laRegione
Venezia
1
Fiorentina
0
2. tempo
(1-0)
dopo-l-articolo-la-mozione-fermare-il-traffico-parassitario
Veicoli e furgoni in cerca di una via di fuga dalle code sulla cantonale (foto Regione)
Bellinzonese
14.10.21 - 12:060
Aggiornamento : 14:56

Dopo l’articolo la mozione: ‘Fermare il traffico parassitario’

Monte Carasso, consigliere comunale chiede d’introdurre urgentemente un senso unico nella viuzza in cui si trova la Scuola dell’infanzia

A Monte Carasso la misura è colma e vanno perciò attuate misure urgenti per ridurre il traffico parassitario e incrementare la sicurezza dei pedoni, specialmente i bambini. Dopo il nostro ultimo articolo pubblicato il 10 settembre, il consigliere comunale Luca Madonna sottopone oggi al Legislativo di Bellinzona due mozioni. Nella prima ribadisce che da anni ormai il traffico parassitario riversato dalla strada cantonale su Strada Nòvo, via che attraversa l’abitato nella parte bassa e fa da collettrice verso le stradine di paese per poi risbucare sulla cantonale, peggiora la qualità di vita degli abitanti e la sicurezza di chi si sposta a piedi. Da qui la proposta per rendere meno attrattiva la rete stradale locale introducendo un senso unico discendente sia per Strada del Tesign (lungo la quale si trova la Scuola dell’infanzia) sia per la successiva Er Burg’ère Ferè che sfocia in Strada Nòvo. Così facendo – scrive il consigliere del gruppo Lega/Udc – si eliminerebbe il traffico parassitario ascendente in queste due viuzze prive di marciapiedi e giornalmente percorse da molti genitori che accompagnano i figli all’asilo a piedi. Una visita sul posto, durante una mattina di settembre, aveva in effetti permesso alla nostra redazione di ravvisare situazioni oltremodo rischiose laddove auto e furgoni s’incrociano di continuo nelle viuzze in presenza di pedoni costretti a scansarsi.

Si teme il cantiere per il semisvincolo

La richiesta di un intervento comunale tempestivo, con tanto di messaggio municipale urgente, si basa anche sul fatto che prossimamente l’avvio del grande cantiere per la realizzazione del semisvincolo autostradale sulla strada cantonale, nella parte in fondo al paese che si connette al ponte Tatti, rischia di incrementare notevolmente il traffico parassitario nel nucleo di Monte Carasso generato dai conducenti ‘in fuga’ dalle code che nelle ore di punta si formano su via Locarno e via al Ticino. Da qui la richiesta del senso unico: provvisorio durante tutta la durata del cantiere e definitivo una volta ultimato. I rilevamenti effettuati nel 2019/20 da uno studio d’ingegneria specializzato in questioni viarie indicavano il 20% di traffico parassitario nelle ore di punta su Strada Nòvo: secondo il Municipio troppo poco per introdurre misure di moderazione aggiuntive – che necessitano di solidità giuridica per poter superare eventuali scogli ricorsuali – a quelle implementate negli anni precedenti. L’autorità cittadina intende comunque ripetere adesso quei rilevamenti, così da comprendere come la situazione si è evoluta e se siano opportune misure correttive. Sempre Luca Madonna con una seconda mozione chiede la posa di uno sbarramento di sicurezza sul marciapiede situato nei pressi dell’ex Convento e delle Scuole elementari, così da evitare che i veicoli vi possano salire come non di rado accade adesso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Parmalat Bis, Luca Sala ribadisce la sua estraneità
Al primo giorno di dibattimento al Tribunale penale federale di Bellinzona la Corte ha acquisito le sentenze civili del Liechtenstein favorevoli a Sala
Ticino
2 ore
Fiduciari, dal Gran Consiglio un chiaro sì alla legge
Ok all’adeguamento alle norme federali. Riconosciuta la necessità di mantenere la LFid. Bertoli (Autorità di vigilanza): tutela dei clienti prioritaria
Luganese
2 ore
Monteceneri, Casa Landfogti interamente nelle mani del Comune
Sono stati accolti dal Gran Consiglio l’estinzione della demanialità e la convenzione tra Cantone e Comune sul passaggio gratuito del terreno
Gallery
Mendrisiotto
2 ore
Il nucleo di Ligornetto chiude. E fuori tutti in colonna
Mendrisio difende la misura, Stabio la contesta e chiede un tavolo di discussione. Intanto, c’è chi pensa di riportare al voto la popolazione
Ticino
3 ore
Maltrattamenti, il veterinario cantonale sarà parte civile
Approvato in Gran Consiglio il rapporto della Commissione giustizia e diritti
Bellinzonese
3 ore
‘Cara Sommaruga, verifichi cosa sta facendo l’Uft’
Nuove Officine Ffs: il legale di tre ditte attive a Castione sollecita la consigliera federale affinché s’interessi del dossier
Luganese
5 ore
Eroina sul treno a Lamone, condanne fino a 6 anni
La Corte delle Assise criminali di Lugano ha condannato i ‘muli’ intercettati il 15 aprile con tre chili di droga nascosti nello zaino
Locarnese
6 ore
Discariche abusive, domande al governo
Interrogazione in merito a incuria e degrado dell’area. Situazione già denunciata in passato, ma nulla è cambiato
Locarnese
6 ore
Verscio, addio a Pablo, l’esercente amato da tutti
Cordoglio e incredulità per la morte di Paolo Janner, titolare per anni del Ristorante Croce Federale
Mendrisiotto
6 ore
Bancarotta fraudolenta, due anni di carcere
Condannato un 68enne del Mendrisiotto che ha svuotato gli attivi della sua società per un totale di 1,2 milioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile