lo vede come il tentativo di voler ‘lavare i panni sporchi in casa’ considerato che non è stata accolta dai vertici della Delegazione consortile la richiesta sindacale di coinvolgere sin dall’inizio nelle verifiche il Laboratorio di psicopatologia del lavoro, servizio dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale – si legge nel sito del Dss – specificatamente rivolto a tutte le persone che manifestano un disagio o presentano problemi sociali, familiari, economici, legali a causa di una situazione lavorativa difficile o problematica quale disoccupazione, precarietà, conflitti sul posto di lavoro, mobbing/molestie, burnout/stress, licenziamento. Senza dunque voler coinvolgere degli specialisti esterni, si apprendeva dal comunicato del 7 ottobre, il gruppo di lavoro mira a verificare la situazione “in uno spirito di collaborazione costruttivo, con l’intento di ridare la giusta serenità all’ambiente di lavoro nell’interesse del personale e dei residenti”.

Eusebio: ‘Verifica interna completa’

Interpellato dalla ‘Regione’ il presidente della Delegazione consortile, Marzio Eusebio, su questo ultimo punto spiega che le parti presenti alla riunione del 7 ottobre hanno infine deciso «tutte insieme di effettuare una verifica interna completa mettendo in campo tutte le energie senza nascondere nulla. Completa perché viene data la possibilità a chiunque, senza pressione alcuna, di portare la propria testimonianza pertinente. Non solo, le persone incaricate delle verifiche sono anche proattivamente andate alla ricerca di chi potesse contribuire a esporre i presunti punti critici. Non si tratta di voler lavare i panni sporchi in casa o di nascondere qualcosa, ma di dimostrare la capacità di risolvere la situazione facendo la necessaria auto-critica. Attualmente si stanno riassumendo le testimonianze raccolte per comprende l’entità delle accuse mosse e definire, nella fase successiva, gli eventuali provvedimenti». Quanto alla parentela col direttore, «lui è nipote di mia moglie ed è stato regolarmente assunto dopo concorso pubblico e designato all’unanimità sulla base delle sue riconosciute capacità professionali e personali. È una persona all’altezza della situazione, tanto che oggi non gli viene contestato nulla».

Le due e-mail del 2019

Intanto il ‘Mattino della domenica’, che per primo nelle scorse settimane ha reso noto il clima di malcontento, oggi ha aggiunto altri dettagli pubblicando i contenuti di due e-mail inviate da un collaboratore (espostosi a nome di molti colleghi) al direttore nel giugno 2019, quindi ben due anni fa. Missive che puntavano il dito contro il responsabile delle cure accusato di “comportamento non professionale, rigido e ottuso” e di “creare e alimentare zizzania fra il personale sin dalla sua assunzione” agendo con “apatia e menefreghismo”. Atteggiamento che sarebbe stato all’origine di diverse dimissioni volontarie. Più avanti, sempre riferendosi al capo cure, l’e-mail cita anche episodi di maltrattamento fisico e verbale nei confronti degli ospiti nonché battutine osé rivolte a talune colleghe.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere
Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
1 ora
Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale
Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Luganese
1 ora
Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’
La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Ticino
8 ore
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
9 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
11 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
13 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
13 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
13 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
15 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
© Regiopress, All rights reserved